Brescia, due punti buttati. Caracciolo e Zoboli illudono, ma alla fine è solo pareggio. Finale thrilling con gol annullato. Iachini: “Due errori pagati a caro prezzo”

    0

    Occasione sprecata e due punti persi. Oggi bisognava vincere e invece è arrivato un pareggio. La sfida salvezza con il Lecce era “una finale” da non fallire. L’inizio del match aveva fatto ben sperare, con un Brescia padrone del campo e un risultato a portata di mano: dopo venti minuti rondinelle in vantaggio di due gol, pronte a collezionare altre occasioni per il 3 a 0. Non aver “ammazzato” la partita ha però consentito ai salentini di rientrare nel match. Senza strafare, il Lecce con un gol per tempo è riuscito a portare a casa un pareggio, sfruttando alcune (gravi) disattenzioni della difesa bresciana. Certo, resta il giallo per il gol finale annullato a Caracciolo; una rete probabilmente regolare che ha mandato su tutte le furie giocatori e panchina delle rondinelle. Il Brescia però deve fare mea culpa per aver buttato al vento una vittoria che aveva in pugno. Ora la permanenza in serie A si fa più dura: la vittoria del Catania con il Genoa, quella del Cesena col Chievo e il pareggio del Parma a Roma rendono infatti ancora più amaro questo pareggio. Il Brescia scivola in penultima posizione a 24 punti, a 4 punti proprio da Lecce e Parma.

     

    LA CRONACA

    Sfida salvezza che ha regalato spettacolo al Rigamonti. Primo tempo a ritmi vertiginosi con occasioni e campi di fonte continui. Parte bene la squadra di Iachini che fino alla mezz’ora schiaccia i salentini nella loro metà campo e sembra poter portare a casa il risultato. Al 9′ punizione di Diamanti fuori di poco. Al 13′ improvviso sinistro di Diamanti dal limite, Rosati risponde con uno splendido colpo di reni, sul pallone vagante c’è Konè che, pressato, manda a lato di un soffio in spaccata da pochi passi Attorno al quarto d’ora un uno-due da ko, Al 16′ il vantaggio con Caracciolo:cross di Zambelli dalla destra, i centrali salentini si lasciano sfuggire Caracciolo che è libero di staccare a centro area ed insaccare di testa alle spalle dell’incolpevole Rosati. Al 18′ il raddoppio: corner di Diamanti dalla sinistra, palla che spiove verso il centro dell’area dove arriva Zoboli che insacca di testa in tuffo. Lecce stordito e Brescia padrone del campo. L’allenatore dei pugliesi cerca di correre ai ripari: fuori Grossmuller, dentro Corvia e Lecce che si schiera con il 4-4-2. AL 27′ rondinelle vicinissime al terzo gol: Diamanti ruba palla a metà campo, lancio a tagliare la larghezza del campo, Caracciolo serve Konè, il greco di inserisce in area, diagonale che si spegne vicino al palo. Al 31′, però, il Lecce riapre la partita: Jeda serve in area Munari, il capitano giallorosso tocca per Corvia, libero alla sua sinistra; l’attaccante di scuola romanista supera Arcari con un bel tocco sotto. Al 34′ numero di Diamanti sulla sinistra, palla in mezzo ma Konè spara alto Al 42′ bellissima azione in velocità del Brescia sulla sinistra, Berardi lanciato da Hetemaj arriva sul fondo, cross al centro, Rosati smanaccia e anticipa Caracciolo, arriva Zambelli in corsa che scivola a contatto con un avversario e non riesce a concludere.

    La ripresa. Al 49′ punizione di Diamanti dalla destra, cross basso a giro, Rosati allontana di piede. Al 59′ destro di Diamanti dalla distanza, palla di poco alta oltre la traversa. Al 64′ occasione per il Lecce: cross basso dalla destra, la difesa del Brescia respinge sui piedi di Mesbah che dal vertice dell’area spara una gran botta in diagonale, bel salvataggio di Arcari. Brescia stanco che fatica a ripartire: Iachini richiama Diamanti e manda in campo Eder. Al 69′ il pareggio del Lecce: tutto parte da un fallo laterale per i salentini, palla a Munari che si infila con estrema facilità in area e brucia Arcari con un preciso diagonale verso il palo lungo . Al 74′ Iachini cerca di portare avanti la squadra: fuori Hetemaj, dentro Lanzafame. All’85’ contropiede del Lecce, Piatti porta palla per poi cercare il taglio di Corvia ma l’attaccante non ci crede e lascia scorrere il pallone. Finale thrilling: al 92′ gol di Caracciolo annullato su segnalazione (dubbia) del guardalinee. Sugli sviluppi di un corner serie di rimpalli in area fino al tocco decisivo di Caracciolo. L’attaccante esulta ma Morganti annulla tutto per un fuorigioco (probabilmente inesistente) di Berardi.

     

    I COMMENTI Iachini: “C’è grande rammarico”

    Così Beppe Iachini ha commentato la partita ai microfoni di Sky Sport: “Il gol annullato a Caracciolo? Ci era sembrato dalla panchina che Olivera avesse allungato la palla ed il gol fosse regolare, ma adesso è inutile stare a lamentarci. Un gol regolare non dato che ci penalizza, perché il Brescia oggi, per quello che ha fatto sul campo ed ha dimostrato poteva anche andare sul 3-0. Non siamo riusciti a chiudere la partita e, per un fallo laterale battuto veloce da loro, siamo andati sul pari. Il gol nel finale l’abbiamo fatto, purtroppo è andata così. C’è grande rammarico, dopo prestazioni del genere speri di portare a casa quanto meriti. Abbiamo commesso due errori e li abbiamo pagati col primo ed il secondo gol. E’ stato bravo il Lecce a colpirci, bravi loro che si sono salvati”.  

     

    TABELLINO

    BRESCIA: (3-5-2) Arcari; Zebina, Mareco, Zoboli; Zambelli (43′ st Daprelà), Konè, Zanetti, Hetemaj (29′ st Lanzafame), Berardi; Diamanti (21′ st Eder), Caracciolo. (Leali, Accardi, Vass, Possanzini). All. Iachini.
    LECCE: (4-4-1-1) Rosati; Donati, Gustavo, Fabiano, Brivio; Grossmuller (24′ pt Corvia), Munari, Bertolacci (21′ st Piatti), Mesbah; Olivera; Jeda (33′ st Coppola). (Benassi, Sini, Rispoli,, Chevanton). All. De Canio (squalificato, in panchina Rizzo).
    ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno.
    RETI: 17′ Caracciolo, 19′ Zoboli, 31′ Corvia; 69′ Munari  
    Ammoniti: Gustavo, Zoboli, Corvia, Diamanti, Mesbah
    Espulsi: nel st al 47′ il team manager del Brescia Edoardo Piovani ed il vice allenatore Giuseppe Carillo, entrambi per proteste.
    Spettatori 6.000 circa

    CLASSIFICA

    Milan 55 Napoli 52 Inter 50 Lazio 48 Udinese 47 Roma 43 Juventus 41 Palermo 40 Cagliari 38 Genoa 35 Bologna 35 Fiorentina 34 Chievo 31 Sampdoria 31 Catania 29 Parma 28 Lecce 28 Cesena 25 Brescia 24 Bari 16

    *Milan, Napoli, Inter, Sampdoria: una partita in meno

     

    LE PAGELLE

    ARCARI 6

    ZEBINA 6

    MARECO 5.5

    ZOBOLI 6.5

    ZAMBELLI 6.5

    KONE 6.5

    ZANETTI 6

    HETEMAJ 6

    BERARDI 6.5

    CARACCIOLO 6.5

    DIAMANTI 6.5

    subentrati

    EDER 5.5

    LANZAFAME 5.5

    DAPRELA’ s.v.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Siamo pronti per la B che è la nostra vera dimensione!!!! Il gol nel finale era regolare, ma passare dal 2 a 0 al 2 a 2 in casa con una squadra che non è certo più forte significa che questa serie A proprio non ce la meritiamo…

    2. La prima mezz’ora è stata spettacolare. Bel Brescia e bella intensità. Però troppi errori in difesa!!!! Per salvarsi bisogna iniziare a prendere meno gol. In una sfida salvezza come quella di oggi bisogna restare concentrati per 90 minuti, non si possono fare cose come quelle che si sono viste in campo. Il Lecce è riuscito a pareggiare senza fare un gorsso sforzo…

    3. Tutto quello che volete ma se ci davano il gol nel recupero eravamo qui a festerggiare i 3 punti e a dire che bel carattere che ha questa squadra che ci crede fino alla fine!!! IL GOL ERA REGOLARE, QUI CI HANNO RUBATO DUE PUNTI ALTRO CHE STORIE!!!!!

    4. ma dov’è finito quello che a fine gennaio diceva che il brescia avrebbe ingaggiato van der meyde? ieri l’ex giocatore dell’inter ha annunciato il suo ritiro dal calcio..

    LEAVE A REPLY