Istigazione all’odio e minacce al Papa, revocati gli arresti ai sei marocchini

    0
    Bsnews whatsapp

    Il tribunale del riesame di Brescia ha revocato gli arresti ai sei marocchini indagati con l’accusa d’istigazione all’odio. I sei erano stati arrestati lo scorso 25 febbraio dalla Digos della questura di Brescia (leggi qui); in un caso la custodia cautelare era avvenuto in carcere – dove uno dei sei era detenuto per altra vicenda – e in altri cinque ai domiciliari. Nei confronti di tre di loro il tribunale del riesame ha disposto l’obbligo di dimora, gli altri sono stati rimessi in libertà. Tra coloro che comunque rimangono destinatari di un provvedimento cautelare anche il marocchino che era in possesso di un libretto su cui era scritto che bisognava “punire il papa per aver convertito Magdi Allam” (leggi qui la reazione del giornalista). L’immigrato, unico destinatario della custodia cautelare in carcere per istigazione all’odio, era già detenuto con l’accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia. Ora rimane quindi in carcere solo per questo procedimento.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Ma come??? Dopo solo tre settimane sei pericolosissimi terroristi sono stati rilasciati così???? Non è che forse nella conferenza stampa la questura ha esagerato un po’??? L’ "incitamento alla discriminazione e/o alla violenza per motivi, razziali, politici o religiosi" sarà pure roba schifosa, ma è altra cosa rispetto al terrorismo…in questo senso condivido il commento di cinquepalmi al primo link..

    2. come ho già detto: verrà sempre troppo tardi il giorno in cui metteremo fine al brutto vizio della conferenza stampa a tutti i costi, che innesca un cortocircuito mediatico-giudiziario in cui la tendenza a enfatizzare dilaga. Bisogna fermare un sistema in cui funzionari troppo ambiziosi cercano di costruire carriere a colpi di grandi operazioni e grandi risalti mediatici

    RISPONDI