Labolani: una petizione nazionale per chiedere castrazione e carcere a vita per i pedofili

    0

    ”Voglio la castrazione chimica e l’ergastolo senza sconti per i pedofili, a tal fine mi renderò promotore a livello nazionale di una raccolta firme che intendo presentare al Presidente della Repubblica e al Governo”. Ad annunciarlo – tramite il suo sito personale – è l’assessore comunale ai Lavori pubblici Mario Labolani. Che invoca “pugno di ferro e certezza della pena verso questi mostri che abusano dei bambini”.

     

    “Come uomo e amministratore”, aggiunge l’esponente del Pdl, “ritengo inaccettabile che vi sia anche una minima possibilità di non vedere puniti questi bastardi. Non intendo esprimermi in modo diverso pur rivestendo un ruolo istituzionale poiché in primis sono un essere umano che ha reagito con un conato di vomito e una rabbia istintiva alla notizia apparsa sui giornali di oggi circa abusi sessuali a danno di un bambino di nove anni-. A chi criticherà queste mie parole”, spiega ancora Labolani, “ricordo sin da ora che il primo compito di un buon amministratore è la tutela del cittadino, in particolare delle categorie più deboli, questi orchi non devono avere alcuno sconto della pena e essere puniti in modo tale da impedire loro di martoriare altre vittime innocenti. Dobbiamo dare noi la voce a questi angeli muti, muti per l’orrore che hanno subito. Basta omertà, l’omertà è la prima arma di questi bastardi”.  

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. inutile chiedere sia la castrazione chimica sia la prigione a vita… ne basta una delle due per renderli inoffensivi a vita.

    2. Ma quale "brao Mario"!! Bisognerebbe sapere che la pedofilia è un fatto quasi totalmente psicologico! Quando hai castrato la persona cosa hai risolto? Nulla!!!
      Perciò invece di inneggiare a pene sadiche quanto inutili, bisognerebbe affrontare il problema affidandolo a tecnici che conoscono a fondo questi problemi! Altro che incoraggiare sistemi incivili!!!!!!!!

    3. incommentabile, da un assessore ai llpp leggere commenti anche su materie che nemmeno sa di cosa si tratti.

      davvero una vergogna pensare di essere rappresentato da questo genere di argomentatori da bar che manco più esistono,

      chiedo scusa ai lettori, o per questa mia o per questa sua

    4. eu pulirsi la bocca prima di parlare in questo momento faccio l’assessore ai lavori pubblici ma ho anche 39 anni di attività politica e tutt’ora sono responsabile provinciale organizzazione del PdL e come militante politico voglio difendere la società e la famiglia dove vivo

    5. QUANTO A PULIRSI LA BOCCA POI…. ALLORA SE LE VA CERCARE…
      IL PRIMO A DOVERLO FARE MI SEMBRA PRORIO L’ASSESSORE…

    6. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA: INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    7. Ah, scusami ancora Mario se dalla mia ignoranza mi pemetto di disturbarti, ma cosa intendi per difendere la famiglia? il bunga bunga?

    8. Dunque, facciamo il punto. Berlusconi, il faro che guida Labolani nella sua azione politica, è accusato di vari reati fra cui essere andato a letto con una minorenne. Giustamente si aspetta il processo per vedere se è colpevole o meno. Però dalla sua parte è considerato una vittima del sadismo dei giudici. Per il povero cristo (si fa per dire) che non si chiama berlusconi ed è accusato di pedofilia non serve nessuna attesa: castriamolo e cacciamolo in galera. Auguro a Labolani, nella malaugurata ipotesi di essere accusato di qualcosa, di non dover avere a che fare con certo omonimo fautore della giustizia di piazza.
      Il primo dovere di un amministratore dovrebbe essere la prudenza e la misura nelel parole. Ma Labolani si può chiamarlo tale?

    9. Per la Redazione mi spiegate perchè mi avete censurato? il mio commento non "CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI"…. Complimenti Vivissimi…. Ah, visto che ci siete censuratemi anche l’altro post…… xxxxxxxxxxx

    10. pura retorica. la castrazione chimica è facilmente aggirabile. basta prendere il testosterone e il gioco è fatto. ma perchè abbiamo politici così impreparati? che pensano solo al consenso urlato nei bar e mai alla pacatezza ragionata?

    11. labolani non risponde all’obiezione che è una sciocchezza la castrazione chimica, perchè si può contrastare facilmente con il testosterone. la castrazione può essere utile all’interno di un piano di cura che però comporta il ricnoscimento di una malattia e la disponibilità a curarsi. se c’è una malattia non c’è imputabilità. insomma non è facile come vuol far credere semplicisticamente l’assessore. ma tanto l’importante è spararle grosse. come al bar.

    12. Labolani, leggi il Beccaria: "Dei delitti e delle pene". Hai da imparare parecchio. Però se voi del PDL non siete più liberali come dicevate ma siete ritornati fascisti non leggerlo, perderesti solo tempo.

    13. se trovo una versione del Beccaria "esposto al popolo" ne faccio omaggio all’autore della geniale proposta. Temo, però, che anche in versione semplificata risulti incomprensibile a chi crede che la fonte del diritto sia il manganello

    14. Sono contraria a qualsiasi forma di violenza..tanto meno è nella mia indole rispondere alla violenza con violenza.
      La castrazione chimica non risolve e non elimina il problema..non aiuta il pedofilo gravemente malato(nella testa) tanto meno il povero bimbo vittima di tanto orrore..la vedo come certi farmaci, che placano i sintomi senza andare alla fonte.
      Ma finchè un pedofilo potrà addescare un bimbo di 5 anni dietro l’asilo del quartiere,fare ciò che non oso immaginare,farsi un anno di prigione e poi uscire tranquillamente come se nulla fosse…almeno gli venga tolta la possibilità concreta di eseguire ciò che gli suggerisce la mente malata.
      Lascio a chi ne sa più di me la possibilità di spiegarmi se sia veramente possibile la guarigione per questi esseri(dis)umani. Oltre al fatto che comunque debbano scontare una giusta pena per quanto hanno fatto..ma come si fa a giudicare la pena per chi provoca tanto orrore in un bimbo?????!!!!

    15. Il Pedofilo che spesso è stato a sua volta vittima di abusi,per propria ammissione è incurabile,oltre che alla castrazione chimica servirebbe una sorta di "castrazione mentale",altrimenti non si risolve del tutto il problema

    16. Scusate ma sul sito del Labo si chiede castrazione chimica ed ERGASTOLO, io come donna e madre son d’accordo con lui. Mi chiedo cosa pensereste voi se facessero qualcosa a vostro bimbo- pedofilia= sesso con un minore sotto i 13 anni, specifico x chi parla solo bunga bunghese- e potessere tornare bello bello in libertà …. Altra cosa mi pare che anche se e’ assessore un tizio rimane anche una persona!!!! Imparate a leggere prima vi ha fottuti sul tempo e umanità anticipando le vostre critiche

    17. le proposte truculente fanno il paio con l’omertà. inutile fare proposte improbabili quando il vero problema è che molte famiglie non denunciano per paura e vergogna. quanti preti, insegnanti, padri, zii e nonni pedofili si salvano perchè le famiglie si vergognano? questo è il problema. più che sparate retoriche, che lasciano il tempo che trovano, bisogna promuovere servizi di vicinanza alle famiglie, perchè trovino il coraggio di denunciare. se tutti avessero il coraggio di parlare la pedofilia non esisterebbe. come la mafia.

    18. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA: INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    19. Invece che curare i malati si preferisce gettarli in carcere, castrarli e buttar via la chiave.. sicuramente una proposta populista che piacerà alla massa, ma nel concreto non risolve assolutamente nulla! Bisogna andare alla radice dei problemi…

    20. Deprimente. Ancora più deprimente se si pensa che si fa dello sciacallaggio politico sul dolore altrui. Sfido Mario Labolani: se mettesse in pratica ciò che annuncia in tempi certi (diciamo entro sei mesi), documenti alla mano, pur non concordando con nulla di ciò afferma (il suo è populismo puro), sono disposto a chiedergli personalmente scusa e a sottoscrivere la petizione. Non corro nessun rischio perchè Labolani certamente troverà, nel frattempo, altre battaglie da fare, altri principi da enunciare, altre disgrazie di cui indignarsi, altri cubi da progettare, altri giardinetti da sistemare, dimenticandosi delle vittime dei pedofili. Mi consolo pensando che, forse, fra un paio d’anni noi stessi non saremo più vittime di Labolani

    21. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA: INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    22. Prima di chiedere scusa deprimente metti il tuo nome e cognome senza vigliaccheria la città mi ha votato con il mio nome e cognome

    23. E’ noto che gli episodi di pedofilia e di violenza sessuale sui minori o sulle donne avvengono per la maggior parte in ambito familiare.

    24. Io il mio nome e cognome ce li metto sempre: questa iniziativa è una fesseria, punto e basta. Un tentativo di cavalcare l’onda di un’emozione. E’ già successo di vedere esponenti di destra tuonare alla prima notizia di denunce per fatti di questo genere, nella nostra città. Poi hanno cominciato ad arrivare le assoluzioni. Alla fine sono restate SOLO assoluzioni. Ma, nonostante questo, alla notizia di una denuncia per accuse gravissime, ma ancora da giudicare, si cerca di portare a casa un po’ di popolarità costruendola sulla disgrazia. Perchè, è chiaro, quale che sia l’esito di questa vicenda, che ci sia o meno condanna, si tratta comunque di una disgrazia. E lucrare sulla disgrazia porta male. L’amministrazione della giustizia è una cosa delicata, merita molto rispetto, molta misura e la capacità di parlare poco e ragion veduta. Altro che strillare brandendo le forbici.

    25. Ma dai Mario non faccia il permaloso. il nickname fa parte del gioco (perchè di un gioco si tratta) del "social network". Si può essere spiritosi, caustici, sciocchi, l’importante è solo non essere offensivi. Si prenda meno sul serio, e vedrà che combinerà qualcosa di meglio di quello che non ha fatto fino ad oggi (tranne parlare a vanvera)

    LEAVE A REPLY