Frutta e verdura, in Lombardia il mercato tiene

    0

    Frutta e verdura, regine della dieta estiva dei lombardi, tra chi vuole essere in forma per le vacanze e chi in questi giorni di caldo sceglie una alimentazione più fresca e leggera. Ma anche sempre più cibi di qualità che con 106 prodotti tra registrazioni, pubblicazioni o domande presentate, (il 30,6% dei relativi prodotti riconosciuti e tutelati dall’Unione Europea) vedono l’Italia indiscussa dominatrice europea per Dop, IGP e STG. Ci seguono distanziate la Spagna (17,1%) e la Francia (14,2%). Si va dal radicchio alle castagne, alla cipolla, al ficodindia ma primeggiamo anche con carciofi, arance, limoni e pistacchi e con le lombarde, pera mantovana, melone della bassa Lombardia e mele della Valtellina.

    Le imprese del settore frutta e verdura in Lombardia. Sono quasi 31 mila le imprese lombarde attive nel settore, tra coltivazione, lavorazione e conservazione e commercio, il 5,1% del corrispondente totale italiano. Se si considera l’intero comparto le prime posizioni del podio sono occupate da Pavia e Mantova con rispettivamente il 22,1% e il 18,7% delle imprese regionali. E se Pavia è la regina della coltivazione, a partire dai vigneti anche per la trasformazione in vino, con il 24,8% delle imprese di settore, Milano è prima per incidenza di aziende del commercio al dettaglio (24,1%) e soprattutto all’ingrosso (46,2%) e ambulanti (41,4%). Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al quarto trimestre 2010.

    L’interscambio della Lombardia. Nel 2010 la Lombardia ha sfiorato i 400 milioni di euro di interscambio di frutta, verdura e ortaggi, pari quasi a un decimo del corrispondente totale italiano (9,5%). Per oltre 270 milioni di euro si tratta di importazioni, in particolar modo provenienti dall’Unione europea (87,4% dell’import lombardo). Tra le province prima è Milano con il 25% dell’interscambio regionale, seguita da Lodi (19,7% e prima per export con il 33,5% lombardo) e Brescia (11,8%). Ma quali sono i prodotti più scambiati dall’Italia? Frutta a guscio, banane, ortaggi freschi o refrigerati i prodotti più importati (rispettivamente per 549, 375 e 265 milioni di euro al 2010), mele, pere, uva e frutta come fragole e lamponi i più esportati (per rispettivamente 730, 562 e 414 milioni di euro). Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Istat a dicembre 2010.

    “La competitività si gioca anche sulla qualità – ha dichiarato Carlo Franciosi, membro di Giunta, della Camera di Commercio di Milano e presidente Coldiretti Milano e Lodi –. Il nostro è un territorio capace di esprimere l’eccellenza nei cibi e nella gastronomia grazie ad una materia prima che è diventata un fattore di attrattività e che trova un punto di riferimento nella dieta mediterranea, conosciuta a livello internazionale, in cui frutta e verdura hanno un ruolo strategico nella bilancia degli apporti nutritivi”.   

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome