Nasce il brand Lago d’Iseo, sedici comuni uniti per il Sebino

    0

    Possono ritenersi soddisfatti i sedici Sindaci del lago d’Iseo. Due degli obiettivi che si erano posti nei loro primi incontri sono stati già raggiunti. A distanza di un anno o poco più dalle loro prime riunioni e a soli tre mesi dalla firma ufficiale del protocollo d’intesa, i primi cittadini hanno potuto presentare alla stampa il brand “Lago d’Iseo” e anche un calendario di eventi congiunto per la prossima estate.

    Si tratta di primi passi fondamentali per un’operazione di marketing territoriale che favorisca il turismo sul lago d’Iseo, senza escludere le realtà minori e i comuni meno conosciuti. I comuni di Castro, Costa Volpino, Iseo, Lovere, Marone, Monte Isola, Paratico, Parzanica, Pisogne, Predore, Riva di Solto, Sale Marasino, Sarnico, Solto Collina, Sulzano  e Tavernola hanno abbandonato campanilismi e antiche rivalità per unire le forze e puntare insieme alla promozione del territorio. Sull’onda del motto “l’unione fa la forza”, il brand Lago d’Iseo vuole essere un sigillo, una firma capace di competere con altri territori.

    Nello specifico, il logo che da oggi in poi caratterizzerà il lago, disegnato dalla Vice Sindaco del Comune di Sarnico, riprende uno degli elementi che ricorre in tutte le realtà del Sebino: un gabbiano appoggiato ad un palo nel lago. Un simbolo fortemente evocativo e al tempo stesso un dettaglio trasversale a tutti i comuni. Una di quelle immagini che rimangono impresse nella mente di chi visita il nostro lago, dovunque si trovi.

    La scelta del gabbiano su un palo suggerisce e ricorda anche la natura del Sebino: un territorio a vocazione turistica certo, ma che a differenza di altre realtà, non perde mai il legame con l’ambiente, con la storia e con la tradizione della gente che lo abita. Da qui la decisione di un simbolo naturale, che poco ha a che vedere con le destinazioni turistiche affollate, caotiche e anche mondane che altri laghi invece rappresentano.

    Entrando proprio nei dettagli del logo, la lettera “I” diventa l’elemento fondamentale: è sia l’iniziale del nome del lago (Iseo) ma è anche il palo che offre riposo al gabbiano stilizzato. Il font utilizzato è volutamente forte, aggressivo, di grande impatto. Il contrasto è accentuato dalla dolcezza della lettera “L” che invece assume le sembianze di un’onda gentile, tenue. I colori, naturalmente, non potevano che essere quelli del lago e quindi dell’acqua.

    Passando invece all’altro prodotto presentato, ovvero il calendario degli eventi, i sedici comuni hanno selezionato alcune delle manifestazioni estive più interessanti per dare vita ad un elenco dettagliato di cosa un turista o un cittadino può fare nei prossimi mesi. Oltre 60 eventi, tra cui mostre, rassegne culturali, concerti, competizioni sportive e tanto altro per informare chiunque arrivi sul lago del grande ventaglio di possibilità che il Sebino offre dal mese di maggio fino a quello di settembre. Uno strumento davvero utilissimo non solo per i turisti ma anche per i cittadini che potranno trovare questi calendari nei propri paesi a partire dalle prossime settimane.

    Il prossimo obiettivo che i Sindaci hanno in mente è un portale unico del lago d’Iseo che permetta anche la possibilità di prenotare alberghi, bed and breakfast e campeggi direttamente on-line: obiettivo a breve termine visto che il lavoro dovrebbe concludersi nelle prossime settimane. Non bisognerà quindi attendere molto per vedere altri risultati concretizzarsi.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY