Le rondinelle tornano a sperare, con Iachini 4 punti in due gare. Il mister: “Questa vittoria fa morale”

    0

    Quattro punti in due gare. La cura Iachini sta già dando frutto e dopo il bel pareggio dell’Olimpico di mercoledì scorso, oggi al Rigamonti è arrivata una vittoria fondamentale per le speranze di salvezza del Brescia. Il 2 a 0 ottenuto contro una diretta avversaria, il Bari, serve a ridare ossigeno alla classifica – il quartultimo posto è a un punto! – ma soprattutto fiducia all’ambiente. Gli scontri persi in casa con Chievo e Cesena avevano infatti acceso più di un campanello d’allarme; vincere oggi era perciò indispensabile. Partita non bella, va detto, con le squadre contratte forse proprio per l’importanza della posta in palio. Le rondinelle vincono grazie a un rigore trasformato da Diamanti al 17° del primo tempo e al gol di Caracciolo arrivato al 93°. Gara in realtà equilibrata, con la formazione di Ventura che nel secondo tempo ha tenuto in mano il pallino del gioco – lasciando però spazio al contropiede degli uomini di Iachini – e andando vicino in almeno un paio di occasioni al pareggio. Decidono gli episodi e il risultato finale premia i padroni di casa mentre il Bari sprofonda e vede ormai spalancarsi l’orizzonte della serie B.

    LA CRONACA

    Parte meglio il Bari, al 5′ lancio in avanti per Castillo che prova la botta da posizione defilata: esterno della rete e palla sul fondo. Al 18′ il gol: Kone’ semina il panico nell’area barese e Gazzi è costretto a metterlo giù; Rizzoli assegna un rigore che Diamanti trasforma con un sinistro teso. La squadra di Ventura fatica a reagire. Al 32′ palla di Masiello che attraversa tutta l’area bresciana e arriva tra i piedi di Castillo. L’attaccante manca completamente la sfera sprecando una clamorosa occasione. Nel finale un paio di conclusioni dalla distanza del Bari senza risultato, prima Almiron, poi Donati.

    La ripresa inizia senza Cristiano Zanetti. Il neo-centrocampista del Brescia è rimasto negli spogliatoi per un problema fisico. Al suo posto Emanuele Filippini. Al 7′ bella conclusione dai 30 metri di Diamanti, palla fuori di un soffio. Al 13′ contropiede del Brescia: Eder si allarga, supera Glik in velocità e scarica un sinistro che si spegne di poco al lato. Al 19′ cross di Raggi, Arcari respinge fuori area, arriva Donati che scarica il destro mancando di pochissimo il bersaglio. Alla mezz’ora conclusione di Castillo che esce di poco. Al 38′ retropassaggio verso Gillet, il numero uno manca l’aggancio e per poco la sfera non finisce in rete. Finale di partita carico di emozioni. Al 48′ occasionissima per Kutuzov: il bielorusso, entrato da poco, controlla in area una palla, la scaglia verso la porta e trova l’opposizione miracolosa di Arcari. La palla resta in gioco, contropiede delle rondinelle e gol di Caracciolo per il 2 a 0 finale.

    I COMMENTI

    Al termine dell’incontro, intervistato da Rai Sport, Iachini ha così commentato la vittoria: “Oggi non è stato facile, sappiamo quanto Ventura sappia far giocare bene le proprie squadre e quali giocatori importanti schierasse in campo il Bari. Abbiamo rischiato poco, ma avremmo potuto gestire meglio il possesso palla; ai ragazzi comunque non avrei potuto chiedere più di così, date le tre partite giocate in una settimana. Dobbiamo ancora lavorare per crescere sotto alcuni aspetti, ma questi punti fanno morale”. Sulla partenza dalla panchina di Caracciolo: “Andrea viene da un periodo caratterizzato da un infortunio e da una brutta influenza, sto cercando di recuperarlo al 100% dosandone al meglio l’utilizzo”. Soddisfatto Alessandro Diamanti, autore del gol che ha aperto la strada al successo delle rondinelle: “Noi ci crediamo sempre lavoriamo con entusiasmo e cerchiamo di dare il meglio tutte le domeniche. La consapevolezza ce l’avevamo già. Ora ci siamo messi in testa che bisogna pedalare fino alla morte”. Infine l’altro eroe di giornata, Michele Arcari che con la sua parata nel finale ha salvato il risultato: “Il calcio è strano, assurdo. Una settimana fa eravamo qui a parlare di una situazione disperata, ma in pochi giorni abbiamo pareggiato a Roma e vinto con il Bari”.

    IL TABELLINO

    BRESCIA (3-5-1-1): Arcari, Zebina, Bega, Zoboli, Zambelli (21′ st Accardi), Konè, Zanetti (1′ st Filippini), Hetemaj, Berardi, Diamanti, Eder (26′ st Caracciolo). (12 Leali, 4 Filippini, 8 Vass, 16 Mareco, 36 Lanzafame). All: Iachini

    BARI (4-3-3): Gillet, Masiello (17′ st Raggi), Glik, Rossi, Parisi, Gazzi, Almiron, Donati, Huselklepp (8′ st Alvarez), Castillo (36′ st Kutuzov), Rudolf. (25 Padelli, 3 Codrea, 24 Kopunek, 32 Romero). All: Ventura

    Arbitro: Rizzoli

    Reti: nel pt 18′ Diamanti su rigore, nel st 48′ Caracciolo

    Ammoniti: Berardi e Glick per gioco falloso

    Angoli: 2 a 2

    Recupero: 0 e 0

    Note: spettatori 6.000

    LA CLASSIFICA

    Milan 49, Napoli 46, Lazio 42, Inter 41, Palermo 40, Udinese 40, Roma 39, Juventus 38, Cagliari 32, Chievo 31, Fiorentina 29, Bologna 29, Genoa 28, Sampdoria 27, Parma 26, Lecce 24, Catania 23, Brescia 22, Cesena 21, Bari 14.

    LE PAGELLE

    Arcari 7,5

    Zebina 6

    Bega 6

    Zoboli 6

    Zambelli 6

    Hetemaj 6.5

    Zanetti 6

    Konè 6.5

    Berardi 6

    Diamanti 7

    Eder 6.5

    subentrati

    Filippini 6.5

    Accardi 6

    Caracciolo 6.5

     

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Il pareggio con la Roma è stato un bel risultato e anche il gioco non è stato male. Ieri invece è stata una partitaccia. Bene solo per i 3 punti…

    LEAVE A REPLY