Pdl, la base chiede più democrazia interna. Gelmini promette: “Primarie a tutti i livelli”

    0
    Bsnews whatsapp

    Maggiore democrazia interna e più meritocrazia nella selezione della classe dirigente. E’ quanto ha chiesto la base del Pdl ieri, durante l’assemblea degli amministratori locali che si è tenuta – a porte chiuse – al President Hotel di Castelmella. Un evento non riservato solo ai big del partito ma durante il quale anche una trentina di sindaci, consiglieri, assessori sono potuti salire sul palco per dire la loro. Un confronto aperto, al termine del quale è stata Maria Stella Gelmini a tirare le fila.

     

    “Ben vengano le primarie – ha detto il ministro, secondo quanto riportato da Bresciaoggi – per selezionare la classe dirigente a tutti i livelli: sindaci, consiglieri comunali, provinciali e regionali. Nella classe dirigente – dice la Gelmini – devono esserci onestà, competenza, sobrietà come ha chiesto Vigilio Bettinsoli: per essere legittimati a tagliare i conti pubblici bisogna autoridursi anzitutto le proprie prerogative, purchè non si delegittimi la politica nel suo insieme. Di certo nel Pdl si apre la stagione di democrazia interna”.

     

    Di nuova stagione per il partito – con congressi e regole per il tesseramento – ha parlato anche la coordinatrice Viviana Beccalossi: “Oggi da Brescia la classe dirigente e gli amministratori locali ribadiscono subito l’esigenza di seguire le indicazioni che Alfano ha fornito nel suo discorso davanti al Consiglio nazionale” ha spiegato. 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. La democrazia all’interno del PDL nasce con un’altra imposizione di Berlusconi "Angelino Alfano".
      Se qualcuno avesse dissentito cosa gli sarebbe successo" sicuramente l’allontanamento dal PDL"

    2. adesso finalmente berlusconi ha il suo segretario personale. c’è qualcuno che pensa che Alfano possa mai dire qualcosa che suoni anche solo lontanamente come critica a Silvio?

    RISPONDI