Stangata per il team manager Bruno Leali: squalifica a vita

    0
    Bsnews whatsapp

    Una gloriosa carriera, di corridore prima e di team manger poi, che si conclude amaramente. Un’onta difficile da accettare, che lascerà dietro di se tanti rimpianti. La carriera di team manager di Bruno Leali è giunta al traguardo finale. Un traguardo triste però, che coincide con la squalifica a vita in seguito all’inchiesta sul doping partita un anno fa durante il giro dilettanti. 

    Ieri il Tribunale Nazionale Antidoping di Roma, presieduto da Francesco Plotino, ha confermato la squalifica a vita, interrompendo per sempre l’attività di Leali. I fatti contestati risalgono al 10 giugno 2010: i Nas durante un sopralluogo nelle stanze d’albergo e nelle abitazioni dove dormivano i corridori della Lucchini-Unidelta-Ecovalsabbia, guidata da Leali, scoprirono la presenza di sostanze dopanti. Fu immediata la sospensione dalle corse, è ora irrevocabile la squalifica a vita. Due anni la squalifica invece ai ciclisti Luca Benedetti ed Emanuele Moschen.

    E’ la fine di una carriera? Da tem manager o direttore sportivo sì, senza dubbio. Ma riesce difficile pensare a Bruno Leali lontano della corse che sono state la sua vita per 40 anni, da professionista ciclista e dirigente poi. Certo, avrebbe dovuto pensarci prima. In fondo queste sono le azioni che rovinano lo sport per cui Leali ha vissuto fin’ora.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Quanta ipocrisia nel mondo del ciclismo !
      E questo mi dispiace molto, visto che di questo sport ne sono innamorato, prima come corridore e adesso come direttore sportivo dei giovanissimi.
      Sono d’accordo per la squlifica a vita a Bruno Leali, ma se siamo sinceri, se vogliono o essere sinceri a certi livelli bisogna squlificare tutti, nessun professionista si salva, e questo i dirigenti del ciclismo lo sanno ! Ma guardate le tappe del giro d?Italia ad esempio , come si fa ad andare a pane e d’acqua ? gli organizzatori sono ridicoli !

    RISPONDI