Ad Adro arriva via Lega Lombarda. E si riapre la polemica

    13

    Ad Adro la polemica non si ferma mai. Stavolta, a far discutere, è la decisione della maggioranza di ribattezzare l’attuale traversa di via Valli in via Lega Lombarda. Immediata la levata di scudi dell’opposizione, che teme un proliferare di strade leghiste (via Sole delle Alpi nel Comune esiste già da tempo). Ma a far discutere è anche il fatto che in quella traversa ha sede lo studio di Romano Benedini, già consigliere comunale d’opposizione durante l’era Lancini. In caso di cambio del nome, infatti, anche le numerose aziende che hanno sede nello studio si troverebbero costrette a pagare per modificare i propri dati nel Registro delle imprese della Camera di commercio e all’Agenzia delle entrate. E il Comune si rifiuta di rimborsarle.

     

    Oltretutto, il sindaco di Adro Danilo Oscar Lancini ha sottolineato di aver ricevuto l’ok del distaccamento del governo sulla nuova denominazione. Parole che potrebbero aprire un nuovo fronte di polemica anche con la Prefettura, accusata di eccessiva timidezza da parte dei rappresentanti del centrosinistra.  

    Comments

    comments

    13 COMMENTS

    1. dimenticavo, a tutti i signori leghisti, vorrei far notare che chi e’ nato a milano, lecco, como od in altre città della nostra regione, sono lombardi e non padani.

    2. Intanto, il sacco delle casse comunali continua: le spese conseguenti il caso della scuola imputate al fondo arbitrati e spese legali. Roba da Corte dei Conti. Le giunte leghiste collezionano condanne e sborsano fortune in onorari e spese legali, mentre i cittadini si sentono dire che, per ragioni di bilancio, i servizi vengono tagliati

    3. mi piacerebbe che si levassero tutti questi scudi anche per le vie intitolate a Carlo Marx, che tra l’altro, al contrario della Lega Lombarda, non rappresenta una pagina della nostra storia. abbiate il coraggio di essere coerenti. IPOCRITI

    4. caro avvocato Cinquepalmi, non parla mai delle giunte socialiste che hanno mangiato per anni i soldi pubblici e che hanno contribuito a creare il debito pubblico che ci ritroviamo?

    5. Anche io sono per evitare un proliferare di intitolazione di vie con riferimenti di parte, ma come al solito la sinistra predica bene ma razzola male, provate a recarvi a Roncadelle e vedrete come sono intitolate le vie: Gramsci, Berlinguer, La Torre, Di Vittorio, Amendola, Togliatti, Terracini ecc. L’ipocrisia non ha mai fine!

    6. ha citato tanti nomi illustri, personaggi importanti per la storia d’italia. così come ce ne sono anche di altra parte politica, sicuramente. ma la lega a che personaggi illustri potrebbe dedicare una via?

    7. Quello che sovente si dimentica è che Lancini fa il Sindaco perchè votato dalla popolazione di Adro, fino alle prossime elezioni potete "cantare" l’Aida ma lui è il Sindaco, democraticamente eletto. Si vuole portare a "notizia" la titolazione di una via, mi pare una notizia da prima pagina, bravi! non avete proprio nulla di meglio? una notizia non notizia….splendido, il cronista non aveva nulla da scrivere per percepire i 30-40 euro dell’articolo? che pena.

    8. Perchè il sindaco di Adro non ha chiesto ai cittadini interessati alla vicenda il loro parere invece di imporre le cose scambiando sempre "il gestire la cosa pubblica"con il"comandare".Questa sua propaganda costa ai cittadini tempo,disagi e denaro.E poi,cos’è questo eccessivo fanatismo per i simboli?.Sia ad Est che ad Ovest sappiamo bene cosa ha prodotto e produce oggi il fanatismo.

    LEAVE A REPLY