Prova a corrompere l’impiegata Asl

    0

    E’ accaduto ieri mattina, alle ore 10.00 circa. Una signora di nazionalità ucraina, del 1949, in compagnia del marito italiano e di qualche anno più anziano, si è presentata presso l’Ufficio Invalidi dell’Asl in via Duca degli Abruzzi per consegnare l’istanza di invalidità a favore del coniuge.

    All’interno della pratica però, in una busta lasciata aperta perché se ne intravedesse il contenuto, 450,00€ in contanti.

    L’impiegata dell’Ufficio, nell’esaminare l’incartamento, ha visto subito il denaro. Vani i suoi tentativi di restituirlo alla straniera la quale ha insistito nel consegnarglielo “quale regalo per lei, per il delicato lavoro che stava svolgendo e per il quale a fine mese non avrebbe sicuramente percepito uno stipendio adeguato”.

    La dipendente, per evitare che la situazione creasse spiacevoli equivoci, data anche l’affluenza di pubblico in quel momento nell’ufficio, ha riposto la busta con il denaro all’interno della documentazione ritirata ed ha avvisato dell’accaduto il suo responsabile che non ha esitato a contattare il 113.

    Agli agenti giunti sul posto la straniera, con fare disarmante, ha dichiarato di aver agito in buona fede secondo quelle che sono le usanze del suo Paese d’origine.

    Accompagnata in Questura la donna è stata indagata, in stato di libertà, per istigazione alla corruzione.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY