Residenti reclusi e infuriati

    0

    Il campionato è appena cominciato, ma già i residenti di Mompiano ne hanno fin sopra i capelli. Ce l’hanno col sindaco, reo di non tutelare i propri cittadini e di permettere al questore di blindare un intero quartiere per una partita di calcio. E ce l’hanno con Corioni, che vorrebbe lo stadio nuovo "in regalo" dalla città.

    La signora Marina Rossi, presidente dell’associazione Commercianti e artigiani di Mompiano, ieri ha riunito i membri e tutti i cittadini interessati e ha messo sul tavolo tutti i problemi legati alla questione sicurezza nei giorni della gare interne del Brescia. Problemi di natura economico-commerciale (se nessuno può circolare liberamente, nemmeno i clienti degli artigiani e dei laboratori alimentari, come si vende? i ricavi nei giorni delle gare sono anch’essi… blindati) ma anche problemi di libertà personale. Nel quartiere prima della gara con la Roma, giocata di mercoledì, era difficile pure tornare a casa propria, pure andare a prendere i figli fuori da scuola.

    I cittadini vorrebbero che la squadra del Brescia ne andasse da Mompiano, non importa se a Castenedolo o a Buffalora. E il vecchio Rigamonti? Guai a toccarlo, tuonano. Niente abitazioni, niente uffici né tantomeno un nuovo centro commerciale (se si costruisse la cittadella dello sport a Buffalora la giunta potrebbe dare le volumetrie sull’area alla ditta costruttrice). Che lo si dia in gestione al Cus, piuttosto.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome