Avvolti nel mistero i due cadaveri

    0

    Gli inquirenti sono ancora alla ricerca di qualche ipotesi plausibile per dare una spiegazione al ritrovamento di due cadaveri nella acque del Canale di Mezzo che esce dal Benaco.

    Legati e incappucciati, rinchiusi in scatoloni, senza alcun segno di violenza apparente, senza ferite evidenti, forse strangolati o avvelenati; la donna è stata trovata con mani e piedi legati dietro la schiena, metodologia criminale tipica dei delitti mafiosi, il che complica ulteriormente la questione. Qualche indizio utile agli inquirenti potrebbe venire dalle autopsie e dagli esami tossicologici eseguiti sui corpi. Ieri è stato il turno dell’uomo, oggi toccherà al cadavere della donna, entrambi presso l’ospedale di Borgo Trento a Verona.

    Nessuna segnalazione di scomparsa è stata nel frattempo diramata. I due potrebbero essere marito e moglie, oppure lei potrebbe essere la badante dell’uomo.
    a.c.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY