Centro storico, ecco le nuove rastrelliere per le biciclette

    0

    Dopo le polemiche delle scorse settimane, continua il potenziamento dei posti bicicletta per la sosta regolare delle bici nel centro storico della Città. L’amministrazione comunale ha provveduto quest’oggi a far installare altre rastrelliere per la sosta regolare delle biciclette in via Mazzini, via Cairoli e piazza Vittoria. Sono state posizionate 4 strutture per un totale di 24 posti singoli. Inoltre altre 3 rastrelliere della stessa tipologia verranno installate lunedì 11 luglio rispettivamente in piazza Bella Italia, piazza Loggia e largo Formentone.

    “Con queste nuove installazioni – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Mobilità e traffico del Comune di Brescia, Fabio Rolfi – andiamo a sopperire a una carenza storica del centro di Brescia. Queste nuove rastrelliere vanno ad aumentare in maniera significativa i parcheggi regolari riservati alle biciclette nelle zone di maggior affluenza del centro storico. Dopo quelle piazzate nelle scorse settimane in corso Zanardelli, abbiamo deciso di intervenire in via Mazzini, via Cairoli, piazza Vittoria e in tutta l’area di piazza Loggia. La nostra azione non si ferma qui: altre 25 rastrelliere saranno posizionate entro fine mese, soprattutto in centro storico”.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. un genio: e metterle prima le rastrelliere invece di sequestrare le bici?! si consoli rolfi con i suoi immancabili piccoli fans… perchè solo grande?… già che ci siamo… bravo, bello, intelligente, simpatico… ah ah ah ah ah.

    2. sandra milo probabilmente non sa che le bici legate ai pali non vengono sequestrate in piazza Vittoria, in via Mazzini o in via Cairoli. E nemmeno in piazza Loggia o in largo Formentone. Vengono sequestrate solo in stazione (dove c’è una struttura da 500 parcheggi regolari) o in via X giornate. BUGIARDO!

    3. allora a cosa dobbiamo tutta questa posa a raffica di rastrelliere dopo le proteste e le manifestazioni? non significa forse prendere iniziative senza conoscere prima i dati, le abitudini e le esigenze dei cittadini? eh, ma tanto quando un amministratore è buono, bravo e bello…

    LEAVE A REPLY