Sabato nuova manifestazione degli immigrati. Si riproverà ad occupare la gru?

    0

    “Presidio della gru (sopra e sotto)”. Ad annunciarlo è il sito internet dell’associazione Diritti per tutti che, con una breve nota, presenta la manifestazione fissata per sabato – alle 15, in piazza Rovetta – “per i permessi di soggiorno” e “contro il reato di clandestinità”. Un appuntamento certamente caldo, che potrebbe diventare scottante se l’ultima frase del comunicato – quella citata in apertura d’articolo – si realizzasse. Cosa significa, infatti, presidio “sopra” la gru? In qualsiasi caso è facile immaginare che le forze dell’ordine non permetteranno agli immigrati e ai militanti della sinistra di raggiungere il luogo simbolo della protesta di poche settimane fa.

     

    ECCO IL TESTO:

     

    La determinazione dei migranti che per due mesi hanno lottato, prima con il presidio in via Lupi di Toscana e poi con l’occupazione della gru, ha aperto una breccia nel muro dell’esclusione, dell’ipocrisia, della segregazione costruito da molte istituzioni locali e nazionali. Il grande impatto politico e sociale di quella lotta ha avuto come primo risultato una serie di pronunciamenti del Consiglio di Stato a favore dei ricorsi presentati dai migranti che si erano visti rigettare la domanda di sanatoria per non aver “ottemperato” a un decreto di espulsione. La conseguenza, cioè, di una legislazione razzista che istituisce il reato di “clandestinità” solo per il fatto di essere presenti sul territorio. Ora le contraddizioni sono venute alla luce per merito della lotta dei migranti condotta anche a Brescia. Il prossimo 21 febbraio il Consiglio di Stato, in adunanza plenaria, deciderà se considerare “ostativo” un decreto di espulsione per ottenere il permesso di soggiorno. Non dobbiamo fermarci, dobbiamo far sentire la nostra voce, la nostra determinazione, le nostre ragioni fino al Consiglio di Stato. Non vogliamo più essere relegati in uno stato di precarietà lavorativa e sociale e pagare più di tutti i costi di una crisi che ci colpisce in prima persona. Anche per questo diventa più che mai necessario costruire la partecipazione alla giornata del Primo Marzo per dare continuità alle mobilitazioni dello scorso anno ed alla lotta sulla gru.

     

    CONTRO I RIGETTI DELLE DOMANDE DI SANATORIA

     

    CONTRO IL REATO DI CLANDESTINITA’

     

    CHIEDIAMO IL BLOCCO DELLE ESPULSIONI

     

    VOGLIAMO I PERMESSI DI SOGGIORNO

     

    presidio della gru (sopra e sotto)

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Sinceramente penso che in questo modo convincerete me e molti altri che non sono leghisti a votare quel partito. E’ la stessa storia dei rom: volete capirlo che la gente è con Rolfi su questo? Non accettarlo vuol dire fare i borghesi fighetti e snob.

    2. speriamo in altre occupazioni, cosi gli italioti forse si svegliano sulla situazione della nostra città, invasa dagli immigrati, ormai al 20%

    3. Io sono brescianam, ma non sono stufa di queste cosiddette pagliacciate. Sono stufa, al contrario, di chi non sa dire altro che "andate a lavorare": molta di questa gente lavora e produce e quando ha finito di lavorare invece di preoccuparsi di chi vince "Amici" oppure "Sanremo", si informa e partecipa alla vita sociale e politica. Si impegna per conoscere i problemi e per trovare possibili soluzioni eque senza discriminazioni o prevaricazioni.
      E lotta quando è necessario, anche contro coloro che credono che l’unica cosa che conta nella vita sia preoccuparsi del proprio minuscolo posto al sole.

    4. il padanus è una pianta del sud est asiatico, quindi extracomunitario. gli indigeni la usano come purgante. non sto scherzando. vedere su wikipedia. l’ignoranza dei leghisti non ha limiti….

    5. Ha parlato il luminare dell’astrofisica moderna. Ora che ha sputato la sua bella sentenza e ha scritto la sua bella frase fatta sui leghisti può tornare sotto la gru.

    6. astrofisica moderna? veramente parlavo di botanica. ripeto il padanus è un arbusto usato come purgante. non l’ho inventato io.

    LEAVE A REPLY