La Finanza entra in classe, all’istituto Kennedy le avventure del fumetto Finzy

    0

    Proseguono anche nel 2011, con la presentazione della seconda edizione del fumetto “le avventure di Finzy” il simpatico grifone, divenuto ormai mascotte delle Fiamme Gialle, gli incontri sulla legalità nelle scuole, organizzati dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brescia, in collaborazione con l’ Ufficio Scolastico Provinciale.

    Presso l’istituto Comprensivo Kennedy ovest di via Santellone, nella mattinata odierna, 4 maggio, alcuni militari ed un Ufficiale del Corpo, prendendo simpaticamente spunto dagli episodi presenti all’interno del fumetto, nei quali Finzy è impegnato a combattere crimini di ogni genere, hanno illustrato ai giovani studenti delle scuole primarie “Montale”, “Don Milani” e “Rodari”, anche attraverso la proiezione dei dvd “professione finanziere” e “Educare alla legalità” , i compiti istituzionali del Corpo, con particolare riguardo al ruolo che lo stesso oggi riveste a difesa della tutela degli interessi economici- finanziari dell’Unione Europea e nella lotta al traffico delle sostanze stupefacenti .

    A margine dell’ incontro, copia del fumetto e di “DVD”, contenenti gli episodi della prima e della seconda edizione, sono stati distribuiti a tutti gli alunni presenti. Con grande entusiasmo è stata apprezzata dai ragazzi l’esibizione del cane pastore tedesco “Nap” che, al guinzaglio del proprio conduttore, ha abilmente individuato tra un gruppo di valige quella che occultava una sostanza sintetica simile per caratteristiche odorifiche alla droga vera.

    Mercoledì 11 maggio, alle 10 circa, l’iniziativa sarà riproposta presso la scuola primaria “Padre Giulio Bevilacqua” di Borgo San Giacomo (BS). Quanto realizzato nella nostra città fa parte di un progetto nazionale promosso dal Comando Generale della Guardia di finanza, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, con l’obiettivo primario di far recepire ai giovani studenti i giusti principi di legalità sui quali fondare il loro futuro. 

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY