La Regione conferma i fondi: il Musil si farà “low cost”

    0

    Spaventano i costi annui di gestione e spaventano i costi di costruzione, soprattutto in questo momento difficile dove la maggior parte delle risorse della Loggia sono destinate alla metropolitana. Eppure si deve andare avanti: l’invito arriva da Regione Lombardia che per voce dell’assessore bresciano Monica Rizzi ha illustrato ieri il Documento Strategico Annuale 2012 per gli investimenti in cultura e sport. Bene, il progetto della sede centrale del Musil, la cui rete è composta da sedi-satellite sparse nella provincia, riceverà come promesso i fondi regionali.

    A questo punto l’idea, mai messa nero su bianco, di abbandonare il piano originario deve essere dimenticata. La Loggia non può perdere il contributo regionale e si starebbe attivando per rimodulare il progetto. La Fondazione che gestirà il museo vi sta già lavorando: gli spazi dovrebbero essere ridotti rispetto al progetto originario, dovrebbe essere prevista una sala congressi (prima non c’era) ed è allo studio una fermata di scambio sulla linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo. Non solo: il capitolato-materiali potrebbe essere rivisto, affidando le forniture a produttori locali (Metra e Fondital, ad esempio) anziché a ditte tedesche.

    Un Musil meno faraonico, forse, ma perdere i contributi del Pirellone sarebbe un peccato. 

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Il MUSIL verrebbe pagato dai privati che costruiscono il Comparto Milano, a scomputo sugli oneri di urbanizzazione. Così come sta avvenendo per il nuovo svincolo di via Rose con la Tangenziale; così come è già stato per il sottopasso ferroviario della Brescia Iseo Edolo al q.re Primo Maggio. Un po’ come sarà per la nuova sede del Comune: costo zero, no? Perchè il museo dell’industria e del lavoro non è gradito in una città come Brescia, caratterizzata proprio da industria e lavoro? Bah…

    2. Strano, la sede comunale che Paroli vuole cocciutamente a tutti i costi sarebbe a costo zero (sempre per la questione scomputo oneri), il Musil (che rappresenta la storia di Bresci quanto Santa Giulia) che Paroli non vuole costa troppo (ma è sempre a scomputo oneri). Della serie mettiti d’accordo con te stesso. In realtà la storiella del costo zero è una bufala atomica cui temo credano solo Paroli, Vilardi e Labolani (il problema è che ci credono davvero).

    3. Un museo che costerà molto costruirlo, costerà molto tenerlo aperto, costerà portare gli studenti delle elementari a visitarlo, costerà portare gli studenti delle medie a visitarlo, costerà convincere potenziali visitatori a visitarlo. Solo costi, anche nel futuro

    4. Insomma, il legame alle tradizioni, al territorio, etc. sono tutte fanfaronate che si usano ad effetto quando servono per le elezioni: quando poi c’è l’opportunità di tradurle in fatti, chi s’è visto s’è visto! Il museo verrà pagato dai privati a scomputo sugli oneri; gestirlo costerà come gli altri musei; farci venire le scuole si chiamerebbe "educazione" e formazione dei cittadini di domani; i visitatori ci verranno, come negli altri musei, se ci saranno cose interessanti da vedere. La Regione lo finanzia e lo definisce strategico: cosa serve ancora? Basta con queste scenette da asilo infantile!!!

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome