Montecampione sempre più tesa per i “suoi” 99 profughi

    69
    Bsnews whatsapp

    Novantanove profughi "parcheggiati" in un residence a 1800 metri d’altezza. Una decina le etnie da cui provengono. Nessun negozio nelle vicinanze, nessuna attrazione (se non la montagna, bellissima, e sentieri, le camminate da fare), nessun contatto con la gente (la località è puramente turistica, abitata quasi esclusivamente d’inverno per lo sci). Nessun cinema, nessuna biblioteca, nessun bar. Nessun presidio medico, oltretutto. L’unico modo per far passare il tempo è una partita a carte, o a scacchi per chi è capace, o a calcetto per chi ne ha voglia. Tutto questo solo a raccontarlo lascia presagire che potrebbe creare dei problemi, e infatti qualche problema a Montecampione i 99 immigrati lo stanno vivendo.

    Problemi di salute, tanto per cominciare. Più volte la settimana i medici dell’Asl devono salire fino a 1800 metri per visitare e curare le persone che accusano malesseri, semplici influenze o raffreddori (arrivano dall’Africa questi ragazzotti, non sono abituati alle temperature di montagna) ma anche mal di denti, di pancia, addirittura si sono resi necessari alcuni interventi chirurgici (quattro, secondo quanto riportato dal medico intervistato dal Giornale di Brescia in edicola stamane). 

    Ma non è finita: nei giorni scorsi si sarebbero verificati i primi "scontri" tra uomini di diverse etnie. Nulla di particolarmente grave, grazie al cielo, ma la situazione ha reso necessario l’intervento dei Carabinieri. Per ora solo parole grosse, minacce e qualche spintone, ma sono episodi da non sottovalutare. La convivenza forzata può giocare brutti scherzi.

    Nei prossimi giorni partirà l’assistenza agli immigrati: l’amministrazione comunale di Artogne in collaborazione con alcune associazioni di volontariato (vedi sotto) si occuperanno di portare in quota capi d’abbigliamento e scarpe. Sempre i volontari poi si sono offerti per intrattenere i profughi, iniziare con loro attività che li aiutino a sentirsi meno soli, che li aiutino, in fin dei conti, a far passare il tempo. Fino a quando?

    Ecco il comunicato diffuso da chi cerca di aiutare i profughi in Valle Camonica:

    Ciao, come saprai anche la Valle Camonica sta accogliendo diversi profughi che scappano dalla guerra in Libia.
    Sono persone che lavoravano in Libia e che ora sono scappate rischiando la vita nell’attraversata del mare mediterraneo.
    Alcuni di loro hanno subito violenze in Libia, altri hanno problemi di salute dopo l’attraversata, altri ancora (salvati) hanno perso un familiare nella barca-carretta ribaltata in mare.
    60 persone sono accolte dignitosamente a Corteno Golgi, 26 alla Caritas di Darfo, 15 sono in valpalot-Pisogne affidate ad un privato mentre altre 100 persone sono state collocate a Montecampione a 1.800 m., sui verdi pascoli, senza alcun servizio attivato per loro escluso vitto e alloggio.
    Sino a ieri queste persone non avevano ancora un cambio vestiti ed un kit igienico per lavarsi. La struttura isolata non è idonea per accogliere queste persone, ma in mancanza di alternative resterenno lassù sino all’autunno, per la gioia del proprietario….
    Il Centro Casa Giona, la Cooperativa K-pax, insieme ai Comuni di Breno e di Malegno stanno accogliendo altre 10 persone.
    Noi vorremmo potenziare questi posti, anche in collaborazione con altri Comuni sensibili del territorio, ma per fare ciò abbiamo bisogno di attivare una rete di volontari locali disponibili a dedicare un pò del loro tempo per le attività di accompagnamento ai servizi, trasporto, prima alfabetizzazione, ecc.
    Queste attività saranno svolte inizialmente sotto la supervisione di un operatore di Casa Giona/K-pax presso le strutture/appartamenti di accoglienza.
    Per questo motivo siamo a chiederTI/Vi se sei disponibile ad intraprendere questa esperienza con noi, oppure se conosci amici e/o parenti sensibili al quale rivolgere e girare questa comunicazione.

    Per chi fosse interessato ad avere più informazioni e/o svolgere un colloquio può rispondere alla presente o prendere contatto con:
    – Gian Mario Melotti cell. 380.9064606, e-mail: gemm3utu@yahoo.it.
    – Pierina Disetti, Coop K-pax tel. 0364.340172, e-mail: pierinasami@tiscali.it.

    “Io sono quell’altro
    che ha attraversato
    un paese su una passerella
    sospesa tra due sogni”

    (Tahar Ben Jelloun)

    Grazie per l’attenzione ciao, RESTIAMO UMANI.
    Marco Zanetta, Carlo Cominelli, Agostino Mastaglia, Pierina Disetti, Gian Mario Melotti, Francesca Pandocchi, Federica Lancini.
    Casa Giona Breno/Coop K-PAX

    PROFUGHI: ACCOGLIERE E FARSI ACCOGLIERE. LA GRANDEZZA DEI PICCOLI GESTI 

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    69 COMMENTI

    1. grande ammirazione e complimenti ai volontari che stanno offrendo accoglienza ai rifugiati. come dice il loro nome: RESTIAMO UMANI. diffondiamo il loro appello.

    2. grande ammirazione e complimenti ai volontari che stanno offrendo accoglienza ai rifugiati. come dice il loro nome: RESTIAMO UMANI. diffondiamo il loro appello.

    3. Sono l’antitesi del "razzista", per l’amor del cielo. Ma sinceramente mi sa che quest’anno la sera del 10 agosto non la passerò, come gli altri anni, steso sul prato di montecampione 1800 a cercar le stelle. e credo che i turisti staranno ben alla larga da quelle zone (non mi risulta che i profughi siano guardati a vista, anzi…)

    4. "Nessun cinema, nessuna biblioteca, nessun bar" poverini,dura la vita eh….passano l’estate in montagna a nostre spese e questi compagni del val camonica invece di occuparsi dei poveri italiani della valle (e ce ne sono) si preoccupano di fare da animatori…ridicoli

    5. Questi qui non hanno il senso del ridicolo…si preoccupano che questi africani si annoino?Devono avere dei terribili sensi di colpa dentro di sè da espiare…

    6. Mi unisco a bresciano e valligiano nelle manifestazioni di stima verso chi in ogni caso si impegna dedicando al prossimo, al di la della provenienza, tempo, risorse ed energie.
      Sono solo in parte d’accordo con la facile lettura che sconosciuto da dell’articolo in cui non si parla solo di cinema e biblioteche ma anche di ncessità di interventi chirurgici!
      Sono sempre più stufo di una macchina pubblica che come al solito non è solo facile ma facilona nel momento in cui si concede il lusso di mantenere inutilizzate aree immense di sua proprietà per anni (pensiamo solo alle caserme…) per poi, come dice Gigio, di fronte alla prima emergenza di permette di rovinare anni di lavoro finalizzati a provare a lanciare turisticamente trasformandola in ostello per profughi.
      D’altra parte cosa ci possiamo aspettare da gente che per anni ha voluto permettersi una favela ai bordi di una delle più frequentate autostrade di una delle più ricche aree geografiche d’Europa!
      Non sono un liberistaa assoluto, certo un imprenditore che si dovesse muovere così avrebbe già chiuso baracca e burattini da anni.
      MANDIAMOLI A CASA, MA TUTTI!

    7. ..nessun cinema, nessun bar, nessuna attrazione, la temperatura che non è consona ai loro desideri perchè fa freddo (? ), etc etc……
      ma quì stiamo rasentando la pazzia collettiva, adesso proponiamo loro soggiorni al mare in località dove splende il sole e ci sono 34 gradi, magari nell’Hilton che così non gli manca nulla…….!!!
      e i primi scontri tra etnie, certo mandiamo i tunisini a porto rotondo, i marocchini al lido di venezia, gli algerini a capalbio e i libici a ischia….com medico al seguito pronto per ogni raffreddore e mal di pancia, diamo loro anche un American Express che così possono spendere e magari qualche spicciolo per le bevande alcoliche delle quali sono particolarmente golosi e avvezzi ( quì da noi, non nei loro paesi si intende perchè il ligio musulmano non può bere alcool pena qualche fustigata sulle natiche )….
      che bel paese che è l’italia, repubblica basata sull’immigrazione

    8. Nel mio piccolo non andrò mai più a sciare a montecampione e spero che così facciano molti altri,i gestori del residence alpiaz si devono pentire di aver voluto fare i soldi con gli immigrati…tanto paghiamo noi!

    9. Io sono quell’altro che ha attraversato un paese su una passerella sospesa tra due sogni, uno è l’italia dove posso fare quello che voglio, l’altro è diritti per tutti che mi sostiene nel fare quello che voglio…alla faccia di ogni italiano

    10. Caspita che livore per il paese che ha dato più immigrazione al mondo. Se non ci fosse stata tutta questa povera massa di disperati italiani, padani e non, che sono andati on ogni luogo del mondo a cercar fortuna chissà a questo punto come sarebbe il nostro debito pubblico. Sarà che abbiamo la memoria corta, ma così facendo non ci rendiamo neppure conto che il nostro lavoro di immigrati ha giovato alle economie di quei paesi che ci hanno ospitato, altrimenti non si capirebbe perchè con il centro destra (legge Bossi-Fini) la popolazione di lavoratori immigrati è cresciuta di 430.000 unità rispetto a quanti erano arrivati nel 2002 sotto il governo di centro sinistra.
      Interessante sarebbe leggere il rapporto del Ministero del Lavoro del febbraio 2011. Buona lettura.

    11. dai non raccontare bugie
      siete stati voi comunisti e i vostri amici sindacati ha mandarli lì
      nn date la colpa alla lega che e’ l’unica che fa qualcosa

    12. Hai ragione: Maroni da giovane era in un gruppo marxista-leninista e poi è stato militante di Democrazia Proletaria. Gnari, e non sto scherzando…

    13. dopo aver letto alcuni commenti mi sento di rinnovare i complimenti ai volontari "RESTIAMO UMANI". il rischio che alcuni di noi perdano le caratteristiche umane è grande. i rifugiati sono una boccata d’ossigeno per chi asfissia per mancanza di umanità.

    14. voi comunistelli farete meglio a non dire nulla…… che avete governato voi x 50 anni e avete sfasciato su tutto…. eadesso la Padania e’ stanca…..e non c’è la fà più

    15. voi comunistelli farete meglio a non dire nulla…… che avete governato voi x 50 anni e avete sfasciato su tutto…. eadesso la Padania e’ stanca…..e non c’è la fà più

    16. anch’io non andrò più a sciare a montecampione grazie alla criminale manovra finanziaria approvata oggi che mette le mani nelle tasche degli italiani, in quelle delle italiane e nelle taschine dei loro figli. altro che i vostri tentativi di distrarci dalla situazione tremenda che ci aspetta mettendoci contro a dei poveri disperati… grazie a questo governo fiancheggiato dalla lega nord sempre più dedita al brillante saccheggio delle nostre sostanze, utile al mantenimento delle proprie (troppe) cadreghine. grazie ancora. ce ne ricorderemo.

    17. Beato Lei che andava a sciare, ma questa crisi che sono anni che viene propinata dov’è se fino a ieri poteva andare a sciare?…..me ne ricorderò….

    18. Sono a montecampione per 2 motivi:
      1 i padroni del residence si sono resi disponibili accecati dalla voglia di euri.
      2 romano larussa (fratello di) è commissario della lombardia per l’emergenza profughi ed essendo lui catanese-milanese se ne sbatte di brescia e ancor di pìu della valcamonica.
      Sapevatelo

    19. La lega rovina la valle, ma è sempre colpa degli altri…troppo forti questi leghisti…attaccati ai cadreghini romani le stanno imparando tutte…forza lega che arrivi ultima.

    20. Care associazioni di volontariato tutte vi voglio aiutare e voglio farlo subito ma per favore fatemi capire tre semplici cose:
      1) Se la soluzione a tutti i problemi è ospitare, ditemi quanti ne dobbiamo ospitarne in totale per risolvere il problema?un target…un semplice numero.
      2) Se la situazione è definitiva qual è il percorso esatto d’inserimento nella nostra società, e quanto tempo richiede? un tempo…preciso o anche approssimato
      3) Se la soluzione è a tempo determinato, quanto tempo richiede? e cosa succederà dopo?
      4) cosa significa "La struttura isolata non è idonea per accogliere queste persone, ma in mancanza di alternative resterenno lassù sino all’autunno, per la gioia del proprietario…." cosa significa per la gioia del proprietario…

      C’è qualcuno che sa aiutarmi a capire, perchè io possa sposare la causa?

    21. Le "associazioni di volontariato tutte" si fanno carico di tamponare i danni dovuti alla disorganizzazione totale di chi sta governando la vicenda. Faccia le sue domande a chi di dovere, ha chi ha la responsabilità di governare perchè ha ricevuto il mandato dagli Italiani. I volontari sottraggono gratuitamente parte della loro vita ai loro impegni lavorativi e familiari: cosa chiede a loro? Sono forse i volontari che decidono quanti immigrati arrivano e dove devono andare? E’ chi ci governa: che chiude i cordoni della borsa a tutto e tutti, tranne poi pagare gli albergatori privati per ospitare i profughi che altrimenti non saprebbe nemmeno dove alloggiare!!! Faccia le domande a chi ci governa!!!

    22. Chieda al Ministero dell’Interno (= Questura di Brescia) se qualcuno di loro in un mese sia andato a Corteno, Montecampione e via dicendo almeno ad avviare le pratiche di verifica delle condizioni di richiesta di asilo. Senza le quali gli immigrati non possono essere rimpatriati quando non ricadenti nelle condizioni e non possono lavorare se hanno invece diritto di asilo. Chieda, chieda!!! Quella gente in Libia lavorava e mandava i soldi alla famiglia. Facile dire che qui "sono in vacanza": cosa pensa, che non vorrebbero lavorare per continuare a mantenere le loro famiglie? E perchè si rivolge alle associazioni di volontariato per le sue domande? Le faccia al Ministero, le faccia alla Questura!!! Chieda a loro quali sono i tempi per istruire una pratica di richiesta di asilo! Non per ospitarli tutti, ma anche per verificare se qualcuno non abbia il diritto di essere ospitato e possa essere rimandato indietro!!! Chieda, chieda!!!

    23. Per ultimo: "la gioia del proprietario". Gli albergatori ricevono circa quaranta euro al giorno per ciascuna persona ospitata. Faccia lei le sue valutazioni, sulle strutture che ospitano i profughi, sulla loro capacità-possibilità di fare "il pieno" per alcuni mesi nelle attuali condizioni. Gli albergatori fanno il loro lavoro, che è quello di ospitare persone a pagamento nelle loro strutture. quando possono fare il loro lavoro, di sicuro sono contenti.

    24. E tra gli albergatori in oggetto, ci sono comunque anche delle bravissime persone: che fanno ben oltre il loro lavoro, ma si mettono a disposizone per aiutare in mille modi le persone ospitate. Che non sono vacanzieri della domenica, ma sono persone che hanno lasciato le loro famiglie nel centro Africa e sono state fatte partire dalla Libia spesso dopo esser state derubate. Quindi senza nemmeno la possibilità di avvisare casa per far sapere di essere in vita. Chieda agli albergatori se li ha fatti telefonare a casa il Ministero o se li hanno fatti telefonare loro a proprie spese… Chieda, chieda. Ma qui gli unici che non rispondono, sono quelli che ci governano e che avrebbero la repsonsabilità del fare!!!

    25. Vuole aiutare? Vada a passare qualche giorno con i profughi e senta da loro perchè sono qui e quali sarebbero i loro desideri: sono scappati dalla guerra e vorrebbero lavorare per mantenere le loro famiglie!!! Vada anche lei con i volontari: vedrà che troverà le risposte alle sue domande!!!

    26. rispondo al messaggio di lun 18 lug 2011, ore 10.16
      Si questo è chiaro ma quello che mi incuriosisce è il sottolineare "per la gioia del proprietario" …perchè sottolinearlo
      se alla fine da buon volontario che tampona la situazione io dovrei essere più che felice del fatto che comunque
      i poveri "presunti o probabili profughi" abbiano un rifugio? Da futuro volontario mi sento confuso

      rispondo al messaggio di lun 18 lug 2011, ore 10.11
      Non si arrabbi, mi creda è solo una domanda per avere piu chiarezza, per capire come poter aiutare queste persone. Come possiamo aiutarli quindi?
      Capisco chele sistituzioni debbano verificare se queste persone siano realmente profughi o clandestini…quindi sono presunti o probabili profughi questo mi turba e se ci fossero dei criminali
      tra di loro?beh non pensiamoci sono uomini in difficoltà quindi pensiamo ad aiutarli e torniamo a bomba: le istituzioni sono lente , ma quanto pressapoco? tra quanto capiranno chi va ripatriato o aiutato?
      e per quelli da aiutare quale sarà il percorso esatto?devo fare un analisi precisa …Nessuno sa rispondere e io vorrei capire…

      Rispondo al messaggio di lun 18 lug 2011, ore 10.05
      Ho chiesto perchè da futuro volontario pensavo sicuramente che le associazioni di volontariato tutte, nel pianificare il loro operato avessero sicuramente svolto un analisi dei rischi a medio e lungo termine prima di aprire questi pomti di solidarietà; sono certo che si sia stimato cosa serva per il futuro a queste povere persone!
      E sono certo che un associazione di volontariato operante sul territorio sappia quale sia l’impatto sulle comunità locali ancor prima di fare un appello ai giornali e di iniziare questo umanissimo progetto. Posso chiedere al ministero ma sicuramente i volontari sanno rispondermi prima..quindi rbadisco sapete darmi dei dati esatti?
      Nel bene di queste persone stesse non si può essere cosi disinformati..io li volgio aiutare e vorrei capire..nessuno sa rispondermi per favore?

    27. Rispondo al msg di lun 18 lug 2011, ore 10.24
      Lo voglio fare e lo farò ma mi faccia capire scappano dalla guerra e sono profughi certi? o potrebbero essere clandestini nobilmente in cerca di un futuro migliore?
      Vorrei capire la differenza e capire quale possa essere la mia capacità numerica della nostra realtà locale
      di ospitare e dare un lavoro a queste persone. Quanti sono i profughi? quanti i clandestini? Come posso aiutarli al do là di fargli compagnia che
      credo sia una cosa bellissima e molto umana io vorrei fare di più per loro! Ditemi quanti posti di lavoro servono? e qual è il percorso che abbiamo programmato per inserirli realmente? Lo dico per dare una mano …fissiamoci un obbiettivo e lavoriamo tutti insieme per farcela!

    28. Da volontario, ti posso rispondere che la disorganizzazione centrale è totale. Preparati ad affrontare il fatto che non c’è organizzazione e che i volontari non possono fare altro che cercare di tamponare i danni. Capisco che sia difficile crederlo, ma è così. Rassegnati fin da subito: non c’è una regia centrale che coordina; c’è solo la buona volontà (=umanità), che ovviamente però non basta.

    29. Rispondo al messaggio di Lun lun 18 lug 2011, ore 10.24

      Quindi ho capito giusto! quel "per la gioia del proprietario…. " andava interpretato con il fatto che il proprietario…essendo volontario
      è felice di ospitarli…quindi più a lungo li aiuta e più di felice sarà ! Ora la cosa ha logica….scusatemi avevo pensato fosse una sorta di critica al volontario rimborsato o stipendiato! L’ importante è la buona causa !

    30. Preparati anche al fatto che l’umanità non è un sentimento condiviso. Quindi che molti pensano che queste persone siano "giargia" che stanno in vacanza a sbafo. Preparati alle delusioni. Preparati a soffrire la frustrazione della sensazione di inutilità e di impotenza. Preparati a capire il significato di quello che farai, apprezzando il poco in più che è stato possibile fare grazie al tuo impegno e che senza il tuo impegno non sarebbe stato possibile fare. Preparati a non sentirti meglio di altri solo perchè tu fai qualcosa e gli altri sparlano solamente. Con i migliori auguri miei e di tutti gli altri volontari che lavorano in silenzio.

    31. Rispondo al messaggio di lun 18 lug 2011, ore 11.16

      Grazie della risposta, capisco che non ci sia una regia centrale e che quindi ci si arrangerà alla bene meglio, ma un idea dei tempi e dei numeri li abbiamo?
      Hai ragione non basta la volontà! Serve qualcosa di concreto…un programma e un percorso e vorrei conoscerlo…potete spiegarmi ?
      Vedete io mi rassegno al non sapere…ma come faccio a non saperlo per loro stessi… è inaccettabile!? Non voglio illuderli, non voglio farli diventare schiavi
      di altre persone…o poveri ragazzotti costretti per anni al freddo delle nostre valli….da futuro volontario vorrei essere sicuro che stiano meglio, che abbiano un lavoro !!!
      E poi dovremmo anche aiutarne degli altri !? Piu ne aiutiamo e meglio è !quindi… Quanti altri?! Qualcuno sa darmi un idea un numero! 10…100….10000 "profughi"?!?
      Ed entro quanto? 2 mesi , 1 anno , 3 anni? Dai definiamo le cose per bene e diamoci da fare! Datemi una mano!!

    32. L’idea di tempi e numeri ci sarebbe se ci fosse una corretta gestione della vicenda. Ti ripeto, non c’è. Il quadro entro cui operare è questo.

    33. A tutti :
      Cari volontari tutti….rileggo quanto sotto risposto da tutti voi e mi sento un futuro volontario un po confuso…..
      mi sembra di capire che a fronte di una mancata regia, nessun programma d’inserimento, nessun limite numerico, nessun limite temporale,
      nessun certezza sul chi è profugo e chi è clandestino, nessuna previsione o studio dei potenziali sviluppi della
      situazione creata e che si creerà, si stia chiedendo ai lettori di ospitare più genete possibile?
      E’ questo quello che state chiedendo? Per favore spiegatemi meglio…

    34. Si sta chiedendo di avere un Governo che governi. E che non lasci situazioni come queste allo sbando. Non è compito nè dei volontari nè dei lettori impostare le politiche di gestione di questi eventi. I volontari si prestano, ma non sono loro che governano…

    35. Cari volontari tutti…includendo anche l’osservazione dall’amico volontario qui di seguito, vorrei chiedervi un aiuto a capire..
      Sono confuso e rileggo quanto sotto risposto da tutti voi e mi sento un futuro volontario veramente in difficoltà…..
      perchè cosi sembra di capire che non si sa assolutamente niente sul da farsi…e non è possibile dai!

      A fronte di un mancato supporto del governo, una mancata regia, nessun programma d’inserimento, nessun limite numerico
      , nessun limite temporale, nessun certezza sul chi è profugo e chi è clandestino, nessuna previsione o studio dei potenziali sviluppi
      della situazione attuale e futura, si spinga ad accoglere più profughi possibile e’ cosi? No dai, non scherziamo,
      non ci credo …dobbiamo aiutarle queste persone ..ditemi quali sono i progetti…
      Per favore chiedo a qualche responsabile delle cooperative o associazioni di volontariato a dare una mano a me e ai lettori
      per capire, credo che dopo questo appello sia doveroso capire e cercare di aiutare da parte nostra..

    36. quanti falsi moralisti, vorrei vedere qualcuno di delle persone che predica bene se a casa sua dove ha moglie e figli avesse 100 annoiati profughi!!!
      Ma dei nostri diritti nessuno ne parla, come mai ? ci sono solo gli interessi di speculazione di qualcuno in questo caso del gestore del residence di 1800? noi paghiamo ICI e altre spese e non possiamo godere liberamente della nostra proprietà, mia moglie si rifiuta di salire con le bambine e di soggiornare a 1800, ma nessuno pensa a questo, nessuno pensa che cosi si distrugge quel poco di turismo che è rimasto a Montecampione, nessuno pensa che numerosi appartamenti sono rimasti sfitti per questo problema!!!
      E pensiamo alla nomea di Montecampione che una volta era considerata una piccola Cortina che oggi per interessi di un privato perde la faccia e viene derisa. Proviamo ogni tanto a essere più lungimiranti e a pensare quale sia il male minore… forse non esistevano le caserme …. o le colonie… o in questa stagione visto che le temperature lo permettono le tendopoli??

    37. Intanto quelli che lei chiama "falsi moralisti" sono a fare i volontari (volontari!) con i profughi; e hanno anche loro mogli, mariti e figli. Definire "annoiati" persone che avevano lasciato i loro Paesi per andare a lavorare in Libia e da lì se ne sono dovuti andare a causa della guerra, qualifica chi usa tali espressioni. Si rivolga ai suoi governanti e lasci stare profughi e volontari…

    38. Sono un volontario che non appartiene a nessuna associazione di volontariato, semplicemente abito nella bassa Valle Camonica. Vado lassù, insieme ad altri come me, semplicemente per rimanere umano: portare i pantaloni, biancheria intima e maglioni lo so benissimo che non cambierà di molto la situazione di stagnazione che c’è a 1800 però permette a loro di avere un bene essenziale in più e a me di vedere che anche qui ci sono persone umane che non cadono nel tranello che il "negro" (per i gnoranc ié tuc negher)è la causa di tutti i mali. Mi viene da ridere per la povertà di spirito di coloro che non si stenderanno sul prato perché, loro, non sono guardati a vista! (Non sono delinquenti)O di coloro che si lamentano per le conseguenze che il turismo subirà. Ricordo loro, che "la piccola cortina" (immagino che non abbiano mai visto Cortina)è frutto di speculazioni, e ancora oggi la montecampione impianti è tenuta in vita da soldi pubblici che paghiamo tutti noi e non sarà certo colpa dei 99 negri e affini se quel posto è un debito da anni, (forse bisogna farsi altre domande). Al di là di tutto questo, sono orgoglioso di aver preso parte a questa spedizione solidale soprattutto per la cresciata umana che mi da e dimostrare la mia distanza dalla vostra (razzisti). Ciao

    39. Amici volontari quali colpe dovete espiare?Perchè vi sentite così in colpa nei confronti degli immigrati?Se fossi in voi(che siete sicuramente tutti di ottima famiglia) darei una mano nelle decine di associazioni di volontariato che operano nell’assistenza agli anziani,ai disabili ecc.ecc.
      Dal canto mio spero che gli albergatori di montecampione falliscano al più presto…mai più a montecampione!

    40. I volontari danno una mano a tutti, dove e quando serve. Non ci sono i "volontari amici solo degli immigrati": i volontari aiutano SEMPRE gli anziani, i senza casa, i disabili, insomma chi ha bisogno. Quando c’è bisogno, come in questi casi in cui il Ministero dell’Interno paga solo gli albergatori e poi non sa più nemmeno se queste persone esistono, i volonatri aiutano anche queste persone. Prima di dire scemenze, pensa a quello che dici…

    41. Amico delle 13.49, ma perchè se uno invece che aiutare gli immigrati aiuta i disabili, secondo te ha delle "colpe da espiare"? Ma non ti vergogni a scrivere queste cose?

    42. No,non mi vergogno perchè l’immigrato che curate tanto amorevolmente si prenderà una fetta dell’welfare che spetta di diritto all’anziano,al disabile e al disoccupato.Inutile poi sottolineare che chiunque non sia d’accordo con voi è un cretino a prescindere…

    43. L’ultima frase l’hai detta tu, non io: fa parte dei tuoi pregiudizi. Le persone di cui si parla sono "rifugiati" e non immigrati. Vatti a vedere la deifferenza, se non la sai. La cura di queste persone è stabilita dalla Convenzione di Ginevra, cui l’Italia aderisce: quindi, lascia pur stare il welfare che non c’entra un cavolo nel discorso. Parlavi di "colpe da espiare", di quello devi vergognarti.

    44. ..moralisti portateli a casa vostra !!…..e un consiglio andate a fare del volontariato nei Ns Hospedali, dai Ns anziani, NEI CENTRI PER RAGAZZI CON PROBLEMI….fate del bene , ma fatelo…..!!!! invece di coprire questi finti profughi,creati da ghedaffi per un fine ben preciso……….
      VE NE ACCORGERETE !!!

      Gentaglia…..

    45. Sono già a casa nostra, perchè noi paghiamo le tasse! E noi facciamo il volontariato anche in tutti i posti che hai citato tu, senza venirlo a sbandierare. Come ti permetti di dire "gentaglia"? Vergognati!!!

    46. 1) stiamo parlando di clandestini e non di
      Profughi

      2) posso fare una domanda? Quanti ne possiamo ospitare? 1000? 5000? 100.000? 3.000.000? solo un numero…giusto per capire se qualcuno di voi ha realmente lil senso della realtà?

    47. Camuno, le persone ospitate lì sono PROFUGHI. Gente che dal suo Paese dell’Africa centrale era emigrata in Libia A LAVORARE; e che dalla Libia è fuggita a causa della guerra: per non essere ammazzati o per non essere arruolati a forza nell’esercito di Gheddafi. E’ gente che con il suo lavoro manteneva la famiglia rimasta in patria. E che da MESI, confinata in cima alle montagne in attesa che la Questura (che sta a 100 km…) decida se hanno diritto di stare qui come rifugiati e possano quindi iniziare a LAVORARE (cosa che adesso è loro impedita, dalla legge Bossi-Fini) o se non hanno diritto e debbano quindi tornare a casa loro. Situazione gestita sicuramente malissimo: c’è da sperare per la solita incapacità, perchè altrimenti bisognerebbe pensare male e cioè che si voglia appositamente che esplodano i problemi. Sai che divertimento essere "ospitati" a fare niente per mesi: questa gente non desidera altro che poter tornare a LAVORARE per riprendere ad inviare a casa i soldi che da MESI non sta più mandando. Prima di parlare a sproposito, informati…

    48. risposta a utente non registrato mer 21 set 2011, ore 09.12
      No, "Profugo" è persona provatamente costretta ad abbandonare IL PROPRIO PAESE(!) per motivi politici o in seguito a disgrazie naturali:la tua dichiarazione, se le cose stanno cosi, è prova di fatto che a queste persone non va dato lo stato di diritto di rifugiato.
      ..Ed in ogni caso fino a quando la prefettura non avrà accertato e concesso lo status stiamo parliamo di clandestini che dichiarano d’essere profughi…
      cosa che puntualmente ogni clandestino sbarcato sta iniziando a fare…
      Siamo in piena crisi economica, solo di recente ci sono 600 famiglie in valle rimaste senza lavoro e il trend è in costante peggioramento perchè non rispondi anche al mio secondo quesito? per onestà intelletuale…non per altro…se vanno ospitati …dimmi un numero…Quanti ne possiamo ospitare? 1000? 5000? 100.000? 3.000.000? solo un numero…a quanti possiamo garantire un lavoro una casa una integrazione?

    RISPONDI