La Adam Smith Society: “Milano si accordi con Brescia per privatizzare A2A”

    0
    Bsnews whatsapp

    Milano deve accordarsi con Brescia per privatizzare A2A. A lanciare l’appello – dalle pagine del Sole 24 Ore di oggi – è Alessandro De Nicola, a nome della Adam Smith Society. L’associazione – che propugna i valori del liberalismo e dell’economia di mercato – ha infatti redatto un Manifesto, in cui invita il Comune di Milano a sciogliere e cedere ai privati proprie società. “Con Franco Debenedetti ed Edoardo Croci”, si legge, “abbiamo elaborato un percorso di privatizzazioni e liberalizzazioni per le società del Comune di Milano, percorso che, mutatis mutandis, può essere intrapreso da ciascuna città italiana e per il quale abbiamo già ricevuto numerose e molto qualificate adesioni”. “Milano”, scrive ancora De Nicola, “è il Comune che detiene più partecipazioni in imprese (93) e di maggior valore.. È dunque opportuno cedere, secondo modalità diverse a seconda del settore, l’ intera quota in mano al Comune procedendo secondo criteri competitivi e trasparenti ed evitando che le società cedute ricadano in mano ad altre imprese pubbliche, italiane o straniere che siano. Abbiamo perciò individuato alcune società che, operando in un contesto ove sono già presenti privati e un mercato sufficientemente concorrenziale, possono essere subito completamente privatizzate: Milano Ristorazione, Sogemi, Sea, Milano Sport, Autostrade Serravalle (quota comunale)”. Il vero nodo, però, è A2A, su cui “sarà necessario coinvolgere il Comune di Brescia nell’iniziativa privatizzatrice e mantenere il rapporto esistente con il territorio”. La Moratti sul punto potrebbe anche essere d’accordo. Ma a Brescia difficilmente una proposta simile potrebbe trovare un consenso esteso.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. COM’ERA BELLA LA BRESCIA DEGLI ANNI SESSANTA….!!! INVIDIATA DA TUTTA L’ITALIA! NO, NON E’ SOLO NOSTALGIA, E’ CON GRANDE DOLORE CHE ASSISTO A QUESTI ORRIBILI CAMBIAMENTI VOLUTI DAI POLITICI CHE SI SONO SUCCEDUTI: NON TANTO I "PARTITI" MA LE PERSONE CHE CI HANNO PORTATO A QUESTO PUNTO!!!!!

    2. mi stupisce comunque sempre che ci sia gente che punta sempre e solo su privatizzazioni(e sappiamo cosa voglia dire)e liberalizzazioni……..solo un vantaggio per banche e miliardari

    3. Franco è il fratello di Carlo, quindi… Curioso che ci sia chi continua a propugnare la RELIGIONE del liberismo, nonostante questo abbia palesemente fallito (e la crisi del 2008-09) ne è la dimostrazione. La sinistra italiana (mi riferisco al PD in particolare) si è gettata completamente nelle braccia del più bieco filoatlantismo e del liberismo economico più sfrenati. E, come tale, ha pur’essa delle grosse responsabilità in tutto questo casino.

    RISPONDI