Il Monti aspetta la Sanbonifacese

    0

    L’obiettivo del Montichiari in vista dell’imminente confronto interno con la lanciata Sambonifacese (gara che inizierà alle 14.30) è piuttosto chiaro. Tutta la squadra, infatti, vuole cogliere un successo da dedicare al presidente Maurizio Soloni che nei giorni scorsi ha perso la mamma Adelina. Una vittoria importante quindi per il suo preciso significato, ma utile anche per cancellare nel migliore dei modi l’amarezza per il beffardo pareggio subito in extremis domenica scorsa a Chiavari, quando all’ultimo dei 4’ di recupero una meritata vittoria e quindi tre punti preziosissimi si sono trasformati in un pareggio che certo non rappresenta a dovere quello che la compagine monteclarense ha saputo fare in casa della pur temibile Virtus Entella. E’ per questo che la formazione allenata da Claudio Ottoni deve dare fondo alle risorse a sua disposizione per tornare al successo anche tra le mura amiche, dimostrando tutto il suo valore anche contro un avversario come i veronesi che stanno mettendo in mostra un ottimo momento. Un avversario che comunque l’allenatore rossoblu conosce molto bene, visto che è stato proprio Mister Ottoni a condurre gli scaligeri tra i professionisti. Il tecnico monteclarense non sarà l’unico ex di questa partita, visto che anche Dimas ha avuto modo di farsi conoscere ed apprezzare proprio a S. Bonifacio, spiccando da lì il gran balzo che lo ha portato a conquistare nientemeno che le attenzioni del Chievo. Stimoli importanti, dunque, per dare quel qualcosa in più che può consentire al Montichiari di superare un ostacolo molto insidioso, giudicato da parecchi addetti ai lavori tra i più difficili di tutto il Campionato. La Sambonifacese, infatti, ha raggiunto la sua piena maturità e riesce a mostrare il suo spirito sia in casa che in trasferta, facendo valere qualità di indubbia caratura. Un bel “compito” attende quindi il rientrante capitan Fusari (che ha scontato la sua giornata di squalifica saltando la trasferta di Chiavari) ed i suoi compagni, una formazione all’insegna dei giovani, ma che, dopo l’ennesima riprova del suo potenziale offerta anche in casa dell’Entella, è più che decisa a dare il massimo per cominciare finalmente a raccogliere in base a quanto riesce a seminare nel corso dei 90’. Al Montichiari serve dunque la partita perfetta, la prestazione che riesca ad abbinare il gioco piacevole ed incisivo sempre messo in mostra dalla squadra di Mister Ottoni alla concretezza che può far fruttare a dovere le palle-gol costruite. Un obiettivo che l’intero gruppo monteclarense ha cercato di preparare durante la settimana che sta ormai per concludersi, provando e riprovando soluzioni di gioco e cercando l’atteggiamento giusto per stare in campo dal primo all’ultimo istante della partita. Salvo sorprese dell’ultima ora (legate soprattutto alla rifinitura del sabato mattina), la formazione rossoblu non dovrebbe lamentare assenze particolari. Questa settimana non ci sono squalificati e tutti i componenti della rosa sono decisi a farsi trovare pronti in un appuntamento tanto importate. Per tutti, tra l’altro, c’è lo stimolo particolare di voler dedicare una bella vittoria al presidente Soloni ed alla sua famiglia, provati nel corso della settimana dalla scomparsa della madre Adelina. Un motivo in più per trarre spunto da queste ore così tristi e scrivere una bella pagina di sport.      

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY