Parlano bresciano i migliori manager del futuro . Due classi del Castelli vincono il business game “Crea la tua impresa”

    0

    Gli studenti bresciani sono già ottimi manager e capi d’azienda, i migliori d’Italia. Questo ha detto l’ottava edizione del Business Game “Crea la tua impresa”, il progetto di learning by doing interattivo e innovativo promosso dall’Università Carlo Cattaneo – LIUC in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia e definito uno dei progetti di eccellenza del Ministero dell’Istruzione.

    La finale del gioco si è tenuta oggi presso la sede dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC e ha visto salire sul podio i seguenti istituti: al primo e al secondo posto due squadre dell’ITIS “Castelli” di Brescia, al terzo l’ITC “Piovene” di Vicenza. Un premio speciale per la squadra più strategica è andato all’ ITC “Antonino Calabretta” di Soverato. “La partecipazione sempre crescente di scuole di tutta Italia – commenta il Rettore della LIUC Andrea Taroni – ci conferma il successo di questo progetto, che è sempre più anche un’occasione per gli studenti per verificare le loro attitudini e capacità rispetto alla gestione imprenditoriale e più in generale nell’affrontare problemi”. Come ogni anno, il Business Game della LIUC ha visto studenti del quarto e quinto anno delle scuole superiori di tutta Italia cimentarsi per due mesi nella simulazione di un mercato complesso e competitivo, costituito da aziende virtuali di cui sono stati manager: un vero e proprio gioco tattico-strategico, che li ha portati a sfidarsi su abilità logiche, visione strategica e spirito di gruppo, e a misurarsi con la simulazione di un anno di vita delle aziende e di evoluzione del mercato.

    Obiettivo del gioco, in relazione al quale è stata stilata una graduatoria di merito delle squadre, era massimizzare il valore dell’impresa, considerato come parametro complessivo e valutato in funzione del margine operativo, delle politiche di assunzione, del tasso di crescita degli investimenti e dei risultati finanziari. Un game avvincente che è frutto di un progetto del CETIC (Centro di Ricerca per l’Economia e le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) attivo all’interno della Facoltà di Ingegneria della LIUC.

    I numeri di questa edizione attestano il successo del Business Game: 278 le squadre iscritte per un totale di 86 scuole e 1.411 studenti. Le scuole partecipanti provengono dalle seguenti regioni: Lombardia, Piemonte, Veneto, Umbria, Lazio, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia. La Lombardia è la regione più presente, con 83 squadre partecipanti. Il gioco è stato organizzato in 5 gironi.

    Da parte del professor Luca Mari, un riconoscimento alla bravura dei partecipanti: “Il Business Game è molto più che un gioco di simulazione aziendale: l’ipotesi didattica di base è che si vince perché si sa pensare, dunque sono indispensabili più che competenze tecniche, capacità di analisi e di decisione. Inoltre, i partecipanti di questa edizione si sono comportati egregiamente, soprattutto alla luce dell’introduzione nel gioco di alcune ulteriori complessità”.

    La partnership con l’Ufficio Scolastico Regionale è stata ribadita anche attraverso la presenza della professoressa Maria Grazia Meneghetti, Delegata dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia: “Otto anni fa è iniziata quest’avventura, che di anno in anno è cresciuta soprattutto dal punto di vista degli ambiti territoriali coinvolti. Inoltre, il Business Game si sta rivelando una vera e propria attività di orientamento, che si distingue per l’approccio concreto”.  

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    LEAVE A REPLY