Castello, nel 2012 il via ai lavori del parcheggio. E si ripensa a un bed & breakfast

    10
    Bsnews whatsapp

    (da.bac.) – I lavori per il parcheggio sotto il castello partiranno a inizio 2012. La conferma è arrivata oggi dal sindaco Adriano Paroli e dall’assessore ai Lavori Pubblici di Brescia Mario Labolani durante la presentazione della mostra-didattica dedicata al Falcone d’Italia che aprirà l’11 giugno al Grande Miglio. Il parcheggio, è stato spiegato, resta una delle priorità dell’attuale amministrazione. Il progetto esecutivo è oramai pronto e sta per essere approvato dalla giunta comunale. A breve verrà dunque fatta la gara d’appalto e a inizio del prossimo anno partiranno i lavori. La struttura sarà tradizionale e non automatizzata, accoglierà 600 posti auto di cui 60 riservati ai residenti e sarà accompagnata da un ascensore che la collegherà direttamente con il Colle Cidneo. Un’opera che costerà a Brescia Mobilità 20 milioni di euro e che – se non vi saranno intoppi – dovrebbe essere pronta nel giro di un anno.

    Ma la rivitalizzazione del Castello passerà anche altre mosse studiate dall’amministrazione. Da anni sono in corso le iniziative delle estati in Castello. Dall’estate del 2012 sarà poi possibile sposarsi al Piccolo Miglio (800 euro il costo). “Stiamo anche pensando di allestire un piccolo chiosco al parco della Montagnola, magari  da far gestire agli alpini, in modo da offrire ai visitatori un punto di ristoro” ha spiegato Labolani. Progetti di sistemazione sono previsti anche per la galleria del soccorso (la strada che consente di salire al Cidneo dalla Montagnola). “Stiamo anche studiando l’idea di aprire un Bed & Breakfast alla palazzina Haynau” ha concluso Labolani.

    Intanto, come accennato, dall’11 giugno al 17 luglio il Grande Miglio ospiterà la mostra “Per la conoscenza e la valorizzazione del Castello e del colle Cidneo”. Si tratta di percorsi didattico-scientifici, ideati dalla professoressa Irene Giustina e allestiti dagli studenti del corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura, volti alla conoscenza e alla valorizzazione della fortezza bresciana. Una sintesi dei risultati era già stata presentata durante la Giornata Fai di Primavera del marzo scorso. Ora l’esposizione si amplia. La mostra sarà costituita da 25 pannelli plastificati 90 x100 che definiscono 5 sezioni tematiche: disegnare la difesa, studiare la difesa, torre coltrina, colle Cidneo e Medolo, conservazione e riuso. Alle tavole espositive si aggiungono poi 12 totem prismatici in cartone che, attraverso appositi forum, permettono di concentrare lo sguardo e la riflessione su immagini e dettagli della mostra. Da non perdere, infine, il tour virtuale del Castello, da proiettarsi nella sala video del Grande Miglio. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    10 COMMENTI

    1. Devono pagare una cambiale a qualche sostenitore imprenditore?

      Come è possibile fare un parcheggio (costo 10 milioni di euro) in centro storico in concorrenza con la metropolitana che sarà ancora di più fallimentare perchè toglie un milione di passeggeri all’anno alla metropolitana!!!
      Una cosa da pazzi.

    2. Ma qualcuno della giunta è andato a chiedere ai residenti in centro se il posteggio sotto il castello gli interessa? Certo che no, perchè tutti risponderebbero che non gliene può fregare di meno.

    3. Scusate: il mostro costerà, dicono, 20 milioni di euro.
      A opera finita, come succede SEMPRE, costerà anche 30.
      Questa cosa, vedrete, sarà una delle regioni per cui l’attuale giunta perderà le prossime elezioni.
      I bresciani sono bravi e buoni ma se gli butti via i soldi una volta, due, tre ma poi basta!

    4. In un momento di crisi come l’attuale non si possono gettare al vento 20 milioni di euro x fare un parcheggio sotto il Castello nella galleria Tito Speri, ovvero a 100 metri dal parcheggio di Fossa Bagni da sempre assolutamente sotto utilizzato.

    5. ehm….credo che abbiate equivocato su quel "NOI" non avremmo sperperato danaro pubblico…NOI…. non mi riferivo certo a giunte italiche di altri colori… andavo, diciamo cosi…piu’ indietro nel tempo.

    RISPONDI