L’ex Oviesse è costato troppo? Il caso finisce in Tribunale

    15

    L’ex Oviesse è costato troppo? Per l’ex candidato sindaco Cesare Giovanardi, oggi nel direttivo del Pd, decisamente sì; una cifra definita “abnorme”, tanto che lo scorso 25 maggio Giovanardi ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica. Niente affatto, replica Riccardo Franceschi, presidente di Brixia Sviluppo, la controllata del Comune che ha acquistato l’immobile. Squadernando dati e atti notarili Francheschi che ha querelato Giovanardi per diffamazione – spiega che il prezzo (8, 8 milioni) è anzi stato vantaggioso per le casse pubbliche. Ora la faccenda verrà sviscerata in Tribunale. Già giovedì dovrebbe esserci la prima udienza.

    L’ACCUSA

    Nel suo esposto Giovanardi spiega che il Comune di Brescia ha acquisito attraverso Brixia Sviluppo l’ex Oviesse al prezzo «ingiustificato» di 8 milioni e 770 mila euro: trattandosi di 3.601 metri quadrati (“da ristrutturare”) significa 2.436 euro al metro. “Una cifra abnorme” sbotta Giovanardi. Per arrivare a quela cifra, il Comune nel 2008 commissionò una perizia che teneva conto del listino della Borsa immobiliare della Camera di commercio di Brescia e dei dati dell’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia del territorio. Il risultato fu che venne attribuito un valore di 2900 euro al metro, ossia 10.4 milioni complessovi. Ma recuperando quei documenti Giovanardi si è accorto che la Borsa immobiliare per edifici “da ristrutturare”, in quella zona, dava valori da 750 a 1000 euro al mq. L’Osservatorio indicava invece per l’agibile commerciale valori tra i 1.610 e i 2.010 euro al metro quadrato. La realtà "fattuale e oggettiva" di Giovanardi è che per un immobile dal valore di circa 5 milioni il Comune ne ha spesi 8,8. Tutto questo se l’edificio viene considerato in zona B4, ovvero in corso Mameli, meno di pregio rispetto alla zona B1, ovvero corsetto sant’Agata dove l’immobile ha un portone d’ingresso. Potrà sembrare una questione formale e di secondo piano, invece proprio qui sta il vero nodo.

    LA DIFESA

    La tesi di Brixia Sviluppo è infatti basata su un dato: l’immobile non è accatastato in corso Mameli, ma in corsetto Sant’Agata. L’ex Oviesse è infatti parte maggioritaria (l’85%) del condominio «Corsetto Sant’Agata». La perizia citata da Giovanardi cita atti e documenti che confermano questa tesi, al cui sostegno vi sarebbero anche i documento dell’Agenzia del territorio. In zona B1 – corsetto sant’Agata – i valori al metro quadro salgono parecchio anche per un immobile da ristrutturare: tra 2.870 e 4.160 euro. A questo punto il prezzo pagato da Brixia Sviluppo (2436) risulterebbe davvero conveniente. e giustificano il prezzo di 2.436 euro (8,77 milioni in totale) pagato da Brixia Sviluppo.

    LA CONTROREPLICA

    Corsetto sant’Agata? Niente affatto, replica ancora una volta Giovanardi e tira fuori le prime pagine della perizia di stima in cui l’immobile è indicato “sito in corso Mameli 23”.  

    Comments

    comments

    15 COMMENTS

    1. Ma quale controreplica: a Brescia tutti sappiamo che l’ex Oviesse e ora Buonissimo si trova in c.so Mameli e non in c.tto S.Agata. Se poi c’è qualche entrata secondaria in c.tto S.Agata credo sia del tutto ininfluente x la reale valutazione che ogni cittadino e ogni venditore farebbe se dovesse acquistare un immobile in quella zona. Sia il venditore che l’acquirente valuterebbero l’immobile x i valori di riferimento di c.so Mameli.

    2. Ma quale controreplica: a Brescia tutti sappiamo che l’ex Oviesse e ora Buonissimo si trova in c.so Mameli e non in c.tto S.Agata. Se poi c’è qualche entrata secondaria in c.tto S.Agata credo sia del tutto ininfluente x la reale valutazione che ogni cittadino e ogni venditore farebbe se dovesse acquistare un immobile in quella zona. Sia il venditore che l’acquirente valuterebbero l’immobile x i valori di riferimento di c.so Mameli.

    3. Attenzione a queste situazioni … a Lumezzane una parte politica sta facendo una colletta per rimborsare i danni di immagine ad un ex amministratore di società pubblica che subì ingiurie e diffamazioni

    4. ex candidato sindaco giovanadi? diciamo che è un candidato che ha preso lo 0,6 % e che ha la stessa percentuale di credibilità………

    5. Il fatto veramente preoccupante è la giurisdizionalizzazione della politica. Su ogni cosa si chiede la pronuncia dei giudici, come se non avessero già lavoro sufficiente da evadere.

    6. x Osservatore: hai ragione, infatti non si capisce perchè abbiano querelato Giovanardi semplicemente per aver espresso dei giudizi politici nei confronti di Brixia Sviluppo.

    7. il sig Giovanardi sostiene
      che, l’attività "Buonissimo" sia un centro commerciale, e questa è la prima frottola(media struttura di vendita), seconda frottola, sostiene che l’attività in questione non avesse e continui a non avere le autorizzazioni necessarie per svolgere questo tipo di attività. Mi auguro che i proprietari di questa attività agiscano affinchè si possa una volta per tutte far chiarezza.Una curiosità il Signore in questione parla davvero a nome del Partito Democratico!!oppure anche questa è una sua convinzione priva di fondamento.

    8. certo che il PD ci prova sempre con la magistratura… oh proprio politicamente non riescono a far nulla…e visto com’è finita con le carte di credito sarà una bufala anche questa!!!
      ma chi paga le spese ed il tempo che i nostri pm perdono correndo dietro a sta gente???????

    9. " malefatte " non é un giudizio politico ma un ingiuria, mi sembra che le malefatte le facciano i malfattori e se qualcuno sotto falso nome mi chiamasse malfattore sinceramente mi incazzerei.
      Poi se qualcuno ha querelato qualcun?altro ha contro querelato ma un giudice ha rinviato a giudizio, solo Giovanardi.

    10. avete mai provato a chiedere il prezzo di un negozietto nella zona? io si e vi garantisco che il prezzo che mediamente viene richiesto varia dai 2500 3500 al metro. Se poi parliamo d’affitto per 50 metri chiedono 1500 euro al mese nella zona, se ci spostiamo sotto i portici chiedono dai 4000 ai 6000 euro al mese per negozzi di 100 metri.Devo forse appellarmi alle tabelle del sig. Giovanardi per avere prezzi più equi? perchè i vostri giornalisti non fanno una indagine per verificare chi ha ragione ! voi potrebbe chiudere questa vicenda evitando di fare cassa di risonanza a chi cerca visibilità gratis.

    11. " malefatte " non é un giudizio politico ma un ingiuria, mi sembra che le malefatte le facciano i malfattori e se qualcuno sotto falso nome mi chiamasse malfattore sinceramente mi incazzerei.
      Poi se qualcuno ha querelato qualcun?altro ha contro querelato ma un giudice ha rinviato a giudizio, solo Giovanardi.

    12. io abito ion provincia in un piccolo paesino e la cifra citata non e’ che sia cosi abnorme neanche per il mercato locale

    13. m questo sig Giovanardi è lo stesso che fece il presidente dello i.a.c.p. in quota P.S.I. Oppure è quello che 6 anni fa era candidato alle Regionali in Forza Italia!
      Oppure è quel Sig. che nelle ultime elezioni comunali ha fatto il candidato Sindaco per una lista civica.
      E che ora dice di essere membro della Segreteria del P.D. Il Sig. De martin può dirci se veramente il Sig. Giovanardi parla per conto del P.D.!! Grazie

    LEAVE A REPLY