Eletto il nuovo consiglio comunale dei ragazzi

    0

    Rinnovato il Consiglio comunale dei Ragazzi che era giunto a scadenza dopo i due anni (scolastici) di mandato. Lo scorso venerdì 17 dicembre si sono infatti svolte le elezioni per il rinnovo dell’organismo.

    Anche in questa occasione è stata altissima l’affluenza alle urne da parte dei ragazzi, anche se in leggero calo percentuale rispetto alla tornata della fine 2008. In base all’apposito Regolamento, sono elettori attivi (con diritto di voto) i ragazzi che frequentano le classi 4ª e 5ª elementare, e le tre medie, mentre possono essere eletti (elettori passivi) gli alunni della 4ª e 5ª elementare e della 1ª e 2ª media.

    Per questo rinnovo si sono "recati alle urne" 392 ragazze e ragazzi delle medie (su 419 aventi diritto, pari al 93,56%) e 213 alunni delle elementari (su 232, il 91,81%). Altissimo il numero dei voti validi (98,35%) distribuiti tra i quaranta candidati. Solo una la scheda bianca e nove quelle nulle a fronte dei 605 votanti. Lo scrutinio ha proclamato l’elezione dei 20 consiglieri che dureranno in carica per i prossimi due anni e che, come prevede il regolamento, sono equamente distribuiti tra i due ordini di scuola. Dieci quindi i consiglieri in rappresentanza delle elementari (quattro femmine e sei maschi): Michele Volonghi, Alessandro Marinoni, Giambattista Baronchelli, Valentina Rossetti, Francesco Viola, Noemi Vezzoli, Nicole Viviani, Alessandro De Natale, Gloria Feroldi, Matteo Rota.

    Altrettanti i rappresentanti delle medie e (due sole le ragazze in questo caso) Guene Adama, il più votato con ottantatre preferenze, Alessandro Scartapacchio, Marco Facconi, Simone Scalvini, Enrico Avanzi, Alessia Ferrari, Nicola Pagliotti, Carlo Cremonesi, Elisa Valzelli, Matteo Cogoli.

    Rispetto allo scorso consiglio cala leggermente la "Quota Rosa" che passa da sette a sei unità.

    In base al regolamento entro due mesi il nuovo consiglio si dovrà riunire per procedere all’elezione del Sindaco e degli assessori, con l’attribuzione delle rispettive deleghe. Come nella realtà dei grandi, i contatti sono già in corso e si prevede di anticipare i tempi di convocazione del consiglio rispetto alle scadente stabilite, entro la fine del mese di gennaio.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY