Rifiuti, ogni bresciano ne produce due tir; 3 famiglie su 4 pronte a cambiar stile di vita

0

A Brescia, si sa, si producono troppi rifiuti: 721 kg per abitante all’anno, quasi due tir, il 41% in più rispetto alla media regionale, +32% rispetto alla media nazionale di 546 kg/ab/anno. Per capire il perché di questo dato abnorme e studiare i possibili correttivi, nel marzo scorso la Consulta per l’ambiente del Comune di Brescia aveva messo in campo il progetto AltreVie (www.br3scia.it/altrevie) e fatto partire un’indagine tra le famiglie bresciane. L’indagine – coordinata dal tavolo “Rifiuti Zero” della Consulta per l’ambiente, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Sociali dell’Università degli Studi di Brescia, l’Unità di staff statistiche del Comune e con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Brescia – ha realizzato 150 interviste presso altrettante famiglie della zona di San Polo. I risultati? Secondo il 42,7% degli intervistati la partecipazione dei cittadini, delle famiglie e delle associazioni è determinante per ridurre i rifiuti e secondo il 38,7% è importante. La cittadinanza interpellata chiede di essere coinvolta nelle scelte. Il percorso delineato da “AltreVie” è complesso e trova la sua origine nella prospettiva offerta dalla teoria “Rifiuti Zero” in base alla quale il miglior rifiuto è quello che non è mai stato prodotto. II 73% degli intervistati ritiene che quasi tutto quello che facciamo nella nostra vita moderna danneggi l’ambiente e secondo il 68% l’impegno individuale nella difesa dell’ambiente è importante. Addirittura il 74% delle famiglie dichiara di essere disposto a modificare il proprio stile di vita. Ma il 40% delle famiglie intervistate riconosce in primo luogo alla Pubblica Amministrazione il ruolo di motore e garante del processo di cambio in materia di riduzione del rifiuto a monte. In questo senso il compito principale per gli Amministratori Locali è quello di implementare modelli di raccolta dei rifiuti virtuosi.

Sabato 11 dicembre alle ore 18:00, nell’ambito delle iniziative della “Tenda della solidarietà”, presso il salone Pia Marta, in Piazzetta San Faustino, a Brescia, il tavolo “Rifiuti Zero” presenterà alla cittadinanza i dati salienti di questa ricerca. La presentazione sarà preceduta dalla proiezione delle immagini della mostra “Measure for measure – Rifiuto per rifiuto” di Rosanna Maiolini.

In allegato una sintesi dell’indagine.

 

 

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Un\’intera indagine e 150 interviste per capire come mai a Brescia si producono tanti rifiuti???? Bastava andare in via Malta. Lì c\’è un\’enorme impianto che ha bisogno di 800mila tonnellate di spazzatura all\’anno per funzionare!!! Bresciani, aprite gli occhi!!!!!!!!!!!!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome