Controlli straordinari: 4 arresti per spaccio, 3 per furto e 1 per violenza sulla moglie

    0

    I Carabinieri del Comando provinciale di Brescia hanno dato esecuzione nelle giornate di lunedì 7 e martedì 8 febbraio ad un servizio straordinario del controllo del territorio che ha interessato tutta la provincia. Dalle 12.00 di lunedì alle 24.00 di ieri sono stati impiegati 320 militari e complessivamente sono stati effettuati 15 arresti, numerose denunce a piede libero, elevate contravvenzioni al codice della strada e controllati 12 esercizi pubblici.

    In particolare sono state arrestate 4 persone per spaccio di stupefacenti. A Lumezzane nel corso di una perquisizione domiciliare effettuata con la collaborazione dell’unità cinofili di Orio al Serio dedicata alla ricerca di stupefacenti sono stati sequestrati due grammi di cocaina, sei di hashish e materiale vario per confezionare nonché 130 euro in contanti occultati con la cocaina. I.S. di 42 anni, originario di Venezia ma residente da tempo a Lumezzane è stato arrestato. Analoga sorte per R.C. 21 anni di Brescia residente a Concesio nella cui abitazione, nel corso di una perquisizione sempre con l’ausilio dell’unità cinofila, sono stati recuperati due vasi con altrettante piante di canapa indiana alte 1,50 m. circa in via di essiccazione, 40 infiorescenze stessa natura, attrezzatura varia per la coltivazione. (foto allegata)

    Un uomo di 31 anni di origine marocchina, L.K. domiciliato a Torbole Casaglia e una donna sua connazionale di 26 anni, J.N. domiciliata a Castegnato, sono stati arrestati dai Carabinieri nel N.O.Rm. di Chiari a Castegnato sempre per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente tipo cocaina. Particolarmente movimentato quest’ultimo arresto: la donna alla vista dei Carabinieri ha ingerito le dosi di stupefacente che stava consegnando all’uomo per il successivo spaccio. L’uomo invece ha prima tentato la fuga e una volta raggiunto ha opposto violenta resistenza all’arresto riuscendo però a disfarsi dello stupefacente che aveva ricevuto dalla complice. La donna è stata accompagnata alla casa di cura S.Anna di Brescia per esami radiologici e successivamente riportata a Chiari in Caserma per essere accompagnata in mattinata in Tribunale per la direttissima.

    Nel corso dei servizi di controllo sono stati arrestate tre persone colpite da provvedimenti di custodia cautelare e un detenuto agli arresti domiciliari per evasione.

    I Carabinieri del N.O.Rm di Gardone Val Trompia hanno rintracciato a Bovezzo E.O.P., nigeriano di 31 anni, che deve scontare un anno e 11 mesi di reclusione inflittigli dal Tribunale di Verona per rapina, lesioni personali e violazione legge sull’immigrazione commessi in Bovolone alla fine del 2009.

    I Carabinieri della Stazione di Desenzano del Garda hanno invece arrestato L.G. 47 anni di origini Campane che dovrà scontare una pena residua di un anno di reclusione per traffico illegale di armi e estorsione;i carabinieri di Isorella hanno invece fermato e arrestato in ottemperanza ad un ordine di carcerazione del Tribunale di Brescia E.B.Z. di 45 anni, marocchino, che deve scontare otto mesi di reclusione per reati connessi alla legge sugli stranieri.

    I Carabinieri di Dello hanno sorpreso fuori dalla sua abitazione E.J.R. di 26 anni, agli arresti domiciliari per scontare una pena a due anni e otto mesi per spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato arrestato e oggi sarà processato per direttissima.

    Sempre nel corso dei controlli sono state arrestate tre persone per furto, Una dai Carabinieri di Desenzano, un romeno di 26 anni sorpreso a rubare confezioni di profumo in un negozio del Centro Commerciale “Il Leone” di Lonato e due, un uomo ed una donna sempre originari della Romania di 30 e 29 anni, sorpresi dai Carabinieri di Bagnolo Mella con capi di abbigliamento sottratti al negozio “Stock House” di Feroldi usando una capiente borsa con schermatura interna idonea a neutralizzare i sistemi antitaccheggio posti sui capi di abbigliamento.

    In Visano i Carabinieri di Calvisano hanno arrestato M.L., 48 anni tunisino, che in stato di intossicazione da ingestione di bevande alcoliche aveva aggredito percuotendola ripetutamente la moglie di 28 anni e voleva impedire al personale del 118 intervenuto a richiesta della moglie di prestarle soccorso. I militari hanno cercato di calmare l’uomo che per tutta risposta ha prima distrutto alcune suppellettili e poi si è scagliato contro i militari che lo hanno immediatamente ridotto all’impotenza arrestandolo.

    I carabinieri di Gavardo hanno denunciato in stato di libertà una donna marocchina di 27 anni che aveva subaffittato a suoi connazionali irregolari, a caro prezzo, un appartamento nella sua disponibilità per di più in condizioni igienico sanitarie pessime. I due clandestini sono stati tratti in arresto ai sensi della normativa vigente e subito scarcerati. Analoga sorte per un tunisino clandestino di 34 anni sorpreso dai Carabinieri del N.O.Rm. di Brescia.           

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY