Lotta ad doping, educazione alimentare e fair play: torna il progetto SPORT

    0
    Bsnews whatsapp

    L’Assessorato allo Sport della Provincia in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia per il secondo anno consecutivo, ha redatto il Progetto S.P.O.R.T. (Salute, Passione, Onestà, Rispetto, Territorio) che coinvolge una serie di società sportive per incontri mirati con le classi terze degli istituti di primo grado e le prime tre classi degli istituti di secondo grado. La finalità cardine è di creare fra i giovani una coscienza diffusa che lo sport, insieme a una sana alimentazione, consente una vita migliore; oltre a far conoscere ai ragazzi le realtà sportive presenti sul proprio territorio. Lezioni animate da professionisti del settore, tecnici sportivi, alimentaristi e medici dello sport, lo strumento per il raggiunger l’obiettivo. Oltre 40 le Società Sportive coinvolte per un ventaglio di attività che spaziano dalle Arti Marziali, all’Atletica Leggera, al Calcio, Football Americano, Ginnastica Artistica, Pallacanestro, Pallamano, Pallanuoto, Pallavolo, Rugby e Vela. "Siamo giunti – ha spiegato stamane durante la presentazione del progetto l’Assessore Fabio Mandelli – alla seconda edizione di questo evento, studiato attraverso i canoni che l’acronimo della parola stessa nasconde: Salute Passione Onestà Rispetto Territorio. Lotta al doping, educazione alimentare e fair play le chiavi di lettura di un’esperienza formativa per ragazze e ragazzi tra i 13 e i 17 anni". Il progetto si avvale dell’opera volontaria di partner che forniscono il loro supporto agli incontri all’interno delle scuole: la sezione di Brescia degli Arbitri di Calcio; l’Associazione Italiana Disturbi dell’Alimentazione e del Peso (AIDAP); la Federfarma di Brescia; il Centro Sportlife Medical Center di Brescia, Montichiari e Toscolano Maderno; la Federazione dei Medici Sportivi di Brescia; la Libera Accademia di Belle Arti di Brescia (LABA); l’Associazione Italiana Allenatori di Calcio gruppo di Brescia.

    Il progetto prevede l’organizzazione di incontri/confronto con gli studenti su tre tematiche principali quali ilDOPING, l’EDUCAZIONE ALIMENTARE e il FAIRPLAY, che vedranno coinvolti atleti, dirigenti e medici sportivi appartenenti alle società sportive e ai partner. I ragazzi durante gli incontri potranno rivolgere domande ai personaggi intervenuti e confrontarsi con loro sulla base delle proprie esperienze. Nel rispetto dell’autonomia scolastica ogni scuola può aderire a al progetto richiedendo l’organizzazione di uno o più incontri da svolgersi dal 1/12/2010 al 31/05/2011. Ai ragazzi al termine di ogni incontro verrà lasciato un libretto riepilogativo dell’iniziativa con articoli sul fair play, doping ed educazione alimentare scritti rispettivamente da Ario Costa, Costantino Corsini e Andrea Benedetto, nonché con una scheda riguardante ogni società sportiva coinvolta.

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Potreste inserire nel programma anche quali sono eventuali soluzioni per non incorrere nel doping ed a tutela della propria salute.
      A tal proposito stiamo promuovendo tra i vari circoli sportivi, palestre, ecc. una nuova cultura di fare sport utilizzando sostanze naturali ma tecnologicamente molto avanzate e certificate anche dalla WADA, come soluzione ed alternativa al doping.
      Questo è uno dei nostri siti di acculturamento degli sportivi: http://www.sportagel.blogspot.com
      Alcuni campioni che utilizzano questa nuova tecnologia in gel: http://www.agelsports.com

    RISPONDI