Loggia, il ministro Gelmini in forte ascesa all’interno del Pdl

    37
    Bsnews whatsapp

    (a.t.) Finita – un po’ miseramente – l’avventura del Correntone, in Loggia sono nuovamente partite le grandi manovre per ridefinire i rapporti di forza all’interno del Pdl. E la grande protagonista di questo requilibrio è Mariastella Gelmini. Dopo la "separazione" con il gruppo Romele e quello di Nicoli, infatti, il ministro sembra essere diventato sempre di più l’interlucutore dell’asse Cl-An a Palazzo Loggia. A dimostrarlo sono i nuovi numeri della variegata geografia del gruppo. Di cui i gelmiani – forti della recente "acquisizione" del capogruppo Achille Farina – sono ormai i primi azionisti. Una posizione che potrebbe ulteriormente rafforzarsi con l’arrivo di alcuni incerti (in particolare alcuni ex nicoliani, che – sentiti telefonicamente – hanno nicchiato sulla loro attuale posizione). Certo è, nel frattempo, che tra i gelminiani il tasso di scontenti nei confronti del sindaco è particolarmente elevato: Angelo Piovanelli, infatti, viene dato da tempo tra i "dissidenti", mentre Farina non ha mancato di criticare anche pubblicamente Paroli su alcune scelte e Roberto Toffoli viene indicato dai rumors come uno dei nuovi insofferenti. Un quadro in movimento, che promette di portare sviluppi subito dopo l’estate. E che non potrà non essere tenuto in considerazione in occasione di un eventuale rimpasto di giunta.

     

    LA GEOGRAFIA ATTUALE DEL PDL IN LOGGIA

    CON CL/PAROLI (2): Luigi Gaggia; Mariangela Ferrari.
    EX AN (1): Andrea Ghezzi (ex An).
    CON GELMINI (4): Angelo Piovanelli; Achille Farina; Roberto Toffoli; Marco Toma.
    CON NICOLI (1): Mariachiara Fornasari.
    CON ROMELE (0): –
    CON PERONI (1): Marco Salvo.

    NON COLLOCABILI (4): Giorgio Agnellini; Giovanni Francesco Acri (Acri? Nicoli? Paroli?); Mauro Magoni (Nicoli? Gelmini?); Gaetano Visconti (Nicoli? Gelmini?).

    FUORIUSCITI (1): Luigi Recupero.

    IN GIUNTA: Adriano Paroli (Cl/Paroli); Paola Vilardi (Cl/Paroli); Mario Labolani (Paroli/An); Andrea Arcai (Paroli/An); Maurizio Margaroli (Gelmini); Fausto Di Mezza (Nicoli); Giorgio Maione (Peroni); Claudia Taurisano (indipendente).

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    37 COMMENTI

    1. EBBENE SI’, OSSERVATORE QUANDO SI COMPIE ONESTAMENTE IL PROPRIO LAVORO SENZA URLA E SGOMITATE ANCHE BRESCIANEWS SI DIMENTICA DI MENZIONARLO FRA GLI ASSESSORI

    2. E poi si domandano perché il Pdl perde i referendum. Sinceramente non capisco come faccia a reggersi ancora in piedi questo partito senza congressi e (ormai) senza leader.

    3. ma l’articolista si è fatto una canna prima di andare al computer? ma sa di quello che parla oppure è come si raccontava che il correntone era la maggioranza?

    4. Il figlio dell’assessore è l’unico politico del PDL che si da veramente da fare. Tutte le altre sono solo chiacchiere e distintivi.

    5. Propongo questa riclassificazione:
      Adriano Paroli (CL); Paola Vilardi (CL); Mario Labolani (AN); Andrea Arcai (AN); Maurizio Margaroli (Gelmini); Fausto Di Mezza (Nicoli); Giorgio Maione (Peroni); Claudia Taurisano (Paroli/indipendente).

    6. Recupero ha fatto bene ad uscire dal PDL, denunciando la confusione che regna nel partito.Adesso è libero di esprimere le proprie idee senza che queste siano preventivamente vagliate dai capi tribù.

    7. Che delusione questi consiglieri comunali del PDL,invece di interpretare e rappresentare i bisogni dei cittadini Bresciani rappresentano il potere della Gelmini, Nicoli, Peroni e CDL.

    8. dissidenti? macchè… è tutto un magna magna, una messinscena per finire sui giornali… è il loro giochino che prima o poi finirà

    9. certo è davvero divertente leggere tutte le "cavolate" che consiglieri e assessori "mascherati" scrivono su questo sito. La politica è certamente un’altra cosa!!!

    10. Se recupero fosse una persona seria si dimetterebbe da consigliere. Solo allora potrei prenderlo in considerazione. Ma siccome non lo è, continuerà a fare il furbetto coi suoi ricattucci politici.

    11. Beh, certo, se il ministro Gelmini è in forte ascesa, siamo proprio a posto!!!!
      Se una TORTA del genere (bocciata TRE volte di fila all’esame di procuratore nonostante gli aiutini) è la speranza del PDL non siamo alla frutta, siamo all’amaro!!!!!

    12. Divisioni, divisioni, solo divisioni. Basta!!!!! Si guardi ai problemi della città e non al potere dentro al PdL!!!!! Basta!!!!!

    13. Credo che di fronte alle dinamiche interne dei partiti non ci si debba stupire e nemmeno assumere un atteggiamento "virginale". Dentro ad ogni organizzazione si sviluppano dinamiche di potere, più o meno visibili all’esterno. E questo vale, dall’altra parte, per il Partito Democratico. Nella Democrazia Cristiana, le lotte erano nei corridoi fuori dalle sale in cui si svolgevano i congressi. Oggi i media amplificano ogni starnuto del politico di turno.

    14. In giunta e comune sono lontani anni luce dai veri problemi dei cittadini bresciani che delusione per chi li ha votati e non può essere di consolazione sapere che forse la sinistra avrebbe fatto peggio;,abbiamo vinto in tutte le circoscrizioni,in comune in provincia regione e politiche nazionali,non abbiamo scuse a giustificazione di questo immobilismo.
      Così facendo saremo destinati ad un lungo periodo d’opposizione.

    15. Purtroppo hai ragione e ribadisco: se il nostro futuro è la Torta Gelmini vuol dire che ci piace bottigliarci sui cosiddetti come il buon Tafazzi.

    RISPONDI