Strage, una memoria condivisa è possibile

    0
    Bsnews whatsapp
    di Federica Papetti- Chi lo conosce come uomo politico ne apprezza la mitezza e la preparazione, ma tutta Italia lo conosce come il figlio di una delle vittime della strage di piazza Loggia. Alfredo Bazoli in quel tragico 28 maggio del 1974 perse la mamma, dilaniata con altre sette persone da una bomba messa da non si sa chi. Si perché ancora oggi, dopo 36 anni, quella strage non trova giustizia. Nemmeno l’ultimo processo celebrato a Brescia e concluso con l’ennesima sentenza di assoluzione è riuscito a individuare i colpevoli di una strage, che per Alfredo Bazoli, rappresenta un dramma personale all’interno di una ferita collettiva mai rimarginata.

     

    Avv Bazoli, lunedì sera il Pd ha organizzato un incontro con Massimo D’Alema, Walter Veltroni e Pierluigi Castagnetti per tentare alcune riflessioni dopo quell’amara sentenza che lascia impunita una della vicende più drammatiche della storia repubblicana. Lei condivide la ricostruzione che ne è stata fatta?

     

    Prima di tutto devo fare una premessa: se mi avessero chiesto come organizzare l’evento di lunedì avrei suggerito di non fare un’iniziativa di partito, ma avrei preferito che s’invitassero anche esponenti autorevoli o istituzionali del centro destra sia a livello nazionale che locale. Perché lo sforzo che dobbiamo fare è quello di unire tutte le forze democratiche per costrire una memoria condivisa su quell’evento. Solo in questo modo è possibile un servizio alla memoria. Sono convinto che molte persone del centro destra, che quel 28 maggio non erano in piazza per svariati motivi, oggi sottoscriverebbero le ragioni che portarono i manifestanti a scendere in piazza quel 28 maggio. Una percorso di memoria condivisa è il solo modo per non rendere quelle morti inutili. Non vorrei, infatti, che si ripetesse l’errore della Resistenza dove qualcuno ha cercato di appropriarsi in tutti i modi di quella stagione. Ha, quindi, ragione Paroli quando dice che non invitato non se la sentiva di partecipare ad un’iniziativa di partito. Giusto, quindi, isolare voci come quelle della Beccalossi, ma nello stesso tempo doverso coinvolgere anche il centro destra nel percorso della memoria. Per quanto riguarda, invece, la serata in particolare credo sia stato un incontro ben riuscito con ricostruzioni equilibrate e con una sala gremita di persone che non vogliono dimenticare.

     

    Negli interventi dei tre opsiti, mi riferisco alle relazioni di D’Alema Veltroni e Castagnetti sono emerse sfumature diverse soprattutto sul ruolo della Democrazia Cristina del tempo. Secondo D’Alema, che ha citato il recente libro di Mimmo Franzinelli, la Dc è il partito che ne esce lacerato perché alcuni di loro ben conoscevano l’anticomunismo viscerale che albergava nelle sue componenti più reazionarie e quindi sapevano anche dei “compromessi radicali” cui erano disposti a scendere  purchè la sinistra non andasse al potere. Castagnetti, però, ha voluto ricordare come il volto del Pci di allora fosse ben diverso da quello che diventerà poi e di come il legame con l’Urss fosse ancora ben saldo, tesi giudicata da D’Alema un po’ un alibi. Lei cosa ne pensa?

     

    L’estremismo di destra ha sempre accreditato le stragi come stragi di Stato, quindi della Dc. Io starei attento a certe riletture perché non vorrei che nello stesso tempo si avallasero queste tesi e venisse butttata a mare la storia del nostro Paese. Sicuramente nella Dc esistevano ambienti e ambiti ferocemente anticomunisti, tenuto presente appunto che i comunisti di allora non erano quelli di oggi, e quindi esisteva settori  disponibili a qualunque compromesso per evitare che il Pci potesse salire al potere. Tant’è che sia De Gasperi prima e Moro, poi  non vollero mai un governo monocolore proprio per evitare tali spinte reazionarie. Io preferisco mettere insieme gli interventi di D’Alema e Castagnetti  perché entrambi confermano come la Dc sia stato un grande partito democratico.

     

    Quali sono i punti fermi che rimangono dopo il processo, nonostante la sentenza assolutoria?

    Il processo appena concluso deve essere letto insieme a tutte le altre inchieste che si sono succedute nel tempo. I punti fermi sono  proprio quelli messi in discussione dalla Beccalossi. La strage è opera dell’estremismo neofascista veneto che aveva dei collegamenti con gli ambienti milanesi e degli agganci anche con quelli bresciani. Inoltre, rimane fermo che la verità non è stata acquisita perchè nel corso degli anni si sono succeduti insabbiamenti e depistaggi che hanno impedito l’emersione dei colpevoli e delle prove.

     

    Secondo lei perché l’onorevole Viviana Beccalossi insiste nell’affermare che la verità non emerge perché si sbaglia pista nelle indagini?

    Credo che le dichiarazioni di Viviana Beccalossi abbiano un pizzico di strumentalità, che siano deformate da un approccio ideologico dato dalla preoccupazione di non sentire quell’evento accostabile a questo centro destra. Ma io ribadisco che una lettura condivisa di quel dramma rimane possibile.

     

    Vorrei rivolgerle una domada un po’personale, penso a lei, a Benedetta Tobagi o Mario Calabresi tutte persone che, seppur colpite da un dramma immenso, non conservano rancore e hanno archiavito la rabbia. Come avete fatto?

    Per quel che mi riguarda conta il contesto famigliare. Mio padre ha sempre cercato di capire mantenendo un atteggiamento sereno. Dopo di che la strage di piazza Loggia per me è un dramma soprattutto personale, un buco nero che colpisce tutti quelli che perdono un genitore in tenera età, anche se forse quando ciò avviene a causa di una malattia o di un incidente, forse, diventa più facile farsene una ragione.

     

    Secondo lei esistono oggi i fascisti?

    Non come quelli di una volta, ma esistono persone che non posseggono un sincero spirito democratico e la democrazia in Italia è ancora fragile.

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Bazoli è una persona che riesce a anteporre il bene comune al proprio dolore e quindi forse anche al proprio interesse. Per questo va stimata.

    2. Trovo scandaloso che dopo più di 30 anni non si sia ancora arrivati alla verità sulla bomba e che alcuni esponenti del centrodestra (autorevoli, pare) mettano persino in dubbio la veirtà storica

    3. condivido. Personaggi come la Beccalossi, che aprono la bocca prima di avere pensato, non vanno isolati, ma zittiti con le argomentazioni intelligenti e responsabili come quelle portate dall?Avv. Bazoli. Grazie!

    4. Apprezzo i toni di Bazoli anche nel biasimare quanto detto dalla Beccalossi. Solo così si può arrivare alla condivisione vera del dolore e a trasformarlo in qualcosa di unitario.

    5. Bazoli ha idee e le sa esprimere in maniera civile e tratta la vicenda da politico non da figlio di una vittima; per questo va ascoltato on molta attenzione.

    6. A me francamente pare che il ricordo di quanto accaduto, delle cause e delle conseguenze, si stia un po’ perdendo e del perché dovremmo interrogarci tutti. Senza memoria rischiamo di ripetere quegli errori. L’unica nota positiva è che nel centrodestra attuale si stanno aprendo spazi di condivisione sul senso del ricordare.

    RISPONDI