Feralpi Salò. Con la promozione serve mettere mano allo stadio

    0
    Bsnews whatsapp

    La conquista della Prima Divisione, la vecchia "C1", è ancora al centro di ogni discussione in ogni bar e in ogni angolo di Salò. Assieme alla riaccensione dell’entusisamo generale, assieme ai discorsi di mercato, è un altro l’argomento che tiene banco:lo stadio.

    Già, la Prima Divisione porta prestigio alla cittadina lacustre, ma anche l’urgenza di porre mano al Lino Turina, teatro della splendida partita giocata domenica. L’impianto non è pronto alla nuova categoria: la capienza va necessariamente portata a 4mila posti, dagli attuali 2.350. Non solo: il settore ospiti dovrà avere un ingresso separato da quello dei tifosi casalinghi, la sala per la conferenza stampa deve passare da 20 a50 posti. Altro argomento l’illuminazione: gli attuali 350 lux (l’unità di misura dell’illuminazione) vanno portati a 500, il che significa che vanno montati nuovi fari, sperando di non dover sostituire anche i pali che li sorreggono.

    Gli interrogativi da risolvere sono molti, uno però è già stato fugato: la Feralpi Salò non chiederà in prestito il Rigamonti per le proprie partite casalinghe.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Praticamente lo stadio andrebbe raddoppiato……????
      Vista la spesa, mi sembra giusto che se la accolli il club e non la cittadinanza (che non è così entusiasta come sembrerebbe dall’articolo).
      PS: "cittadina lagunare"?????????? Ehi, siamo sul lago, mica a Venezia!!!!

    2. IL PRESIDENTE DELLA FERALPI SALO’ SI STA GODENDO OVUNQUE, GIUSTAMENTE, LA PROMOZIONE, RESA POSSIBILE ANCHE GRAZIE AI SUOI MEZZI. PERCHE’ NON CONTINUA CON I SUOI MEZZI ANCHE PER LE NECESSITA’ DELLO STADIO? LA SQUADRA SI CHIAMA PRIMA FERALPI E… POI SOLO SALO’…….

    RISPONDI