Lunedì la giornata regionale contro le mafie, 1200 gli studenti bresciani coinvolti

    0

    Lunedì oltre mille studenti di Brescia e provincia prenderanno parte alla prima giornata regionale contro le mafie. Con una legge approvata in data 8 febbraio 2011 il Consiglio regionale della Lombardia ha infatti formalizzato l’intenzione di promuovere e sostenere iniziative di sensibilizzazione della società civile e delle istituzioni pubbliche, per contribuire all’educazione alla legalità, alla crescita della coscienza democratica, all’impegno contro la criminalità organizzata e contro le mafie. L’obiettivo, da raggiungere con l’ausilio degli Enti locali e delle realtà presenti sul territorio, è quello di diffondere la cultura della legalità tra i giovani collaborando con gli istituti scolastici, e di promuovere attività di ricerca, documentazione e informazione contribuendo all’aggiornamento e alla formazione degli operatori economici e di sicurezza. Con la legge 12 vengono destinati da Regione Lombardia 500mila euro per la realizzazione di queste attività e viene di fatto istituita la “Giornata regionale dell’impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime”, da celebrare il 21 marzo di ogni anno.

    Il Comune di Brescia ha aderito all’iniziativa, organizzando una serie di attività rivolte ai ragazzi, alle quali parteciperanno gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta la provincia (e limitrofi), per un totale di circa 1.200 ragazzi. Gli obiettivi della “Giornata regionale dell’impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime” – si legge in una nota della Loggia – sono infatti del tutto coerenti con l’azione di educazione alla legalità intrapresa dall’Amministrazione fin dal proprio insediamento. Le giornate di lunedì 21 e martedì 22 marzo si svolgeranno secondo il seguente programma:

     

    LUNEDI’ 21 MARZO

    ORE 9.15 – Arrivo degli studenti in piazza Loggia

    ORE 9.30 – Concerto della banda musicale della Polizia di Stato

    ORE 9.45 – Inizio delle attività didattiche 

    Circa 800 studenti parteciperanno, a rotazione, a:

    • visita della mostra sui temi della legalità realizzata dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti santa Giulia;

    • compilazione questionario “Diario per una vita migliore”

    • percorsi didattici organizzati dall’Ufficio di educazione Stradale della Polizia Locale di Brescia e dalla Polizia di Stato

    Circa 200 studenti parteciperanno a un incontro in sala Consiglio sulla Sicurezza nel web.

    Gli studenti saranno gli autori di un blog che, attraverso 2 postazioni internet, raccoglierà nomi, emozioni, riflessioni e fotografie della giornata, così da diventare un utile strumento lavorativo anche nelle attività didattiche in classe. Il blog sarà inserito nel sito internet www.agentelisa.it (Progetto “Il Poliziotto un amico in più). Le attività dei ragazzi termineranno alle ore 12.00. Per l’intera giornata rimarrà allestita, nel porticato di palazzo Loggia, la mostra curata dall’Accademia di belle Arti di Brescia santa Giulia.

    ALLE ORE 20.30 – SALONE VANVITELLIANO CONVEGNO “LEGALART – LA LEGALITA’ SPIEGATA AI GIOVANI”

    Saluti istituzionali

    INTERVENGONO

    VINCENZO MONTEMAGNO – Questore di Brescia
    DON LUIGI MEROLA – Membro esterno della Commissione Parlamentare Antimafia e autore di “Il cancro sociale – la camorra”
    GUIDO PAPALIA – Procuratore Generale di Brescia
    SANDRO RAIMONDI – Procuratore aggiunto Procura della Repubblica di Brescia
    DOMENICO GERACITANO – Autore “Diario per una vita migliore”
    DON GINO RIGOLDI – Cappellano dell’Istituto penale per minorenni “Beccaria”

    Modera MAURIZIO MARINELLI – Direttore CSP (Centro Studi sulla Sicurezza Pubblica).

     

    MARTEDI’ 22 MARZO

    CONVEGNO “LA GIUSTIZIA E’ UNA COSA SERIA” – ORE 10.30 SALONE VANVITELLIANO

    Saluti istituzionali

    INTERVENGONO

    NICOLA GRATTERI – Procuratore Aggiunto DDA Reggio Calabria
    ANTONIO NICASO – Scrittore Docente Universitario
    ADRIANA MUSELLA – Presidente Associazione Antimafia “Gerbera Gialla” 

    Modera MAURIZIO MARINELLI – Direttore CSP (Centro Studi sulla Sicurezza Pubblica).

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Anche se qualcuno (smentito dai fatti) insiste nel dire che in Lombardia la mafia non esiste, mi sembra un’iniziativa doverosa e importante. Per le mafie non c’è miglior terreno che quello dove di queste cose non si parla (omertà). Bene dunque parlarne e coinvolgere i giovani!

    LEAVE A REPLY