Il Carroccio contro il neo sindaco di Azzano: nessun leghista l’ha sostenuto

0
Stefano Borghesi
Stefano Borghesi

Ad Azzano Mella le polemiche continuano anche dopo le elezioni. La Segreteria Provinciale della Lega Nord, infatti, interviene con una nota per precisare che il neo sindaco non è stato appoggiato da nessun esponente del partito.

 

 

 

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO:

 

 

 

“Siamo sorpresi dalle dichiarazioni del neo sindaco Baronchelli che definisce la propria lista trasversale e con al proprio interno persone della Lega Nord” – afferma il Segretario Provinciale Stefano Borghesi.

 

“Ribadiamo, per una questione di chiarezza e di trasparenza nei confronti degli elettori, che in questo comune la Lega Nord ha deciso di presentarsi da sola con una propria lista e con il proprio simbolo al fine di sgomberare il campo da ogni dubbio ed essere ben riconoscibile: nessun esponente della Lega Nord è quindi presente nella lista del sindaco Baronchelli” – conclude Borghesi.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Bravo Borghesi, un tempismo davvero perfetto, nello steso giorno in cui il Consiglio di Stato boccia per l’ennesima volta il progetto dell’eco-mostro del Polo Logistico. Almeno adesso sanno tutti che anche la Lega è favorevole a tale mostruosità. Complimenti ai vertici leghisti ma i militanti dovrebbero meditare e arrabbiarsi essendo chiarissimo chi difende il loro territorio e chi no.

  2. Bene, un po’ di chiarezza, era ora. Per portare i voti a Baronchelli certuni hanno millantato di essere la frangia leghista dentro la sua lista. Ora il nuovo sindaco la smetterà di rilasciare tale dichiarazioni. Per essere con il proprio territorio non è obbligatorio stare con Baronchelli, Prevedoni, il Pd, Prestini ex proprietario dell’area del polo logistico e chi vuole costruirci una bella landa di cappanoni. (vuoti)

  3. Se la Lega Nord vi da così fastidio (per usare un termine adatto ad un forum), come mai avete tanto insistito nel dire che c’erano dei leghisti nella lista Baronchelli? Non avete perso occasione per rimarcarlo. In compenso, non avete mai voluto ammettere di essere una lista sostenuta dal PD…chissà perchè?! Avete detto tutto e il contrario di tutto…complimenti per la coerenza! Ora tutti capiranno che di leghisti tra di voi non ce ne sono, per fortuna.

  4. Probabilmente i leghisti che hanno appoggiato Baronchelli non piacciono ai vertici della lega che ormai è diventata il partito degli interessi e non più del popolo e dei territori. I leghisti veri hanno scelto dove stare anche in compagnia del PD. L’onestà non ha colore politico sono gli uomini a fare la differenza!!!!!!!!!

  5. Poi mi spiegherai, topo, come chi si professa leghista si trova in accordo con le politiche sull’immigrazione del PD (solo per citare un argomento)…forse i sedicenti leghisti di Azzano pensano che dopo Azzano ci siano le Colonne d’Ercole e il mondo finisca. Se i vertici della Lega non vi vanno più bene chiamatevi in modo diverso perchè voi NON SIETE LEGHISTI (fatevene una ragione)

  6. topo, istruisciti. Un partito si sceglie i propri militanti. Non è un club di caccia e pesca o gli amici del bar sotto casa che si riuniscono per una briscolata. Svegliati!

  7. Maroni manda i profughi di Lampedusa a Pisogne in residence e a mangiare al Ristorante senza avvisare nessuno. Forse anche a qualche leghista autentico è venuto il dubbio che in questi anni i "dirigenti" della Lega li abbiano presi per il naso….e ora vi prendono per il naso mandandovi a casa dovunque e soprattutto al Nord!!!!!!!!!!!!!!

  8. Veramente, per essere obiettivi, (da non leghista) la Lega ha perso voti a Milano e nel bresciano . Nel bresciano, a mio avviso,questo è dovuto all’arroganza e supponenza della dirigenza leghista che….furbamente sceglie i propri militanti bravi ……

  9. Per la verità non è Maroni che manda i profughi in silenzio da Lampedusa a Pisogne Topo di campagna, c’è una quota di profughi da assorbire e ogni quota è in carico alla regione di competenza, i profughi, non immigrati clandestini quelli sono nei CIE, li distribuisce in maniera misurata l’assessore alla Protezione Civile ( il Fratello di Kestrazio La Muffa Romano La Russa) in accordo con i sindaci / associazioni che si sono rese disponibili ad accoglierli.
    Tanto per essere precisi

  10. mi sembra, caro leghista la qualunque, che l’assessore alla protezione civile della regione Lombardia, sia stato eletto, grazie anche ai voto dei leghi….. quindi…. poco blaterare…..

  11. Ma perchè siete così incattiviti cari rossi se avete vinto? Andate avanti! Non fate il polo logistico? Meglio! Le mie previsioni: la giunta di Azzano dura minga. Sapete perchè? Perchè il Polo lo farà, si che lo farà. Baronchelli è una "brava persona", ma non è lui che comanda.
    Intanto il neo sindaco potrebbe dar vita allo spirito sinistro dei suoi compagni invitando lui i clandestini di Lampedusa.

  12. Il titolo di questa news non è esatto: Borghesi non è CONTRO a prescindere, ma chiarisce una questione politica. Inoltre NESSUN LEGHISTA HA SOSTENUTO…non è la stessa cosa di "Nessun esponente della Lega Nord è quindi presente nella lista del sindaco Baronchelli" Essere presenti politicamente in una lista e dichiararsi di un’altro partito così a caso è una buffonata.

  13. Caro Luca non volevo istruirsi sulle modalità di voto alle elezioni regionali appena passate ma purtroppo viste le tue inesattezze devi rinfrescarsi la memoria, Esiste un listino bloccato del candidato Presidente in cui in base alla percentuale del consenso entrano senza preferenze da 8 a 16 candidati e romano la russa non è tra questi. Ci sono poi le liste dei partiti legate al candidato presidente in cui, se vuole, l’elettore vota il simbolo che più gradisce ed esprime una preferenza . Quindi chi voleva votare Romano Maria La Russa doveva esprimere la sua croce sul simbolo del PDL ed esprimere la preferenza a Romano Maria La Russa. Quindi caro Luca se l’assessore citato è stato eletto non è certo con i voti e le preferenze della lega ma bensì dagli elettori del PDL, stesso partito del presidente che gli ha poi dato la delega di assessore. Quindi l’assessore del PDL fratello del Ministro della difesa, abbiamo visto come per l’emergenza immigrati ( scomparso da giornali e tv per giorni ), nati entrambi a Paternò in provincia di Catania, eletti entrambi in Lombardia hanno trovato la disponibilità ad accogliere i profughi nel Sindaco di Pisogne Oscar Panigada eletto con una lista civica appoggiata dalle sinistre. Conclusione abitanti di Pisogne se non vi piacciono i profughi la prossima volta non votate ne PDL ne PD ma votate la LEGA del Ministro Maroni.

  14. @ginevra forse la realtà è un "pochetto" più complessa di quanto la descrive lei … forse saranno anche i futuri militanti a scegliere il partito o siamo in regime di costrizione ?? …

  15. @ mario, è vero, sono i "futuri militanti" che scelgono di militare in un partito. La militanza però se la devono guadagnare militando e lavorando nelle sezioni locali. Nella Lega c’è uno statuto per questo. Non è che uno perchè dice di aver votato Lega è autorizzato a rappresentare il partito. Ci mancherebbe!

LEAVE A REPLY