Spazio Informagiovani: che sta succedendo?

    0
    Bsnews whatsapp

    Informagiovani di via San Faustino in città. Uno spazio dove si recano i ragazzi alla ricerca di un posto di lavoro, alla ricerca di informazioni su possibilità di scambi culturali con l’estero, alla ricerca di assistenza per le vacanze-studio, ragazzi che vogliono consultare i bandi europei, o semplicemente vedere cosa offre la città alle persone della loro età. Uno spazio frequentato ogni mese da circa 1000 utenti. Un servizio che, stando a quanto riferiscono gli attuali responsabili, facenti capo alla Cooperativa Tempo Libero, il comune vorrebbe in qualche modo cambiare.

    Ad ottobre partirà infatti la nuova stagione dell’Informagiovani, con il nuovo bando per l’affidamento della gestione che la stessa Tempo Libero, insieme alla cooperativa Calabrone, si è aggiudicata, ma che cambia in maniera sostanziale la mission del servizio. E’ per questo che, secondo le persone che ci lavorano, si snatura l’attività del centro, ed è per questo che gli stessi hanno lanciato su facebook una pagina (eccola: Informagiovani Brescia) per richiamare l’attenzione sulla questione. Come intende muoversi il comune? L’assessore Diego Ambrosi (sovrintende al Settore "Personale", alle politiche giovanili, al rapporto con Casa delle Associazioni e al coordinamento delle Consulte) vuole semplicemente ri-organizzare il servizio e renderlo più efficiente o ha in mente qualcosa d’altro?

    Ecco la descrizione della pagina:

    Questo è il profilo di una costituenda associazione che vuole continuare l’esperienza dell’Informagiovani nella città di Brescia, perché l’Amministrazione comunale ha deciso di sostituire l’Informagiovani esistente con un servizio diverso, che non sarà più un Informagiovani e sarà rivolto prevalentemente ad alcuni soggetti.
    L’Associazione, composta da persone con pluriennale esperienza di operatore e ricercatore di servizi Informagiovani,vuole offrire gratuitamente a tutti informazioni sulle tematiche tradizionali di un Informagiovani: scelta scolastica, tempo libero e vita sociale, ricerca del lavoro, le diverse opportunità per andare all’estero…
    Fin da oggi è disponibile questo spazio virtuale in cui è possibile porre quesiti, dare risposte, confrontarsi.
    Vorremmo presto avere anche uno spazio fisico in cui poterci incontrare.

    a.c.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Non capisco, forse non sono aggiornato. Ma i dipendenti di una cooperativa che vince un appalto non dovrebbero eseguire il capitolato dell’appalto vinto dalla cooperativa medesima? Spiegatemi.

    2. Scusa Michael, non capisco la domanda. Sono uno degli operatori dell’IG che ha dato vita all’associazione. Lavoro all’IG di Brescia dal 1999. Prima con un contratto a 36/38 ore. Poi nel 2008 mi e’ stato detto: il Comune taglia, le ore non ci sono piu’ tutte. Ci siamo accordati per 20 e mi sono trovato un altro lavoro. Nel 2009 mi e’ stato imposto con metodi che non ti racconto di salire a 24 e ho dovuto lasciare l’altro lavoro. Ora, nel 2011, la mia Cooperativa mi dice: dal 1 ottobre 2011 non ci sara’ piu’ l’IG, perche’ il nuovo appalto prevede cose diverse. Per te, anche se fai questo lavoro da 15 anni, ci sono 16 ore come documentalista e 8 ore di assistenza ad personam.
      Io ne prendo atto e costituisco, con altri, una associazione di volontariato che tenga viva l’esperienza dell’IG. Senza chiedere soldi e nel mio tempo libero. Poi lo comunico alla citta’ attraverso tutti i media che riesco a raggiungere: portali, social network, stampa, radio, tv. Cos’e’ che non capisci?

    3. Specifico meglio, perche’ nel rileggere mi sono reso conto che quanto scritto poteva essere frainteso: quando dico mi sono trovato un altro lavoro intendo un secondo part-time, d’altro genere, a 20 ore che poi non sono piu’ riuscito a gestire e ho dovuto mollare, restando con le sole 24 ore dell’Informagiovani

    4. ti faccio una semplice domanda..quali sono secondo te i motivi di questo cambiamento? nel nuovo appalto intendo.e le motivazioni date dall’amministrazione e dalla cooperativa?

    5. ti faccio una semplice domanda..quali sono secondo te i motivi di questo cambiamento? nel nuovo appalto intendo.e le motivazioni date dall’amministrazione e dalla cooperativa?

    6. ti faccio una semplice domanda..quali sono secondo te i motivi di questo cambiamento? nel nuovo appalto intendo.e le motivazioni date dall’amministrazione e dalla cooperativa?

    7. Io non faccio il processo alle intenzioni. L’amministrazione fa le scelte e deve dare risposte sul perche’ le fa. Io ne prendo atto e agisco di conseguenza. Il problema e’ quando si fa una cosa e si dice di farne un’altra. Da una parte la coop che mi dice non ci sara’ piu’ un Informagiovani, dall’altra un assessore che dice sara’ un informagiovani anche migliorato. Le due cose sono in contraddizione, mi sembra?

    8. bè dipende se il rinnovamento dei servizi porta anche ad un’efficenza differente…se non c’è il vecchio ma il nuovo funziona non vedo il problema…per questo chiedo le motivazioni..potresti ragguagliarmi?

    9. Dai Vanloon, lascia stare, hai scritto 4 volte la stessa cosa, sembri il Berlusca che ripete come un mantra arriveremo al 2013 e manda il paese a catafascio. Mi sembra che ti abbia già risposto. Fai la domanda alla persona sbagliata. Sveglia!

    10. eheh scusate ho scoperto tardi che se aggiorni iol sito re_invia quello che ha appena scritto..no in realtà vorrei davvero capire il parere soggettivo di chi ci lavora..senza polemiche o altro

    11. Ti ringrazio Casper, ma non ho bisogno di qualcuno che mi difenda, posso cercare di spiegare da solo. Fino ad ora a Brescia esistevano due servizi: un Informagiovani, in via San Faustino che nonostante i pesanti tagli di ore che ha praticato la nuova amministrazione nel 2008 ha continuato a funzionare facendo del suo meglio. Tra l’altro visto che sono stati tagliati anche altri servizi (vedi per esempio ufficio stranieri) ha anche supplito, in parte, alla mancanza di essi. L’eta’ media dell’utenza e’ intorno ai 27-28 anni, pochi giovanissimi, molti neodiplomati, giovani adulti, ma anche adulti che trovano risposte a molte tematiche. Poi c’e’ la Piastra, alla Pendolina, un luogo d’aggregazione per 13-21enni che trovano socialita’, laboratori e altro. Nel primo lavorano operatori informagiovani, nel secondo educatori. Quale dei due e’ meglio? Nessuno dei due, sono servizi diversi con target e scopi che solo raramente si sovrappongono. Con il nuovo bando, che e’ unico per i due spazi, a differenza di quello che dice qualcuno, si cancella l’Informagiovani (i dirigenti della Coop Tempolibero ce lo hanno chiaramente detto) e si vogliono uniformare i due spazi rendendo quello di via San Faustino piu’ simile alla Piastra, con educatori, target 13-21, laboratori. Perche’ questo, tu mi chiedi? Ti ho gia’ detto che dovresti fare questa domanda a chi ha pensato questo progetto. Posso azzardare almeno una ipotesi: tra due anni si vota. L’assessore alle Politiche Giovanili e’ dell’UDC, partito che e’ in maggioranza con il centrodestra al Comune, ma all’opposizione in provincia e a livello nazionale. Quindi cosa fara’ questo partito nel 2013 nessun lo sa. L’idea, a mio personalissimo parere e’ che gli serve parlare genericamente di innovazione perche’ sembra una cosa bella ed in piu’ offrire un servizio che sia peculiarmente per i bresciani (i cosidetti sportelli di secondo livello sono solo per residenti nel Comune di Brescia) cioe’ elettori o figli di elettori. Questa e’ una mia personalissima idea. Poi ci sono altri motivi di minor importanza, che pero’ non posso spiegarti qui. Se mi scrivi in privato (sanchosantoni@gmail.com) posso risponderti. Mah, spero che questa ipotesi sia chiara e ti convinca. Comunque noi non diciamo che l’IG cosi’ com’e’ e’ perfetto. Se l’amministrazione torna ad investire in esso al livello del 2006-2007 sai quante cose si possono fare in piu’! Noi abbiamo un sacco di idee e le stiamo mettendo in pratica. Da quando sono all’IG sento dirigenti e coordinatori che si riempiono la bocca di parole come innovazione e nuove tecnologie. Purtroppo sono vecchi, non anagraficamente (io lo sono, ho cinquant’anni); sono vecchi come mentalita’. In due settimane, tre persone, nel tempo libero, hanno fatto di piu’ in rete che l’Informagiovani di Brescia in anni e anni. Un motivo ci sara’! So che ho scritto molto, ma ne avrei ancora di cose da dire.

    12. magari! bersani e il PD fanno di peggio… prima contrastano i referendum e poi cercano di prendersi il merito della vittoria; dicono che la manovra non va bene e poi si appellano al senso di responsabilità, attraverso il loro presidente della repubblica, per farla passare in fretta; sono pronti a governare con gli ex fascisti di fini e anche con la lega etc… Ma sono andato fuori tema. Scusate per prima, ma mi infastidisce il modo con cui si usa male la rete, ripetendo nei forum le stesse domande. Cmq, sancho santoni, quello che hai detto è interessante. Ma poi c’è quello che non hai detto. Posso provare anch’io a mandarti una mail per chiedere delucidazioni?

    RISPONDI