A ottobre torna Franciacorta in bianco. Ecco le novità della rassegna dedicata ai formaggi

    0

    Sempre più irrinunciabile appuntamento per appassionati e operatori del settore lattiero-caseario, Franciacorta in bianco si appresta a celebrare a Castegnato (Bs) dal 7 al 9 ottobre 2011 la sua 16.ma edizione.

    Nata infatti nel 1996 su iniziativa del Comune di Castegnato (che ancora oggi con Castegnato Servizi è promotore e organizzatore dell’evento) con lo scopo di valorizzare il latte prodotto dagli allevatori locali, la rassegna si è via via sviluppata, fino a divenire, secondo l’autorevole opinione di Corrado Barberis presidente dell’Insor (Istituto Nazionale di Sociologia Rurale) e padrino storico della manifestazione – , la più autorevole rassegna dell’arte casearia nazionale.

    Nel corso dell’ultima edizione (quella del 2010, che ha richiamato complessivamente circa 15.000 visitatori), un centinaio di espositori e innumerevoli tipologie di formaggi, prodotti eccezionali per qualità e ricercatezza, hanno accompagnato il pubblico in un viaggio ideale tra sperdute malghe, consorzi di tutela di formaggi tipici, importanti aziende e piccoli casari, alla scoperta dei sapori più autentici e genuini della nostra tradizione gastronomica.

    Per l’edizione 2011, accanto al tradizionale programma di eventi e incontri, gli organizzatori della fieraintendono inserire alcune importanti novità. Innanzitutto, un’attenzione particolare verrà dedicata al mondo dei piccoli produttori, che sono l’anima e il protagonista principale della manifestazione, per i quali verranno organizzati degli incontri riservati con alcuni rappresentanti di importanti gruppi della Grande Distribuzione nel corso dei quali verranno illustrate le modalità più corrette ed efficaci per presentarsi sul mercato della GDO. Si tratterà di una sorta di piccolo (ma utilissimo) corso di aggiornamento professionale messo a disposizione di tutti produttori presenti a Franciacorta in bianco.

    Un altro tema che verrà proposto ad espositori e pubblico sarà quello della sicurezza alimentare. Incontri tecnici e momenti divulgativi cercheranno di illustrare sia le corrette prassi da utilizzare nella realizzazione dei prodotti, sia le necessarie procedure di verifica e di controllo che anche il pubblico degli acquirenti è tenuto a mettere in pratica.

    All’interno dell’itinerario espositivo, gli organizzatori stanno inoltre pensando ad un gemellaggio gastronomico-culturale-turistico con un’area tipica italiana. In questo caso, il visitatore incontrerà non solo i sapori della tradizione lattiero-casearia, ma anche quelli di altri prodotti tipici, nonché le bellezze ambientali, il folclore e le tradizioni della zona che verrà individuata.

    Preceduta da una presentazione in anteprima (1 e 2 ottobre) al centro Le Rondinelle di Roncadelle (Bs), in cui una selezione di produttori esporrà in assaggio e vendita una sintesi di quella che sarà l’intera manifestazione, Franciacorta in bianco proporrà al pubblico il consueto calendario di degustazioni guidate a cura di ONAF e ONAV (grazie alle quali sarà possibile entrare in contatto diretto con alcuni dei prodotti che costituiscono il variegato mondo dei formaggi tipici nazionali) e, in aggiunta, anche una serie di momenti pensati per i più piccoli (quali il recinto degli animali, mini corsi didattici, giochi, ecc.).

    Infine, non va dimenticato che Franciacorta in bianco è anche occasione di incontro con la splendida terra di Franciacorta, rinomata in tutto il mondo per le "bollicine", ma anche per altri prodotti gastronomici ed i dolcissimi paesaggi, ricchi di tesori artistici, ville, castelli e monasteri che meritano un piacevole fine settimana di inizio autunno.

    Le informazioni sul programma completo e sui prodotti presenti (entrambi ancora in corso di definizione), come pure tutte le indicazioni logistiche, possono essere recuperate sul sito ufficiale della manifestazione: www.franciacortainbianco.it .

    L’appuntamento è quindi fissato per il 7-8-9 ottobre, a Castegnato in provincia di Brescia, per un evento che si è conquistato nel tempo un ruolo di assoluta importanza e che è stato riconosciuto anche dal patrocinio del Ministero alle Politiche Agricole e Forestali, della Regione Lombardia e di tutti i più importanti enti locali.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY