Loggia, il ministro Gelmini in forte ascesa all’interno del Pdl

37

(a.t.) Finita – un po’ miseramente – l’avventura del Correntone, in Loggia sono nuovamente partite le grandi manovre per ridefinire i rapporti di forza all’interno del Pdl. E la grande protagonista di questo requilibrio è Mariastella Gelmini. Dopo la “separazione” con il gruppo Romele e quello di Nicoli, infatti, il ministro sembra essere diventato sempre di più l’interlucutore dell’asse Cl-An a Palazzo Loggia. A dimostrarlo sono i nuovi numeri della variegata geografia del gruppo. Di cui i gelmiani – forti della recente “acquisizione” del capogruppo Achille Farina – sono ormai i primi azionisti. Una posizione che potrebbe ulteriormente rafforzarsi con l’arrivo di alcuni incerti (in particolare alcuni ex nicoliani, che – sentiti telefonicamente – hanno nicchiato sulla loro attuale posizione). Certo è, nel frattempo, che tra i gelminiani il tasso di scontenti nei confronti del sindaco è particolarmente elevato: Angelo Piovanelli, infatti, viene dato da tempo tra i “dissidenti”, mentre Farina non ha mancato di criticare anche pubblicamente Paroli su alcune scelte e Roberto Toffoli viene indicato dai rumors come uno dei nuovi insofferenti. Un quadro in movimento, che promette di portare sviluppi subito dopo l’estate. E che non potrà non essere tenuto in considerazione in occasione di un eventuale rimpasto di giunta.

LA GEOGRAFIA ATTUALE DEL PDL IN LOGGIA

CON CL/PAROLI (2): ; Mariangela Ferrari.
EX AN (1): (ex An).
CON GELMINI (4): Angelo Piovanelli; Achille Farina; Roberto Toffoli; .
CON NICOLI (1): Mariachiara Fornasari.
CON ROMELE (0): –
CON PERONI (1): Marco Salvo.

NON COLLOCABILI (4): Giorgio Agnellini; Giovanni Francesco Acri (Acri? Nicoli? Paroli?); (Nicoli? Gelmini?); (Nicoli? Gelmini?).

FUORIUSCITI (1): .

IN GIUNTA: Adriano Paroli (Cl/Paroli); Paola Vilardi (Cl/Paroli); Mario Labolani (Paroli/An); Andrea Arcai (Paroli/An); Maurizio Margaroli (Gelmini); Fausto Di Mezza (Nicoli); Giorgio Maione (Peroni); Claudia Taurisano (indipendente).

 

Comments

comments

37 Commenti

  1. EBBENE SI’, OSSERVATORE QUANDO SI COMPIE ONESTAMENTE IL PROPRIO LAVORO SENZA URLA E SGOMITATE ANCHE BRESCIANEWS SI DIMENTICA DI MENZIONARLO FRA GLI ASSESSORI

  2. E poi si domandano perché il Pdl perde i referendum. Sinceramente non capisco come faccia a reggersi ancora in piedi questo partito senza congressi e (ormai) senza leader.

  3. ma l’articolista si è fatto una canna prima di andare al computer? ma sa di quello che parla oppure è come si raccontava che il correntone era la maggioranza?

  4. Il figlio dell’assessore è l’unico politico del PDL che si da veramente da fare. Tutte le altre sono solo chiacchiere e distintivi.

  5. Propongo questa riclassificazione:
    Adriano Paroli (CL); Paola Vilardi (CL); Mario Labolani (AN); Andrea Arcai (AN); Maurizio Margaroli (Gelmini); Fausto Di Mezza (Nicoli); Giorgio Maione (Peroni); Claudia Taurisano (Paroli/indipendente).

  6. Recupero ha fatto bene ad uscire dal PDL, denunciando la confusione che regna nel partito.Adesso è libero di esprimere le proprie idee senza che queste siano preventivamente vagliate dai capi tribù.

  7. Che delusione questi consiglieri comunali del PDL,invece di interpretare e rappresentare i bisogni dei cittadini Bresciani rappresentano il potere della Gelmini, Nicoli, Peroni e CDL.

  8. dissidenti? macchè… è tutto un magna magna, una messinscena per finire sui giornali… è il loro giochino che prima o poi finirà

  9. certo è davvero divertente leggere tutte le "cavolate" che consiglieri e assessori "mascherati" scrivono su questo sito. La politica è certamente un’altra cosa!!!

  10. Se recupero fosse una persona seria si dimetterebbe da consigliere. Solo allora potrei prenderlo in considerazione. Ma siccome non lo è, continuerà a fare il furbetto coi suoi ricattucci politici.

  11. Beh, certo, se il ministro Gelmini è in forte ascesa, siamo proprio a posto!!!!
    Se una TORTA del genere (bocciata TRE volte di fila all’esame di procuratore nonostante gli aiutini) è la speranza del PDL non siamo alla frutta, siamo all’amaro!!!!!

  12. Divisioni, divisioni, solo divisioni. Basta!!!!! Si guardi ai problemi della città e non al potere dentro al PdL!!!!! Basta!!!!!

  13. Credo che di fronte alle dinamiche interne dei partiti non ci si debba stupire e nemmeno assumere un atteggiamento "virginale". Dentro ad ogni organizzazione si sviluppano dinamiche di potere, più o meno visibili all’esterno. E questo vale, dall’altra parte, per il Partito Democratico. Nella Democrazia Cristiana, le lotte erano nei corridoi fuori dalle sale in cui si svolgevano i congressi. Oggi i media amplificano ogni starnuto del politico di turno.

  14. In giunta e comune sono lontani anni luce dai veri problemi dei cittadini bresciani che delusione per chi li ha votati e non può essere di consolazione sapere che forse la sinistra avrebbe fatto peggio;,abbiamo vinto in tutte le circoscrizioni,in comune in provincia regione e politiche nazionali,non abbiamo scuse a giustificazione di questo immobilismo.
    Così facendo saremo destinati ad un lungo periodo d’opposizione.

  15. Purtroppo hai ragione e ribadisco: se il nostro futuro è la Torta Gelmini vuol dire che ci piace bottigliarci sui cosiddetti come il buon Tafazzi.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome