Stangata per il team manager Bruno Leali: squalifica a vita

    0

    Una gloriosa carriera, di corridore prima e di team manger poi, che si conclude amaramente. Un’onta difficile da accettare, che lascerà dietro di se tanti rimpianti. La carriera di team manager di Bruno Leali è giunta al traguardo finale. Un traguardo triste però, che coincide con la squalifica a vita in seguito all’inchiesta sul doping partita un anno fa durante il giro dilettanti. 

    Ieri il Tribunale Nazionale Antidoping di Roma, presieduto da Francesco Plotino, ha confermato la squalifica a vita, interrompendo per sempre l’attività di Leali. I fatti contestati risalgono al 10 giugno 2010: i Nas durante un sopralluogo nelle stanze d’albergo e nelle abitazioni dove dormivano i corridori della Lucchini-Unidelta-Ecovalsabbia, guidata da Leali, scoprirono la presenza di sostanze dopanti. Fu immediata la sospensione dalle corse, è ora irrevocabile la squalifica a vita. Due anni la squalifica invece ai ciclisti Luca Benedetti ed Emanuele Moschen.

    E’ la fine di una carriera? Da tem manager o direttore sportivo sì, senza dubbio. Ma riesce difficile pensare a Bruno Leali lontano della corse che sono state la sua vita per 40 anni, da professionista ciclista e dirigente poi. Certo, avrebbe dovuto pensarci prima. In fondo queste sono le azioni che rovinano lo sport per cui Leali ha vissuto fin’ora.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Quanta ipocrisia nel mondo del ciclismo !
      E questo mi dispiace molto, visto che di questo sport ne sono innamorato, prima come corridore e adesso come direttore sportivo dei giovanissimi.
      Sono d’accordo per la squlifica a vita a Bruno Leali, ma se siamo sinceri, se vogliono o essere sinceri a certi livelli bisogna squlificare tutti, nessun professionista si salva, e questo i dirigenti del ciclismo lo sanno ! Ma guardate le tappe del giro d?Italia ad esempio , come si fa ad andare a pane e d’acqua ? gli organizzatori sono ridicoli !

    LEAVE A REPLY