Mercoledì pellegrinaggio delle casalinghe nei luoghi sacri

    0

    Come da tradizione ormai consolidata negli anni sarà un viaggio – pellegrinaggio a chiudere l’anno solare del gruppo "Casalinghe di Bagnolo". L’escursione è programmata per Mercoledì 15 dicembre e porterà le aderenti del sodalizio a visitare alcuni luoghi sacri della Val Seriana, in provincia di Bergamo.

    La partenza è fissata per le ore 8.00 da Piazza della Resistenza. Alle 9.30 è prevista la visita al borgo di Gandino le cui origini risalgono a prima del 500 a.C. Nel 1233 l’atto di emancipazione, con il quale il popolo gandinese acquisiva la libertà dal vincolo dei doveri feudali. A ricordo di questo episodio, viene ancora oggi conservata l’imponente pergamena (lunga ben 6,5 metri) che attesta l’affrancamento dai conti Ficieni di Bergamo, allora signori del luogo. Si visiterà poi la chiesa museo parrocchiale.

    Alle 11.30 messa al Santuario di Ardesio, costruito per ricordare l’apparizione che venne vissuta come una difesa della integrità cattolica della Fede di fronte alle tendenze ereticali protestanti, che venivano dal nord. Iniziato nel 1608, sarà completato con il campanile terminato nel 1665

    Nel pomeriggio, dopo il pranzo in ristorante, alle 15.00 ci sara la visita alla parrocchiale di Gromo, paese reso famoso, nella storia, per le miniere di ferro e per la fiorente attività di produzione di armi bianche, spade e storte, pugnali e daghe, spuntoni ed alabarde che, realizzate nelle officine del paese, per tutto il periodo in cui Gromo venne annesso alla Repubblica di Venezia (1428 – 1797), si esportavano in tutta Europa

    Alle 16.30 ci si recherà poi ad Alzano Lombardo per la visita alle sue famose Sacrestie, sezione del Museo d’Arte Sacra San Martino, che raccolgono una serie di sculture, intarsi, stucchi ed affreschi risalenti al XVII secolo dei migliori esponenti del barocco lombardo. Le tre Sacrestie furono costruite nell’ottavo decennio del Seicento per essere usate come locali di riunione, preparazione e preghiera del clero locale.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY