In Loggia l’Addizionale Irpef. Paroli: “Sacrificio per la metro, non vogliamo svendere A2A”. Capra (Pd): “Bugie e sprechi”. Recupero contro. Castelletti in dubbio

    29
    Bsnews whatsapp

     (a.t.) Si è aperto tra le polemiche – alle 15, in Loggia – il consiglio comunale. E a far discutere, secondo previsioni, è stata soprattutto la questione dell’introduzione dell’Addizionale Irpef dello 0,20 per cento (e un altro 0,20 nel 2012) per sostenere il nuovo piano economico-finanziario della metropolitana. Un punto sui anche nella maggioranza non mancano i malpancisti. Tra questi Luigi Recupero (Gruppo Misto, ex Pdl) che ha già annunciato voto contrario e che potrebbe oggi rompere definitivamente i rapporti con Pdl, Lega e Udc. Mentre non è ancora in dubbio la posizione della civica Laura Castelletti.

    ORE 16 – Il dibattito sulla delibera si è aperto alle 16. E subito il Pd è passato all’attacco, ponendo – con Fabio Capra e Federico Manzoni – due pregiudiziali tecniche e chiedendo quindi di rinviare la votazione. In particolare, secondo l’opposizione, l’atto avrebbe dovuto essere rinviato perché prima sarebbe stato necessario modificare il contratto di programma tra Comune e Brescia Mobilità. Un’obiezione a cui la maggioranza ha risposto (picche) direttamente con il voto. Subito dopo, quindi, è intervenuto l’assessore al Bilancio Fausto Di Mezza che ha ribadito le ragioni della scelta (in allegato l’articolo di archivio che le riepiloga) e spiegato che "il piano finanziario della precedente giunta era insostenibile".

    ORE 16.30 – Argomentazioni ripetute anche dal sindaco Adriano Paroli per cui "Di Mezza sta salvando la metro", ma anche i conti della città perché "non avremmo potuto far fronte altrimenti alle spese previste" e "ogni anno di ritardo (rispetto al 2012, ndr) ci costerebbe dai 13 ai 15 milioni di euro". Il primo cittadino, quindi, ha sottolineato che "la metropolitana leggera è un’opera importante per la città, ma parziale nel quadro della mobilità cittadina". Ancora, Paroli ha risposto all’obiezione di chi chiede di pagare il conto della metro rinunciando ad altre opere, sottolineando che "quelle opere si pagano da sole, come il parcheggio sotto il Castello che in 25 anni – con un incasso pari al 70 per cento di piazza Vittoria – sarà completamente finanziato. E comunque in questo modo sarebbe difficile raggiungere i 400 milioni di euro che ci servono". "Abbiamo solo un’alternativa all’Addizionale", ha detto Paroli, "che è quella di alzare il prezzo del biglietto a 1 euro e 90, sempre che così si confermi la stima dei 50 milioni di passeggeri all’anno. Ma non credo sia giusto che a pagare la metro siano soprattutto gli utenti, perché i benefici poi ricadranno sull’intera città. Né, come invece sostiene il consigliere Luigi Recupero", ha precisato Paroli, "credo si possa ovviare al problema vendendo la nostra partecipazione in A2A". Infine il primo cittadino ha lanciato una provocazione all’ex sindaco Corsini, sottolineando che "non so come pensassero di trovare i 200 milioni di euro che mancavano all’appello, se non vendendo una quota dell’allora Asm". E rispedito al mittente la polemica sull’aumento delle imposte perché "la nostra è un’Addizionale Metro, ma la stessa cosa viene fatta anche nel Comune amministrato dal segretario provinciale del Pd (Pietro Bisinella, sindaco di Leno, ndr), dove pure la metro non esiste".

    ORE 17 – Durissima la replica del Pd, affidata al presidente della commissione Bilancio Fabio Capra. "Vi hanno raccontato una grossa balla", ha detto Capra, "alcuni passaggi del discorso del sindaco sono stati davvero esilaranti. Quando in passato si è trattato di prendere decisioni forti, quelle in cui si risponde eventualmente anche con il proprio patrimonio, Paroli era regolarmente a fare la pipì o a prendere un caffé. Ma non ha fatto così quando a Roma si è trattato di votare il patto di stabilità, che è la causa di tutti i nostri problemi di bilancio". Capra ha quindi lamentato il fatto che "la città è stata informata dell’introduzione dell’Addizionale soltanto pochi giorni prima del voto". E continuato dicendo: "Fossi nei panni della collega Mariachiara Fornasari (delegata sulle barriere architettoniche, ndr) prima di andare in vacanza mi leggerei bene i dati sulle banchine e sulle altezze dei treni, perché l’accordo sulle riserve chiude qualsiasi questione di penalità e sulla questione va fatta al più presto chiarezza". Infine, Capra ha contrattaccato Di mezza accusandolo di aver fatto quadrare i conti "mettendo a bilancio anche 37 milioni di credito d’imposta che il Comune attende dal 2003 pur sapendo che questi soldi non arriveranno mai tutti insieme, ma soltanto 500mila euro all’anno. Con il risultato che tra qualche mese questo consiglio, con la revisione del Bilancio, dovrà risolvere anche questo problema".

    Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000000973 StartFragment:0000000454 EndFragment:0000000957

    ORE 19.00. E’ arrivato prima della pausa serale, invece, l’intervento di Laura Castelletti, che non ha comunque chiarito come voterà sul provvedimento sottolineando che "la mia decisione sul voto arriverà soltanto dopo la risposta della giunta". "Rilevo che non ci sono stati approcci corretti", ha comunque precisato, "sarebbe stato saggio utilizzare un percorso condiviso tra maggioranza e opposizione, che pure in parte ho trovato preordinata e strumentale. 

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    29 COMMENTI

    1. cosa centra la metro…..gli hanno lasciato 150 milioni di euro hanno speso 60 milioni di euro in cavolate…vedi brixia sviluppo e tanto altro…ma per favore…almeno leggete i giornali prima di sparare a zero

    2. signor sindaco, scenda dal fico: a leno non c’è il metrò ma c’è un comune da amministrare con servizi da mantenere in virtù dei tagli di questo governo che lei appoggia da parlamentare. si mettono le mani nelle tasche dei cittadini per non chiudere baracca. colpa del PD pure questo?

    3. In un momento come questo di difficoltà di tante famiglie Bresciane ad arrivare alla fine del mese questa tassa risulta offensiva e dimostra l’insensibilità di una classe politica che ora mai li rappresenta in modo indegno.

    4. I cittadini Bresciani hanno il diritto di conoscere la situazione economica complessiva della metropolitana e cosa li aspetta ulteriormente nell’immediato futuro. Il veleno ai cittadini viene dato a piccole dosi l’addizionale IRPEF oggi, prossimamente il nuovo mutuo che Brescia Mobilità stipulerà, sicuramente non sarà in grado di onorare e dovrà accollarselo nuovamente il Comune di Brescia che scaricherà nuovamente sui cittadini con altre tasse.

    5. La Castelletti dopo aver guidato l’opposizione dal sellino della bicicletta, adesso guida l’inciucio dallo scranno della loggia. Mi auguro per lei che a forza di zigzagare non resti appiedata!

    6. Un bambino che nasce a Brescia ha sul suo capo un debito di 2.200 euro derivante dal debito per la metropolitana.
      Di questo dovrà dire grazie al centro sinistra che decise la realizzazione della metropolitana e a tutti quei Consiglieri che oggi voteranno a favore dell’addizionale IRPEF.
      VERGOGNATEVI!

    7. e allora? io sono nato nel ’70, oltre ai debiti, ho visto crisi petrolifere, austerity, stragi, anni di piombo, milano da bere, tangentopoli, bungabunga… vedrai caro il mio bimbo, per una metropolitana (e per di più leggera) non è mai morto nessuno… adesso dormi.

    RISPONDI