De Martin (Pd) rilancia le primarie per il candidato sindaco. Ma resta aperta aperta la questione alleanze

    0

    Il candidato sindaco del centrosinistra, a Brescia, deve essere scelto attraverso le primarie. A dirlo è il segretario cittadino del Pd Giorgio De Martin, che giustifica l’affermazione con ragioni “statutarie”, ma “soprattutto politiche”. “Le regole parlano chiaro”, sottolinea De Martin, “ma la vera questione è politica. Le primarie, infatti, sono un momento importantissimo per coinvolgere i cittadini nelle decisioni e hanno dimostrato di saper individuare il candidato elettoralmente più forte. Sia quando il voto ha premiato esponenti del Pd – penso al caso di Fassino, ma anche di Renzi – sia quando ha investito figure di altri partiti, come Vendola e Pisapia”.

    A supporto di questa linea, peraltro, c’è anche lo statuto del Pd. Un insieme di regole sconosciute alla gran parte dei militanti, a volte di difficile interpretazione, spesso anche contraddittorie, ma comunque vincolanti. In questo caso lo statuto impone le primarie quando il partito si presenta alla sfida elettorale senza alleati, mentre – in caso di accordi elettorali – l’automatismo può essere bloccato soltanto a una condizione: quella che il 60 per cento dei membri dell’assemblea cittadina (che, per il 60 per cento, fa riferimento proprio a De Martin e per il 40 ai bersaniani) richieda di non farle.

    Insomma: per il Partito democratico – anche dal punto di vista tecnico – non sarà facile bloccare questo meccanismo. Nemmeno se a chiederlo dovesse essere qualche civica, che in cambio dell’appoggio potrebbe “pretendere” subito il candidato sindaco. Ma è altrettanto vero che per il Pd, sarebbe quasi impossibile obbligare l’Udc alle primarie nel caso in cui a Roma il partito di Pierferdinando Casini desse il via libera all’alleanza con il centrosinistra nella Leonessa.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Giorgio è una persona onesta e seria quando fa politica…. Lo apprezzo e lo ringrazio per il fatto che vuole dare la parola alla base… In questo partito ci sono troppi oligarchi.

    2. fate le primarie e alle elezioni faremo le secondarie, nel senso che che perderemo sicuramente. Ormai alle primarie non ci crede più neanche Prodi. E’ diventato un rituale stantio, come gli scioperi del venerdì della CGIL

    3. non dite in giro che il candidato è Corsini, altrimenti è il bello che perde le primarie. il PD oramai è così…

    4. Tranquilli ragazzi. evitate di spendere soldi e tempo per le primarie. tanto rivince l’alleanza Paroli-Rolfi al primo turno!!

    5. Cara redazione, vorrei sapere come mai a differenza di ogni altro sondaggio non è stato dato conto del fatto che pur su dati non scientifici la maggioranza di chi vi legge ha dato ragione al P.D. sulla vicenda Carte di credito. Cosa deve pensare chi vi legge assiduamente e da sempre?

    6. 1. il PD fa le primarie
      2. la LEGA mette i soli delle alpi nelle scuole e fa votare le TROTE per nepotismo
      3. il PDL sopporta senza battere ciglio un sindaco con un doppio incarico

      a te la scelta…

    LEAVE A REPLY