Un anno e due mesi a Giovanni Inselvini

0
Bsnews whatsapp

A due anni e mezzo dalla scoperta del grave inquinamento da cromo esavalente in alcune falde situate in prossimità della sua fabbrica, la Baratti Eredi Inselvini di via Padova è stato condannato a un anno e 2 mesi il titolare, Giovanni Inselvini.

Il giudice ha accettato il patteggiamento chiesto da Inselvini, ed ha contestualmente sospeso la pena.

Ricordiamo i fatti: nel novembre del 2008 in alcuni pozzi a sud rispetto all’azienda incriminata vennero riscontrate concentrazioni di cromo migliaia di volte superiori ai limiti consentiti per legge. Dopo una serie di sopralluoghi i tecnici del Nucleo Investigativo per la tutela ambientale scoprirono macroscopiche falle nelle vasche di galvanizzazione della Baratti, falle che avrebbero fatto uscire il cromo finito poi nelle falde e nei pozzi privati di alcuni cittadini.

A seguito dell’episodio quegli stessi cittadini, assieme ad A2A ed al Comune di Brescia, si costituirono parte civile contro i vertici dell’azienda. Ora la prima condanna.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. l’Inquinamento da cromo esavalente rinvenuto sotto Baratti&Inselvini se non è un record del mondo poco ci manca. Se il limite di legge è 5 microgrammi per litro, lì sono stati rinvenuti valori superiori a 250.000 microgrammi per litro. Il cromo esavalente è notoriamente cancerogeno e l’inquinamento nella falda a sud è esteso per chilometri. nei decenni quante persone hanno attinto dai pozzi domesticio esistenti (ora chiusi) per bagnare l’orto?

  2. caproni!! sapete solo leggere il bugiardino..andate a leggere gli atti, in che anno è avvenuto l’inquinamento???? è solo la baratti o anke altre aziende? facile criticare magari voi chissà che, oltre ad essere invidiosi nn abbiate scheletri peggiori!!!!!!!

RISPONDI