Oggi la manifestazione della Lega: noi in piazza per difendere la città

    28

    “Scendiamo in piazza per difendere la città”. A dirlo è il segretario cittadino della Lega Matteo Rinaldi, che in una nota risponde anche alle accuse della Cgil.

    ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

     

    “Ora basta. Brescia esige rispetto”; con questo slogan la segreteria cittadina della Lega Nord – Lega Lombarda si è fatta promotrice di una manifestazione nazionale che avrà luogo in piazza Loggia a Brescia sabato 9 luglio a partire dalle ore 17.

    La sezione bresciana della Cgil ha diffuso una nota in cui critica la decisione di organizzare questa mobilitazione, dimostrando di fatto di non averne colto i reali obiettivi.

    Su questo argomento è intervenuto il segretario cittadino della Lega Nord di Brescia, Matteo Rinaldi.

    “L’attacco della Cgil è pura propaganda politica ed è pieno di falsità, come loro solito: la nostra manifestazione non è contro il ministro Maroni o contro i governi degli enti locali. Scenderemo in piazza solamente contro chi, barricandosi dietro ai concetti di integrazione e di riconoscimento dei diritti, vuole imporre a Brescia i propri usi, costumi e tradizioni, dimostrando una totale mancanza di rispetto e di gratitudine nei confronti di una città che si è sempre dimostrata solidale e disponibile a offrire strumenti veri di integrazione e di convivenza. Fortunatamente stiamo parlando di una minoranza esigua, ma molto rumorosa, che viene inoltre strumentalizzata dalle forze politiche e dalle associazioni di estrema sinistra”.

    “La nostra manifestazione – prosegue Rinaldi – sarà anche contro le assurde proposte che la Cgil ha formulato nelle scorse settimane. Forse per aizzare una nuova classe di proletariato, quella degli immigrati clandestini, il sindacato che una volta difendeva i diritti degli operai ora si è riscoperto razzista e discriminatorio nei confronti degli italiani, con la sconcertante proposta di regalare 400€ al mese a ogni clandestino che si è visto respingere, giustamente, la richiesta di regolarizzazione come colf o badante. In largo Formentone non ho visto né colf né badanti, solo un gruppo di persone che non hanno fatto altro che insultare le istituzioni e i rappresentanti liberamente eletti dai cittadini italiani”.

    “Per tutti questi motivi – conclude il segretario cittadino del Carroccio – sono convinto che, con buona pace della Cgil, la manifestazione della Lega Nord sarà un successo e vedrà la partecipazione di tutti i cittadini bresciani e di tutti gli stranieri regolari che non sopportano più gli affronti perpetuati da chi arriva pretendendo di imporre le proprie regole”.

    Comments

    comments

    28 COMMENTS

    1. un comunicato penoso e squallido. A Brescia la Lega difende le istituzioni, a Pontida chiede la secessione. Hanno fatto la secessione con il proprio cervello

    2. difficile capire per cosa, o contro cosa, manifestino… vanno in piazza per rassicurare se stessi, per convincersi di avere ancora un ruolo e un futuro. I tanti militanti leghisti in buona fede si faranno, finalmente, delle domande sull’adeguatezza della loro dirigenza

    3. parlerà giorgetti? conivolto nello scandalo delle spartizioni dei posti in finmeccanica. o sarà inpegnato dall’avvocato?. LEGA POLTRONA

    4. un fiasco?? ah ah ha.. va piazares!!! OGGI TUTTI IN PIAZZA!! Povero cinqueplami… alle sue iniziative partecipano si e no 25 persone! ci credo che gli rode il successo della lega

    5. Sono sconcertato da quanto è stato detto Dall Dott. E da altri commenti non ne parliamo , i cittadini Bresciani sono stufi delle pagliacciate sulla grù e sulla Loggia simbolo della cittá .
      Si va in piazza a difendere i nostri luoghi le nostre leggi ,ma cosa più importante a difendere tutti quegli extracomunitari che rispettano le regole e poi giustamente chiedono diritti non il contrario come stà succedendo nella nostra città .
      Dott Cinquepalmi mi spieghi se questo è razzismo e non capire il problema dell’integrazione e non del buonismo .
      Mi sembra che anche il Vescovo Monari nella sua lettera abbia detto che non basta accogliere ma bisogna anche integrare , la Lega dice questo e non altre panzane inventate da politici che cercano di screditarla grazie.

    6. Veramente le cittadine ed i cittadini bresciani sono ampiamente stufi dei comportamenti degli amministratori del comune di Brescia che un giorno sì e l’altro pure assumono provvedimenti che penalizzano la qualità della vita in questa città. Per questo la manifestazione di oggi è l’esaltazione più totale dell’ipocrisia…poi tutti a mangiare l’orso.

    7. La cgil devo dire che fa veramente schifo:solo di immigrati si occupa…gli italiani per loro possono ancha attaccarsi al tram

    8. che siano associazioni, partiti, sindacati o il vescovo, meno male che dei problemi dell’immigrazione se ne occupa qualcuno visto che chi ci governa riesce solo a manifestare….. la propria incapacità.

    9. Eravamo il triplo in piazza della Loggia a protestare con le biciclette contro Rolfi,dei leghisti oggi in piazza; per cui si può dire che se quella della LEGA NORD era una manifestazione nazionale, la protesta delle biciclette era planetaria! Da Brescia è iniziata la sconfitta politico-culturale della Lega.

    10. la cgl sono loro sempre a manifestare facendo perdere i soldi agli operai , di cosa hanno paura ”?”””””””””’?????????????

    11. Personalmente, dopo aver perso buon parte del mio salario reale per colpa dell’incapacità (a pensar bene) dei sindacalisti, ho revocato la delega sindacale che generava la trattenuta automatica in busta paga. Quei soldi sono meglio spesi in una cena con la mia ragazza.

    12. il povero Cinquepalmi ha guardato i notiziari della sera sulle reti TV locali, e dalla panoramica della piazza ha potuto vedere che una manifestazione nazionale della Lega Nord ha portato in piazza qualche decina di persone. Una festa in famiglia. Evidentemente anche gli elettori leghisti si sono resi conto che la politica della Lega è un affare di famiglia, e non ci sono venuti. Perfino le 25 persone che mi sono state attribuite da un avventato commentatore sarebbero state di più. Il re è nudo, e ormai lo hanno capito tutti; intanto, i quattro gatti di Tempo Moderno continuano a scrivere e descrivere le edificanti storie dei dirigenti e amministratori leghisti nel bresciano.

    13. Rinaldi!!!!vieni giù dal "ciosso" ….devi capire che il rispetto bisogna meritarselo e che Brescia, per meritarsi il rispetto che le è dovuto per la sua storia, deve liberarsi della marmaglia leghista.

    LEAVE A REPLY