Lago d’Idro, riparte la navigazione (integrata con gli autobus)

0
Bsnews whatsapp

Da oggi 15 luglio fino al 15 di settembre il battello “scirocco” tornerà a navigare le acque del lago d’Idro. La provincia di Brescia – assessorato trasporto pubblico locale – dopo due anni di sperimentazione ha ottenuto il via libera definitiva dal Pirellone per la linea estiva di navigazione del lago d’Idro. La rotta garantirà il servizio di trasporto integrato autobus e battello da Crone (comune di Idro) a Ponte Caffaro (comune di Bagolino) con fermata ad Anfo, Vantone, Vesta con la nuova aggiunta di Bontone (Trento).

Questo servizio è nato grazie ad un’idea maturata all’interno della programmazione del settore trasporti della Provincia di Brescia; mentre la società Trasporti Brescia Nord e la consorziata Sia hanno preso incarico la realizzazione del servizio. Naturalmente i tre comuni bresciani interessati del servizio (Idro, Bagolino e Anfo) sono stati di supporto tecnico alle scelte logistiche fatte per attivare il servizio che era stato sperimentale nel mese di agosto 2009 e nei mesi di luglio e agosto 2010 con un successo in termini di passeggeri trasportati: circa 3.600 nel 2009 e circa 7.400 nel 2010. La sperimentazione era stata inserita all’interno del progetto europeo co2NeuTrAlp; un progetto che si propone di trovare nuove soluzioni destinate al settore dei trasporti, al fine di contribuire ad un più veloce passaggio dall’era del combustibile fossile all’era dell’energia solare. Dove la Provincia partner del progetto, sta sviluppando un ampio sistema di pianificazione dei trasporti in area montana con particolare riferimento ai servizi basandosi sull’intermodalità (autobus e battello), affiancando all’evoluzione del servizio pubblico di autobus ad una migliore accessibilità per i pedoni ed i ciclisti.

“E’ un progetto in cui la Provincia di Brescia ha creduto molto – commenta l’assessore provinciale ai Trasporti Corrado Ghirardelli – e i dati dei due anni di sperimentazione ci hanno fatto ben pensare che questo servizio dovesse diventare definitivo in particolar modo credo che il futuro turistico della provincia, Idro ne è un esempio, deve andare in direzione di mobilità integrata e sostenibile”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI