Venerdì lo sciopero generale della Cgil. Ecco i motivi della protesta

    0

    No alla politica economica del governo Berlusconi. Anche a Brescia la Cgil è pronta a scioperare. Venerdì 6 maggio si terrà infatti il quinto sciopero generale senza Cisl e Uil. Un’astensione dal lavoro per l’intera giornata che sarà accompagnata da manifestazioni su tutto il territorio.

    A Brescia è previsto un concentramento alle ore 9 in piazza Garibaldi, alle 9.30 il corteo lungo le vie cittadine (via F.lli Ugoni, Piazza Repubblica, via XX settembre, via San Martino della Battaglia, Corso Zanardelli, via X Giornate, piazza Loggia). Alle 11 il cominizio in piazza Loggia: parleranno prima i delegati mentre le conclusioni sono affidate a Fabrizio Solari della segreteria nazionale Cgil.

     

     

    I motivi della protesta sono riassunti in una piattaforma di dodici punti:

    1. Per uscire dalla crisi e avviare la crescita – Difendere il lavoro con un sistema di ammortizzatori sociali che copra tutti coloro che lo hanno perso. Potenziare l’economia con investimenti, spesa in opere pubbliche, innovazione e ricerca.

    2. Per difendere i redditi – Un fisco giusto attraverso una vera lotta all’evasione. Un fisco più leggero per le famiglie dei lavoratori e dei pensionati. Un fisco più pesante sulle transazioni speculative, sulle rendite e sulle grandi ricchezze.

    3. Per una nuova politica industriale e per rilanciare gli investimenti – Riordino degli incentivi per un maggiore e migliore sviluppo. Nuove misure per il sistema produttivo per portarlo verso settori e prodotti sostenibili ad alto valore tecnologico e di conoscenza.

    4. Per la scuola pubblica, l’università e la ricerca – Investimenti sulla conoscenza e sul diritto allo studio. Sviluppo della qualità per la scuola pubblica, l’università e la ricerca.

    5. Per un welfare diffuso e di qualità – Rifinanziare adeguatamente il servizio sanitario, il fondo per le politiche sociali, il fondo per la non autosufficienza.

    6. Per un adeguato livello delle pensioni e del benessere oltre il lavoro – Meccanismi di rivalutazione delle pensioni e il riconoscimento della quattordicesima. Garantire alle future generazioni un reddito da pensione adeguato. Ripristinare la flessibilità dell’età pensionabile.

    7. Per i giovani e per il futuro – Avviare interventi straordinari per creare occupazione e sradicare la precarietà. Costruire un sistema di welfare che dia ai giovani autonomia dalla famiglia.

    8. Per le donne, una battaglia per la dignità – Introdurre incentivi fiscali all’occupazione. Garantire la tutela concreta della maternità e introdurre il congedo obbligatorio di paternità. Una legge che impedisca il licenziamento preventivo come le dimissioni in bianco.

    9. Per il lavoro pubblico – Rinnovo dei contratti nazionali e dei contratti integrativi contro ogni accordo separato. Blocco dei licenziamenti dei precari e definizione di un piano occupazionale.

    10. Per una nuovo politica di accoglienza e cittadinanza attiva dei migranti – Regolarizzare i lavoratori immigrati per sconfiggere la piaga del lavoro nero. Fornire i livelli essenziali di welfare. Regolare i diritti di cittadinanza per superare le discriminazioni a partire dal diritto di voto.

    11. Per un federalismo solidale ed efficace a livello regionale e comunale – Definire i livelli essenziali delle prestazioni sociali affinché il federalismo non divida ulteriormente il paese.

    12. Per più democrazia nei luoghi di lavoro – Eleggere ed estendere le Rsu in tutti i settori privati. Misurare la rappresentatività delle organizzazioni sindacali sulla base degli iscritti e dei voti ricevuti nelle elezioni delle Rsu. Garantire ai lavoratori la possibilità di esprimere un voto vincolante sugli indirizzi e sugli esiti contrattuali, ancora di più in presenza di accordi separati.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Ma che ragioni sono??? Chiunque sarà d’accordo con quanto scritto in quei 12 punti (almeno al 90%). La verità è che si vogliono difendere dei privilegi!! Batsa con questi scioperi!!!

    2. sciopero di venerdì?? di venerdì??? e poi che azzo di punti sono? io dalla cgil mi aspetto scioperi x il rinnovo dei contratti, non che si metta pure lei a far politica…. Ke schifo e che palle!!

    3. quando erano i governi di sinistra a comandare….andava bene tutto anche togliere la scala mobile o portar via il 6 %SU I CONTI CORRENTI ECC…..LA CGIL E COMPANY TUTTI ZITTI…..ora che comanda la destra lotta dura…..li abbiamo già conusciuti questi signori….. ci hanno proprio fregato bene……

    4. io,potessi,cheiderei alla cgil fiom una cosa.perche a pomigliano lotta dura e alla bertone niente?cosa c’era di differente?

    5. un altra cosa,bisognerebbe spiegar loro che esiste anche il mercoledi o il giovedi,perche sempre di venerdi gli scioperi?

    LEAVE A REPLY