Bilancio da 388 milioni, tagli a investimenti e spesa corrente. Di Mezza: “Sacrifici sostenibili”. Del Bono: “No, lacrime e sangue”

    0
    Bsnews whatsapp

    Che bilancio è quello approvato ieri sera dal consiglio comunale di Brescia? Di certo i conti della Loggia rispecchiano una situazione di vacche magre, con tagli agli investimenti per 61 milioni e di 15 alla spesa corrente. Il pareggio è attestato a 388 milioni. Per l’assessore Fausto di Mezza si tratta di sacrifici dolorosi ma assolutamente sostenibili. La maggioranza parla di “bilancio prudente e di grande responsabilità” (Farina, Pdl) e di “bilancio solido a fronte di risorse limitate, in attesa dei vantaggi del federalismo” (Gallizioli, Lega). L’opposizione però attacca: Del Bono (Pd) parla di “lacrime e sangue” e spiega: “vendete i gioielli di famiglia e tagliate spesa sociale, cultura, trasporti”. Dito puntato contro alcune scelte dell’amministrazione: la nuova sede del comune (“comporterà 12 milioni di esborsi”, Manzoni-Pd), la vendita delle quote di Serenissima (“per ricavare 40 milioni, giusto il costo per abbattere le torri di S. Polo. È indecente” Bragaglio-Pd), i vantaggi del federalismo (“La Lega dice che arriveranno 24 milioni, intanto Roma e Milano ce ne hanno tagliati 9” Martinuz-Pd). Dall’opposizione è però arrivata anche una proposta. Rebecchi (Pd) ha infatti avanzato l’idea di realizzare nel sito Caffaro, inquinato da Pcb, “il più grande parco fotovoltaico urbano”. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Un grande questo Assessore, arriva in Consiglio comunale con una proposta notevole: tagliare su spesa sociale, cultura-istruzione e trasporti per far rientrare i conti, penalizzando,cioè, i servizi essenziali di cui una città/comunità dovrebbe necessariamente godere, nei momenti di maggiore difficoltà. Mentre si procede con il "tirare il collo" alla maggioranza dei cittadini, continuano le "politiche sociali" a favore dei commercianti..

    RISPONDI