Lega contro Pd (con l’assessore di mezzo), interrotta la commissione

    0

    Giornata calda ieri in Loggia, a causa di un aspro confronto tra Lega e Pd sul tema immigrati, infatti, la commissione Servizi alla persona di oggi è stata interrotta. Riportiamo il resoconto dei fatti inviato oggi dai consiglieri Giuseppe Ungari (Pd), Valter Muchetti (Pd) e Donatella Albini (Sel).

    ECCO IL RESOCONTO: 

    In data odierna la Commissione consiliare Servizi alla Persona, convocata con all’o.d.g. l’audizione dell’Assessore Maione per la presentazione dei dati inerenti agli “Sportelli in rete” relativi all’anno  2010, si è repentinamente conclusa, sospesa dal Presidente Aliprandi a causa di un’aspra polemica insorta tra i Consiglieri.

    Dopo le dichiarazioni del leghista Bizzaro volte a sostenere l’opportunità di chiudere il servizio di Sportello richiedenti asilo e rifugiati di via Saffi e le esternazioni del suo capogruppo, Nicola Gallizioli, il quale ha affermato il totale fallimento del progetto affidato dal Comune al Centro Migranti della Diocesi, i toni si sono rapidamente scaldati.

    Dopo le considerazioni del Commissario Pd Valter Muchetti volte ad evidenziare le contraddizioni tra le parole di Bizzaro e le scelte del Ministero presieduto da Maroni di finanziare per il 70% i progetti che l’Amministrazione comunale mette in campo per facilitare percorsi di integrazione, il Consigliere Ungari, più volte interrotto da Bizzaro e Gallizioli, non ha potuto concludere il proprio intervento mentre, rivolgendosi al Presidente e all’Assessore Maione, constatava amaramente l’ormai costante impossibilità di discutere di immigrazione e di integrazione senza dover sopportare la consueta propaganda leghista. Ogni tentativo di affrontare nel merito il tema dell’integrazione dei cittadini extracomunitari naufraga per colpa dell’animosità preconcetta determinata dalle posizioni ideologiche dei Consiglieri della Lega, avallati dalla compiacenza silenziosa del Presidente Aliprandi e dell’Assessore.

    Sospesa la seduta, a causa del clima incandescente, la Consigliere Albini (Capogruppo La sinistra – l’Arcobaleno) ed il Consigliere Luigi Recupero (Gruppo Misto) non hanno potuto intervenire nel merito delle questioni, né porre domande all’Assessore, quindi, di fatto, è stato tolto alla Commissione stessa il ruolo di approfondimento, valutazione e propositivo a causa dell’atteggiamento di assoluta chiusura dei consiglieri della Lega.

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Ma caro signor Cinquepalmi, leggo in altri post che lei contesta i leghisti sempre attaccati al computer a leggere e scrivere post….ma anche lei non fa cose molto diverse!!!!
      Grazie per lo "stile" con cui fa opposizione (ma Lei è per caso eletto in qualche amministrazione??!!). Come a livello nazionale anche a livello locale si insulta l’avversario e non si producono idee alternative.
      La ringrazio a nome di tutti i cittadini che non hanno votato Lei (ma lei c’era????) ma la maggioranza che ci governa…e piaccia o no…questa è la democrazia!!!

    2. Chissa perchè le persone normali si firmano con il proprio nome mentre assessori, politicanti da strapazzo e partecipaneallacommissione si firmano con pseudonimi vari? Paura che qualcuno si ricordi BENE del Vostro Illustre nome alle prossime elezioni?

    3. dal testo dell’articolo: "il Consigliere Ungari, più volte interrotto da Bizzaro e Gallizioli, non ha potuto concludere il proprio intervento". Come vogliamo definire l’episodio? Con l’espressione (e anche qui cito tra virgolette) "questa è la democrazia"? Ogni volta che un commento genera una reazione inviperita, come quella del Sig. "ma come?", vuol dire che si è colto nel segno. Per me, interrompere un consigliere con diritto di parola al punto da impedirgli di concludere il suo intervento, è qualcosa che ricorda lo squadrismo. Se qualcun altro si vuole agitare, faccia pure.

    4. L’anonimo sig. partecipoallecommissioni racconti come, secondo lui, si sono svolti i fatti…e si firmi!
      Il problema è che quando non si permette di parlare a chi ne ha il diritto si commette un atto antidemocratico. Sì anti democratico perchè si è tolto il diritto di parola a consiglieri comunali liberamente eletti dal popolo.

    5. Sono un elettore ed eletto nel centro DX .
      Hai ragione De Martin,aggiungo anche che sta nella forza di chi ha vinto dare la possibilità a tutti ed in particolar modo all’opposizione di svolgere il proprio ruolo nella maniera più Democratica possibile,naturalmente se le cose sono andate esattamente come si legge nell’articolo.
      Sarebbe bello sentire il parere dell’altra campana.

    LEAVE A REPLY