Lombardi attacca l’Aler: domande su sesso e aborto per selezionare i candidati, Isacchini faccia un esposto

0
Ettore Isacchini
Ettore Isacchini
Bsnews whatsapp

Domande troppo private – anche sulla sfera sessuale – per selezionare i candidati al posto di dirigente tecnico dell’Aler. Sono queste le “gravi irregolarità con ipotesi di reato penale” – così riferiva l’invito alla conferenza stampa – di cui ha parlato oggi Mirko Lombardi, coordinatore cittadino di Sel e consigliere dell’Aler bresciana. Sottolineando di aver già chiesto al presidente dell’ente Ettore Isacchini – “parte lesa nella vicenda” – di sporgere denuncia sull’accaduto.

 

 

 

Tra gennaio e febbraio, infatti, una trentina di aspiranti dirigenti si sarebbero presentati alle selezioni, affidate a una società esterna che aveva già in passato collaborato con l’ente. E tra le domande a cui sono stati chiamati a rispondere alcune avrebbero riguardato anche le eventuali esperienze sessuali con persone dello stesso sesso e gli eventuali aborti. Un criterio che, secondo Lombardi, cozza con il decreto legislativo 216/2003 secondo cui (articolo 3) “ Il principio di parità di trattamento senza distinzione di religione, di convinzioni personali, di handicap, di età e di orientamento sessuale si applica a tutte le persone sia nel settore pubblico che privato ed è suscettibile di tutela giurisdizionale (…) con specifico riferimento alle seguenti aree: a) accesso all’occupazione e al lavoro, sia autonomo che dipendente, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione (…)”, salvo che “per la natura dell’attività lavorativa o per il contesto in cui essa viene espletata, si tratti di caratteristiche che costituiscono un requisito essenziale e determinante ai fini dello svolgimento dell’attività medesima”. Una casistica, quest’ultima, che pare difficilmente applicabile all’Aler.

 

 

 

Lombardi ha quindi invitato Isacchini a presentare un esposto e annunciato che trasmetterà la documentazione al Commissario europeo per la libertà, alle “corrispondenti autorità italiane” e il parlamento. Inoltre l’esponente di Sel ha chiesto le dimissioni del direttore della società incaricata di gestire la selezione.

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI