Sabato un convegno a Villa Fenaroli sui 100 anni dell’Altare della Patria

0
Villa Fenaroli Rezzato
Villa Fenaroli Rezzato

L’origine della decisione di celebrare Vittorio Emanuele II con un grande monumento nazionale a Roma. Le traversie del progetto, il contributo che ad esso diede lo statista bresciano Giuseppe Zanardelli, il ruolo decisivo che ebbe la scelta del marmo di Botticino e di Rezzato. E poi una rilettura artistica del discusso Altare della Patria, e del contributo dello scultore bresciano Angelo Zanelli, e dell’apparato fotografico che documenta tecniche e condizioni di lavoro nel bacino marmifero bresciano all’epoca dell’immenso cantiere romano.

 

Il convegno e il libro. Sono questi solo alcuni dei temi che saranno affrontati nel convegno storico intitolato “Altare della Patria. Cento anni di un monumento bresciano” che si svolgerà sabato 21 maggio a Rezzato, a Villa Fenaroli Palace hotel, dalle 9 alle 13. Quest’anno, infatti, ricorrono i cento anni dall’inaugurazione del Vittoriano, avvenuta il 4 giugno del 1911 nell’ambito delle celebrazioni per i primi 50 anni dell’unità d’Italia.

 

Durante il convegno, i cui lavori saranno moderati e condotti dallo storico Marcello Zane, si confronteranno gli autori che hanno collaborato alla realizzazione dell’omonimo volume, edito da Grafo. Interverrà anche Mauro Negri, che illustrerà i contenuti del fondo storico-fotografico della Fondazione Negri relativo alle cave e ai laboratori marmistici nell’epoca in cui, a cavallo fra Otto e Novecento, 40mila metri cubi di pietra bresciana, pari a 110mila tonnellate, vennero estratti, squadrati e trasportati a Roma per realizzare il monumento.

 

 

 

Il programma (vedere l’allegato). Dopo il saluto delle autorità presenti, e la consegna al sindaco di Botticino (capofila del progetto) della targa con cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inteso premiare il programma bresciano per i cento anni dell’Altare della Patria, i lavori saranno introdotti dal sindaco di Rezzato Enrico Danesi e dal sindaco di Botticino Mario Benetti.

 

 

 

Alle 9.30 la prima sessione di lavori

 

Sergio Onger, dell’Università degli studi di Brescia, affronterà il tema: “Un Altare per la Patria. Genesi, vicissitudini e significati simbolici del monumento”. A seguire Roberta Gallotti, dello Studio associato Scrinia, interverrà sul tema: “Il marmo di Botticino alla conquista di Roma. Il ruolo di Zanardelli, le controversie giornalistiche”. Infine Massimo Tedeschi, storico e giornalista nonchè coordinatore del progetto del centenario, interverrà su: “La belle époque del marmo di Botticino. Strategie, contratti, uomini e tecnologie”

 

Dopo il coffee break, alle 11.15 l’assessore alla Cultura di Rezzato Claudio Donneschi premierà Serena Morbini, studentessa dell’Accademia Laba, ideatrice della linea grafica delle manifestazioni del centenario e l’assessore alla Cultura di Botticino Clara Benedetti premierà Annamaria Valcamonico, studentessa dell’Accademia Santa Giulia, webmaster del sito dedicato (www.altaredellapatriacentenario.it).

 

 

 

A partire dalle 11.30 la seconda sessione dei lavori

 

Michela Valotti, dell’Università Cattolica di Brescia, affronterà il tema: “Angelo Zanelli e l’Altare della Patria. Alle origini del fregio del lavoro e dell’amor patrio”. Valerio Terraroli, dell’Università degli Studi di Torino, interverrà con un contributo “Per una rilettura del Vittoriano: architettura, sculture e decorazioni del complesso monumentale”. Infine Mauro Negri, della Fondazione archivio Negri, tratterà l’argomento: “Un fotografo nelle cave: il valore documentario delle lastre dell’archivio Negri coeve al Vittoriano”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome