Il Fatto e Libero dichiarano “guerra” alla Rizzi sulla questione della laurea

    0

    Continua la “guerra” del quotidiano Il Fatto contro l’assessore regionale Monica Rizzi. Con un alleato davvero particolare: Libero di Vittorio Feltri, che proprio oggi ha dedicato un articolo al caso dal titolo: “Taroccano la laurea per fare carriera, il vizietto dei fedelissimi di Bossi”.

    Nell’articolo di Libero si legge che la Rizzi “è addirittura indagata dalla procura di Brescia per abuso di professione: s’è spacciata per psicologa scrivendolo sui volantini elettorali nel 2005, partecipando a convegni e incassando consulenze dalla Provincia. Peccato sia solo diplomata. Il caso Rizzi, sollevato da Libero”, continua l’autore dell’articolo, “sta imbarazzando la Lega: dopo essere stata convocata in via Bellerio pochi giorni fa, il leader del Carroccio lombardo Giancarlo Giorgetti le ha dato due giorni di tempo per buttare giù un memoriale difensivo”.

    Duro anche il giornale di Antonio Padellaro, che – dopo l’articolo di luglio – è tornato sul casosottolineando che “l’indagine aperta dalla procura di Brescia è ancora in corso” per “verificare se davvero Monica Rizzi ha millantato una laurea in psicologia”. Il giornale, quindi, riferisce che “Fabio Lorenzi Cioldi, presidente della sezione di Psicologia- Fpse dell’Università di Ginevra dove Rizzi sostiene di essersi laureata, spiega in una mail che ‘la formazione in psicologia è di minimo 5 anni, il ‘breve corso’ al quale fa riferimento (Rizzi, ndr) non può assolutamente conferirne il titolo’”. E che “l’assessore, più volte interpellata sull’argomento, ha preferito non chiarire la propria posizione”.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Complimenti vivissimi per il tempismo della rassegna stampa…forse vi è sfuggito che Libero sta seguendo l’affaire Rizzi da almeno dieci giorni nella sezione LiberoMilano

    2. Cerchiamo di capire le difficoltà della Lega: non avendo avuto il tempo di far crescere una vera classe dirigente raccatta tutto ciò che capita. Questa Rizzi è proprio una raccattata.

    3. ma vaff… a tutti quelli che la odiano: lei è una PSICOLOGA molto più meglio di quelli con le Lauree prese quà in Italia…

      L’universita’ italiana fa schifo!

      TIENI DURO MONICA !

    4. Prima di parlare di psicologia " sarebbe molto più meglio" imparare l’italiano…..terù….hahahahaha!!!!!

    5. Ma PIANTATELA di tirar sempre fuori le BALLE dei vostri giornali COMUNISTI !!!!

      Fi’ sito e ndi a laurà, lazarù !

    6. SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!
      SECESSIONEEEE !!!!!!!!!!!!!!

    7. IO parlo quel che pare a me e dell’italiano nn me ne frega niente visto che QUA’ NON SIAMO IN ITALIA!!!

      QUESTA E’ LA PADANIA E LA GENTE SI SENTE PADANA !!!!!!!!!!

      W la SECESSIONE !!!

    8. Preoccupa il tono acceso di questa inutile polemica segno di un clima malsano che attornia la politica italiana a tutti i livelli. Chi millanta di possedere un titolo che non ha commette un reato e va punito. La proocura sta indagando, aspettiamo l’esito delle indagini, Se la cosa è vera non restano che le dimissioni immediate.

    9. se il fatto è vero,si dimetta
      un fatto come questo non macchia sicuramente l’immagine di un partito che è compsto da militanti pieni di passione e da persone per bene.
      Padania libera.

    10. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA UNA DELLE SEGUENTI VIOLAZIONI ALLA POLITICA DEL SITO: – INSULTI O VOLGARITA’ – SPAM – VIOLAZIONE DEL COPYRIGHT – CONSIDERAZIONI CHE NECESSITANO DI UN APPROFONDIMENTO ANCHE LEGALE – CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA. INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    LEAVE A REPLY