Prc: solidarietà agli immigrati

    0

    La Federazione di Brescia del Partito della Rifondazione Comunista esprime la propria attiva solidarietà alle persone in lotta da più di un mese per uscire dalla condizione di lavoratori occultati e di persone senza diritti alla quale sono costretti.

    Denuncia il carattere in origine classista e discriminatorio che la legge sulla emersione dalla clandestinità per colf e badanti possiede nei confronti degli stessi italiani, essendo evidentemente diretta a garantire servizi alle famiglie che ne hanno la possibilità economica, in assenza dei servizi sociali pubblici che dovrebbero rispondere ai bisogni della generalità della popolazione.

    Rimarca gli aspetti confusi ed arbitrari della legge e delle sue interpretazioni, che hanno comportato un danno economico rilevante a coloro che hanno fatto domanda di usufruirne, essendo richiesto il versamento anticipato di grosse somme, che per molti hanno raggiunto l’ammontare di qualche migliaia di euro, semplicemente seguendo le procedure consigliate; soldi che per gli interessati saranno comunque perduti, qualunque sia l’esito delle domande inoltrate; aspetti che forse potrebbero interessare il codice penale, se a compiere queste attività fossero dei privati.

    Stigmatizza come assurda la circolare del ministero dell’interno che esclude dalla possibilità di usufruire della legge coloro che sono stati condannati come clandestini, in base ai provvedimenti di carattere strumentale e vessatorio introdotti nel 2004, che hanno trasformato la clandestinità in reato. Infatti in generale è assurdo che una legge fatta esplicitamente per i clandestini non valga per i clandestini. In particolare è assurdo trasformare una legge in un gioco d’azzardo, perché, dal momento che sempre di clandestini si tratta, solo i fortunati che non sono mai stati individuati prima possono usufruirne, mentre questa possibilità è proibita a chi ha avuto la sfortuna di incappare in qualche controllo.

    La federazione invita perciò i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alla manifestazione che si terrà sabato 30 ottobre a sostegno delle legittime richieste delle persone migranti.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY