Al via la pedonalizzazione. Paroli: “Così ridiamo vita al centro storico”

    0
    Parte la pedonalizzazione del centro storico di Brescia. Sarà un’operazione che verrà attuata a tappe, concordando modalità e tempi con tutti i soggetti interessati e che verdrà la sua conclusione solo nel 2013 quando partirà la metropolitana e (forse) vi sarà il parcheggio sotto il castello. Intanto quest’estate verranno chiuse alle auto piazza Duomo e corso Mameli mentre tra qualche mese toccherà a piazza Loggia. La delibera è stata approvata oggi dalla giunta comunale. Ora – ha spiegato il vicesindaco e assessore alla mobilità Fabio Rolfi – ci saranno i vari passaggi in commissione e circoscrizione. Il provvedimento verrà anche discusso con le associazioni di categoria, i residenti e i professionisti che lavorano in centro. L’intenzione è infatti quella di dar vita a un percorso condiviso così che la scelta di chiudere alcuni spazi alle auto non appaia come un’imposizione dall’alto. 
     
    Piazza Duomo
    La pedonalizzazione prevede due fasi: nella prima la porzione nord della piazza, quella dove già oggi ci sono le auto, continuerà ad essere adibita a parcheggio, ma solo per i residenti e le forze dell’ordine. All’ingresso del Broletto verrà poi posto un pilomat. La seconda fase verrà attuata a inizio 2012, in concomitanza con l’apertura del nuovo piano del parcheggio di piazza Vittoria che sarà riservato ai residenti. A quel punto anche la porzione nord di piazza Duomo verrà pedonalizzata e tutta la piazza sarà off limits alle auto. I residenti di via Paganora potranno accedere passando da via via X Giornate e via Trieste.
     
    Corso Mameli
    Nella via passano circa 250 veicoli al giorno, ma da quest’estate non sarà più possibile. Il tratto tra via Pace (all’altezza della Pallata) e via Paitone verrà infatti chiuso con due pilomat
     
    Piazza Loggia
    Più complessa la pedonalizzazione di piazza Loggia. Innanzitutto va detto che fino all’entrata in funzione del metrobus le linee degli autobus continueranno ad attraversarla. Per quel che riguarda le auto l’idea è quella di rendere percorribile corsetto sant’Agata facendole quindi passare alle spalle del palazzo Comunale. Per i mezzi di carico e scarico verrano adibiti alcuni spazi in largo Formentone. 
     
    Il commento
    "Con queste misure intendiamo avviare una sperimentazione per rendere il centro di Brecsia più vivibile e accogliente", ha spiegato Rolfi. "Vogliamo dar vita a un percorso condiviso e leggo come un dato positivo il fatto che alcuni commercianti ci abbiano già chiesto di allargare il loro plateatico". Per loro e per tutti quelli che hanno un’attività nelle vie coinvolte e faranno simili richieste sono in arrivo nuovi incentivi: oltre all’attuale sconto del 20% ve ne sarà uno ulteriore del 50%. "Questa è un’operazione di vivibilità" ha aggiunto l’assessore al centro storico Mario Labolani. Il centro è tornato ad essere un luogo d’incontro, ricco di iniziative e attività". "Quano siamo arrivati" ha commentato il sindaco Adriano Paroli "lo abbiamo trovato chiuso. Prima c’era solo il degrado, via Palestro era un ridotta a un suk. Siamo dovuti ripartire non da zero, ma da sottozero. La nostra azione è stata quella di rendere il centro permeabile. Dopo di che vogliamo rendere pedonale il cuore storico, le piazze e le vie principali. L’apertura della metro sarà il momento decisivo. Intanto però dobbiamo arrivare preparati. Per questo è un’idiozia la critica la parcheggio sotto il castello: costerà 23 milioni di euro, avrà 600 posti e le previsioni più pessimistiche dicono che si ripagherà in 30 anni. E permetterà di dedicare buona parte di Vittoria ai residenti. E’ un investimento, non un costo". 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. E’ vero: per Piazza Loggia è più complesso. La Bmw coupè ed il suv Mercedes (si, quelle nere perennemente parcheggiate nel posto di carico e scarico "15 minuti") dove andranno? Forse, nel 2013 con il parcheggio sotto il castello…

    2. Che credibilità può mai avere una Giunta che ha sempre negato la validità delle tesi riguardo alla pedonalizzazione del centro storico perchè avrebbero rappresentato la sua morte. Ovviamente ognuno è libero di cambiare idea sulle cose da fare, ma è proprio sulla pedonalizzazione del centro storico che si è da sempre manifestata la più dura opposizione alla Giunta precedente ed al buon senso amministrativo. Per questi motivi mi pare legittimo sollevare l’obiezione che credo in molti si stiano facendo. Abbiamo forse a che fare con degli improvvisatori o amministratori che non sanno bene quello che vogliono?

    3. guarda i sinistri come si mangiano dal nervoso!! Rolfi in 6 mesi ha fatto quello che loro non hanno fatto in 20 anni di governo della città GRANDE FABIO!!! al prossimo giro voto lega e scrivo Rolfi!

    4. traduzione: per non passare alla storia come la giunta del centro storico-garage, adesso chiudiamo due o tre vie, mettiamo giu un po’ di fioriere e diamo qualche "contentino" ai commercianti… piuttosto che niente, meglio piuttosto.

    5. Un’altra promessa mantenuta? Ma se la Lega è sempre stata contraria. Un’altra trovata della serie: il fare ed il disfare. Così si governa da copioni!

    6. dopo le sberle nazionali (elezioni e referendum) e lo sberlone locale (circolare migranti) a rolfi non rimane che altro che questa pseudo-pedonalizzazione: LA GIUNTA DELL’ACCONTENTARSI.

    7. Allora tutta la precedente ed ostinata opposizione alla pedonalizzazione del centro storico era solo una provocazione e non una scelta precisa per poter amministrare per il bene della città.

    8. avendo fallito tutti gli obiettivi del proprio programma elettorale…., provano a realizzare gli obiettivi del programma elettorale della sinistra

    9. Ma come: Corsini aveva chiuso il centro alle auto e io vi ho votato perchè dicevate che volevate riaprirlo… Che storia è questa?

    10. BENE LA PEDONALIZZAZONE, MA PER RIDARE VIVIBILITA’ AL CENTRO STORICO BISOGNA ATTUARE UNA POLITICA DIVERSA, NON SONO I FIORI E GLI SPETTACOLI CHE LO FANNO RIVIVERE, BISOGNA FARE RITORNARE LE FAMIGLIE, E’ SOLO COSì CHE IL CENTRO PUO’ RIPRENDERE VITA!

    11. SI’ andate a vedere il programma elettorale del centro destra per vedere che la pedonalizzazione che oggi si vuole copiare era solo sul programma del centro sinistra.

    12. le chiacchiere stanno a zero. Rolfi e Paroli stanno pedonalizzando il centro storico. Bene così. LEGAMBIENTE e gli ECODEM cosa dicono?

    13. Rolfi che in 6 mesi pedonalizza il centro storico dopo che la sinistra non l’ha fatto in 20 anni.

      chi dovrei votare alle prossime amministrative?

    14. dopo 3 anni hanno fatto marcia indietro e rispettato il programma elettorale, ma non il loro bensì quello della sinistra!!! alla manifestazione del 9 luglio rolfi manifesterà contro se stesso non solo per la faccenda immigrati, ma anche per quella della pedonalizzazione!

    15. Scusatami, ma evidentemente c’è un pò di confusione. una cosa sono le ZTL, che vietano gli accessi ai mezzi meccanici non autorizzati, altra cosa sono le ZONE PEDONALIZZATE, dove posso accedere solo i pedoni e, se autorizzate, le biciclette.
      il programma del centrodestra, per chi ha avuta la bontà di leggerlo e quindi di non parlare a sproposito, prevedeva esattamente questo. ZTL a fasce orarie e pedonalizzaazione di alcune piazze e vie del cuore del centro storico.
      la Giunta Paroli sta facendo solo quello che ha promesso e lo fa per far sì che il centro storico sia sempre più vivibile per chi ci abita, per chi lavora e per vuole visitarlo una qualsiasi ragione.
      Ai "sinistri" questo no va giù perchè lo avevano introdotto le ZTL 24/24 (solo 13 città in Italia hanno un simile regime vessatorio) e perché sono riusciti a pedonalizzare solo una parte di C.so Palestro.
      Certo fa male quando uno riesce dove non arrivano gli altri: allora l’invidia fa montare la rabbia e quest’ultima fa dire tante stupidaggini da far perdere la ragione.

    16. Ai destri vorrei ricordare che questa proposta è la medesima, identica, vogliamo dire eguale a quella che il centro sinistra ci voleva propinare. Solo che loro l’avevano già messa in atto 3 anni or sono. Quello che i destri no riescono però a spiegare è perchè tanta ostinazione verso le ZTL. Sarebbe da pensare che arrivino sempre a scoppio ritardato e quando lo fanno copiano. La pedonalizzazione del centro storico, così come le ZTL, nascono non per compiacere i soliti commercianti avidi che dopo averci propinato per anni la bufala che senza le auto il centro storico sarebbe morto e così pure i loro affari, ma per tutelare l’aria della città. Oggi che questa pessima sortita assecondata da questa Giunta codina si è dimostrata del tutto inutile perchè il problema non erano le auto, bensì i nostri portafogli vuoti e gli affitti esosi dei negozi, a far soffrire il commercio, oggi e non ieri, cambiano del tutto indirizzo di pensiero e si accorgono che un centro storico chiuso alle auto è più vivibile. Al lettore che ci vuole far credere che il programma della destra per la città prevedeva questo, o ci vuol pigliare per poveri beoti o si è accorto per la prima volta in vita sua che i destri possono anche pensare, una volta tanto, al bene della città. Detto questo, rimane il problema che il centro storico di Brescia, rimane il primo da anni a raggiungere il triste primato nazionale o padano che sia di presenza di PM10 nell’aria. Quindi, la ragione vorrebbe che non due vie in croce andrebbero pedonalizzate, ma tutto il centro storico della città, nell’interesse principale della nostra salute, perchè è solo di questo che dovremmo parlare, cioè di un bene primario. Le altre sono tutte fesserie e, state pure certi che se si dovesse ragionare in tal modo per il bene comune, i primi a soffrire di questa proposta sarebbero ancora una volta quelli che ora si vantano di voler fare chissà che, perchè a costoro della salute di tutti gliene può fregar di meno, individualisti come sono.

    17. Sarebbe giusto ricordare a costoro che vantano le cose degli altri che, ad esempio, piazza Duomo era chiusa alle auto, e questa Giunta, al suo insediamento l’ha riaperta, ed ora la richiude, parzialmente. Si vede che la lega vuole bene al patrimonio artistico e monumentale. Ci volevano le proteste delle associazioni ambientaliste a ricordare ai leghi che il territorio va tutelato a prescindere degli interessi dei loro "padroncini", alias i commercianti del centro storico. Ancora adesso il "protettore" del centro storico dichiara sulla stampa locale che per la chiusura di Corso Zanardelli si dovrà procedere dopo aver sentito il parere dei commercianti. Non dei cittadini bresciani?

    18. il centrodestra in pochi mesi di assessorato di Rolfi ha pedonalizzato il centro!! Ci credo che la sinistra è nervosa! Che smacco per loro…….. GRANDE ROLFI, GRANDE PAROLI!!

    19. suonato l’allarme del "cambio di vento", dopo verifiche, baruffe e controverifiche, è in atto il tentativo di far dimenticare questi tre anni di immobilismo verso il bene della città e di grande attivismo verso scelte stupidamente ed inutilmente ideologiche. con un rapido carpiato all’indietro si decide si rimangiarsi in un sol colpo le tutte le scelte del passato in materia (centro città parcheggio gigantesco) tirando fuori dal cilindro La MITICA PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO ma quella che costa meno fatica perchè basta copiarla dal programma degli altri. se ne uscirà qualcosa di buono per la città, ben venga. credo ci vorrà ben altro per recuperare il tempo, la credibilità (ed il consenso) perduti. buon lavoro e nel 2013 chi avrà più filo, tesserà.

    20. Il programma di Paroli è disponibile online. Non vi compare la parola "pedonalizzazione". Al contrario, alla voce centro storico, si legge "Realizzeremo nuove aree di sosta e parcheggi", e in neretto "Le telecamere d’accesso al centro storico dovranno essere spente in più fasce orarie della
      giornata, permettendo ai cittadini di effettuare agevolmente i loro acquisti." Con l’auto, quindi. Be’ dai, comunque un’altra promessa almeno l’hanno mantenuta: "Chiederemo al Governo di incrementare l’organico dei poliziotti e i carabinieri di
      quartiere che la sinistra ha cercato di far scomparire". Attenti al naso!!!

    21. Diciamocela tutta, il punto è che proprio sul centro storico hanno in ballo alcuni esposti fatti da comitati ed associazioni ambientaliste per la drammatica situazione ambientale in cui hanno cacciato il centro storico dopo la riapertura delle ZTL. Pertanto, al fine di fronteggiare questa rogna non indifferente che li avrebbe esposti a seri problemi di responsabilità per la stretta correlazione fra inquinamento dell’aria e salute si sono dovuti ricredere su questo fronte, arrivando penosamente a copiare un riduttivo piano di pedonalizzazione del centro storico che a ben vedere non può che far sorridere rispetto a quanto hanno fino ad ora fatto città a noi confinanti.

    22. Ma, non so lei: ma io a parcheggiare in piazza Duomo "con Corsini" non ci potevo mica andare. Ed il centro, con le ZTL, era chiuso alle auto dei non residenti. Il volume di passeggeri dei bus era aumentato.

      Adesso si parcheggia da tre anni in Piazza Duomo, alcuni "fortunati" parcheggiano in piazza Loggia (sempre gli stessi due: sempre nei posti riservati alla sosta veloce di 15 minuti); piazza Rovetta è un parcheggio tristissimo. Al centro si accede con la propria auto perchè le ZTL sono state ammorbidite restringendone l’orario. I passeggeri dei bus diminuiscono.

      Ma di cosa stiamo parlando?

    23. le politiche attuate in 20 anni di centrosinistra sono sempre andate nella stessa direzione di tutte le città europee: meno autovetture nel centro fatte salve quelle dei residenti. in tre anni siamo tornati al medioevo. ora che pedonalizzazione ci volete propinare?

    LEAVE A REPLY