Lombardia, in arrivo 750 profughi dalla Libia. E’ giallo sulle loro destinazioni

0
Immigrati, domande respinte al 97% a Brescia
Migranti
Bsnews whatsapp

Sono circa 750 i profughi in arrivo dalla Libia che nei prossimi giorni arriveranno in Lombardia, anche se per il momento è ancora giallo sulla loro destinazione di accoglienza. “Nulla ci è stato detto sui luoghi dove queste persone verranno accolte”, ha chiarito il presidente della Regione Roberto Formigoni, precisando che la questione “non è di nostra competenza” e che toccherà alla protezione civile nazionale sciogliere il nodo delle prossime ore, stasera o al massimo domani. L’unica certezza per il momento è che “non ci saranno tendopoli”, ha assicurato Formigoni, chiarendo che è il prefetto Roberto Giarola l’uomo incaricato dal capo della protezione civile Franco Gabrielli a gestire l’emergenza profughi in Lombardia.

I profughi arriveranno divisi in due scaglioni. Il primo, atteso per la serata di domani, sarà composto da 298 persone, mentre giovedì e venerdì arriveranno altri 300-350 immigrati, tutti partiti dalle coste della Libia. Numeri che, a giudizio del governatore lombardo, saliranno nel giro di pochi giorni: “Non è difficile ipotizzare che il numero degli arrivi in Italia sia destinato ad aumentare. E bisogna tenere conto che i profughi quando arrivano, arrivano, e lo fanno senza prenotare”.

Così la macchina dell’accoglienza lombarda si svilupperà in due fasi: una prima, della durata di circa 15 giorni, durante la quale saranno garantiti vitto, alloggio e assistenza sanitaria (gestita dalle aziende ospedaliere lombarde ma con costi interamente a carico dalla protezione civile nazionale), e una seconda fase, più a medio e lungo termine, dove si puntera’ in particolare sull’inserimento sociale. “Di fronte a questa situazione – ha lamentato Formigoni concludendo – l’Italia continua a essere lasciata sola, da parte del’Unione Europea c’è una sostanziale indifferenza”.

 

 

Leggi il comunicato sul sito della Regione Lombardia

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ma che decidono sono i prefetti ….i cittadini è le autorità non vengono ascoltate…..è quasi come una dittatura….decidono loro il bene del cittadino…..sia che li vogliano o no………

RISPONDI