Parco delle cave, Paroli firma il suo “impegno”

    0
    Bsnews whatsapp

    Importante passo in avanti per il parco delle cave. Ieri sera, nel corso di un’assemblea pubblica a San Polo, il sindaco Adriano Paroli ha infatti sottoscritto un impegno per inserire nelle linee guida del Pgt la proposta elaborato dal Codisa e per avviare un percorso di progettazione partecipata per realizzare il parco.

    “L’area è molto vasta” ha spiegato Paroli “quattro milioni e mezzo di metri quadrati. Per creare il Parco delle cave bisogna prima acquisire le aree, tutte appartenenti a privati con i quali è necessario dialogare. Per questo – ha aggiunto – è una pazzia pensare di acquisirla senza creare possibilità di fruizione, attraverso servizi e strutture. Mi affascina l’idea, espressa dal Comitato, di mantenere nella parte meridionale una vocazione naturalistica; ma quest’area può convivere con le strutture previste dal Parco dello sport, previste più a nord. Del resto l’area che dovrebbe ospitare l’edificato sportivo non consumerebbe più di 250 mila metri quadrati di suolo, raggruppando in un’area ristretta tutti gli impianti sportivi”.

    Il documento sottoscritto dal primo cittadino (in allegato) si articola in quattro punti:

    – fare in modo che l’istanza, che prevede la totalità del Parco delle Cave, valutata in circa 4.500.000 mq. così come evidenziato nel nostro progetto, sia inserita nelle LINEE GUIDA del nuovo Piano Governo Territorio in fase di completamento da parte del Comune, alla luce anche della sua condivisione sui 4/5 circa (quattro/quinti) del progetto proposto;

    – avviare un percorso di progettazione partecipata per la realizzazione del parco delle cave, ivi inclusi gli eventuali impianti sportivi che si vorranno prevedere nell’ATE 23 (gruppo Faustini), percorso che coinvolga anche il Co.Di.S.A. e che tenda al rispetto dei principi di impatto zero ed ecosostenibilità, tale fase progettuale dovrà considerare l’area nella sua interezza;

    – tenere nella più alta considerazione e garantite in tutte le forme la salute e la vivibilità dei quartieri di San Polo, Sanpolino e Buffalora qualora l’Amministrazione Comunale intenda rivolgersi a quest’area per qualsivoglia tipo di intervento, essendo il Sindaco primo garante della salute pubblica dei cittadini;

    – a cercare soluzioni alternative da proporre all’imprenditore al fine di non realizzare la discarica di Amianto prevista in via Brocchi.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. ma come? per anni l’assessore Labolani ci ha spiegato che il parco delle cave non esiste e ora paroli firma un impegno per realizzarlo…mah…

    2. Il testo è vago e facilmente interpretabile (male). Rappresenta, però, un chiaro impegno politico del Sindaco a rispettare le istanze del Codisa. Ora sta a lui, che ci ha messo la caccia, rispettare gli impegni presi.

    3. Vedete, sono sempre contenta quando si trova una soluzione condivisa e quando magari si ha il coraggio di fare un passo indietro…….Non ricordo ripensamenti da parte della Giunta precedente ed ho assistito più volte ad assemblee pubbliche in cui i precedenti Assessori ( vediamo di trovare le parole giuste per non offendere nessuno)assumevano atteggiamenti supponenti e di insofferenza nei confronti dei Cittadini che osavano contraddirli.Bisogna essere consapevoli che , in quanto esseri umani si è soggetti ad errori. L’importante è NON perseverare

    4. Ho assitito alla serata, sono un cittadino che ha sempre guardato con interesse al Codisa. L’ho trovata una serata imbarazzante.
      L’impegno è su non si sa cosa. Paroli ha ribadito che farà lo stadio con annessi e connessi (comemerciale e edilizia abitativa in compensazione).
      L’ho trovata una serata confusa e triste.
      Ci aspetta un’altra colata di cemento armato, altro che il Parco.

    5. Io mi sto impegnando per mettere insieme delle proposte di modifica al progetto, e le richieste non sono esagerate, ma attuabili. Purtroppo non è facile far passare anche le idee migliori, perchè non si tratta solo di trovarle.

    RISPONDI