Quattro dipendenti del Comune in pensione, in un colpo solo

    0

    Mentre prosegue il dibattito sulla pensione, sull’età lavorativa per raggiungerla, sugli anni necessari per smettere di lavorare, dal prossimo 31 dicembre saranno tre le pedine dell’organico del Comune di Bagnolo Mella che saranno collocate a riposo, avendo raggiunto l’agognata meta della pensione, e che si aggiungono ad un quarto collega che li ha anticipati in questo traguardo già dall’inizio di luglio. Un evento certo non comune per l’Amministrazione Comunale, che può contare attualmente su un organico di una cinquantina di persone, e che non "perdeva pezzi" causa pensione dalla fine del 2007.

    I pensionandi, che hanno salutato il mondo del lavoro offrendo un rinfresco ai colleghi, pur in momenti diversi, sono, in stretto ordine alfabetico Pierangelo Bolda, Giampietro Guarneri, Giuseppe Mantovani e Angiolino Molinari.

    Pierangelo Bolda è arrivato in Comune dopo un’esperienza lavorativa alla Lonati, nel 1978 in qualità di Vigile Urbano. Nel 1982 è diventato impiegato inell’Ufficio Segreteria fino al termine di ottobre del 2005 quando ha assunto la responsabilità edlla Biblioteca con "allegati" ufficio cultura, scuola sport e tempo libero ed anche informagiovani.

    Gianpietro Guarneri dopo anni di lavoro come geometra di cantiere in una ditta edile del paese viene assunto in Comune nell’aprile del 1986 presso i Lavori Pubblici dell’ufficio tecnico, settore che non lascerà più diventando responsabile dal maggio del 1998.

    Giuseppe Mantovani anche lui proviene dal mondo dell’edilizia ed entra in comune nel febbraio del 1979 con la qualifica di messo notificatore, lavoro che ha continuato a svolgere fino al termine della propria carriera.

    Angiolino Molinari inizia a lavorare in biblioteca nel 1969 con contratti part-time. Viene assunto in ruolo, in biblioteca, nel 1980 e vi resta fino al 1999 quando arriva nell’edificio municipale in qualità di responsabile di settore legato allo sviluppo dei servizi al cittadino.  

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY